Charles Dickens, 200 anni dopo: “storia di uno scrittore in bianco e (fumosamente) nero”