Speciale: in tempo di crisi anche la letteratura si fa “precaria”