Simboli, corrispondenze, colpi di dadi: la parola-formula magica nella poesia di Mallarmé