Le Nuvole di Aristofane

Il commento...

“Le Nuvole”
di Aristofane

“Ahimè, ahimè, che affare lungo queste notti, signore Giove!
Non finiscono piú. Quando mai si farà giorno?
Eppure ho inteso il gallo da un bel pezzo! E i servi sotto a russare. Eh, un tempo non russavano!
Ti si pigliasse un accidente, oh guerra!
Per tante cause, e poi, perché non posso piú castigare i servi!”

(incipit, traduzione di Ettore Romagnoli)

Se incontrassi Aristofane, mi inchinerei al suo cospetto.

Lui, padre della comicità per eccellenza, è davvero riuscito a farmi fare grasse risate. È quasi sospetto il modo in cui le sue commedie riescano ad essere tutt'ora così contemporanee, sono convinta del fatto che i suoi testi possano essere ripresi restando intoccati, e sembrare scritti da un giovane della nostra età. “Le nuvole” (disponibile online su laFeltrinelli e IBS) ne è un esempio: opera sicuramente complessa e ambigua, ma se non fosse per Socrate e i Sofisti, la parodia della filosofia potrebbe essere ripresa ancora e ancora con personaggi odierni.

Strepsiade esiste anche oggi, questo padre contadino e curioso, che non dorme la notte perchè deve pagare i debiti e sfuggire ai creditori. Reduce da un disgraziato matrimonio con una gran dama, che nel 2010 potrebbe essere etichettata con vari nomignoli e sfumature...
Alle prese con il figlio degenere Fidippide, amante del gioco d'azzardo, e mi sembra tanto di vedere uno sfaticato dei giorni nostri.

Poi, i valori rovesciati, la crisi dei valori tradizionali. La parodia dei personaggi politici in voga duemila anni fa, che tanto somigliano per comportamento e attitudine, ai nostri attuali amministratori.

In gioco nell'opera c'è il cambiamento stesso dei valori… ma, anzichè buttarmi in considerazioni filosofiche, io ho apprezzato soprattutto, quelli che adesso sarebbero gli sketch di Strepsiade. Inimitabili. Le radici della comicità!

Se si pensa che questa commedia è andata in scena per la prima volta ad Atene -durante le Grandi Dionisie, nel 423 A.C.-… ma, scusate, che è cambiato da allora?!

 

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...