Festa del Libro “Macerata Racconta: le mutazioni”

L'evento...

Macerata Racconta

“le mutazioni”

Il mondo che cambia e i libri che cercano di raccontarlo sono i protagonisti della II edizione di “Macerata Racconta”, che dal 2 al 6 maggio porta nel centro storico cittadino incontri con autori di fama nazionale, laboratori, una fiera dell'editoria, spettacoli e mostre, il tutto giocato sul filo conduttore delle “mutazioni”.

Il tema sarà esplorato in ogni suo aspetto e forma dalle parole scritte degli autori, da quelle lette e raccontate dagli attori, dalle note dei musicisti, dalle immagini degli artisti; insomma uno sguardo il più possibile ampio su un tema che è nella natura stessa delle cose e dell’uomo.
(fonte: http://www.macerataracconta.it/wordpress/edizione-2012/)

Forma in trasformazione, sostanza aperta alla metamorfosi, la mutazione è l'essenza e il simbolo dello scorrere del tempo, dell'evolversi dei gruppi sociali e dei singoli. Cambiano i contesti storico-culturali, cambiano la politica, la società, l'immaginario collettivo, il modo di raccontare se stessi e di raccontarsi la realtà circostante. Cambiano le psicologie e i linguaggi.

Eppure, nel ritmo vorticoso del cambiamento, oggi sembra farsi strada una tendenza altra:

“una filosofia nuova, figlia di tutte le mutazioni precedenti. Quella del recupero, del riciclo. Riadattare, aggiustare, conservare, mantenere”  
(fonte: http://www.macerataracconta.it/wordpress/le-mutazioni/)

scrive Elisabetta Bucciarelli per “Macerata Racconta”.
E, precisando lo spirito della manifestazione – divisa tra due spinte apparentemente opposte, ma in realtà convergenti – aggiunge:

“Si gioca qui la partita verso un futuro aperto, nella capacità di accettare il cambiamento e di favorirlo e nell'abilità di mantenere e riscoprire ciò che invece merita di restare. Il suolo, l'acqua, le nostre rughe. Le eccellenze, la letteratura e i valori condivisi”

Tantissimi gli appuntamenti in programma, tra incontri con autori, reading e laboratori.

Mercoledì 2 maggio (ore 16, Biblioteca Mozzi Borgetti) si comincia con gli studenti dell'Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Macerata, che  presentano il lavoro svolto durante il laboratorio di lettura sul romanzo di Andrea Camilleri “Privo di titolo”, mentre l'inaugurazione ufficiale di “Macerata Racconta” è prevista alle ore 17 presso i locali ex Upim di Corso Matteotti, e coinciderà con il taglio del nastro della Fiera dell'editoria “Marche libri”, aperta al pubblico per tutta la durata della manifestazione.

Danae di TizianoAlle ore 18 (Aula Magna dell'Università) si prosegue con Adriano Prosperi, che presenta “Il seme dell'intolleranza”; e alle 21 (Antichi Forni) si svolgerà la lettura scenica tratta da “Le Metamorfosi” di Ovidio, con Simone Pieroni, Lucia De Luca, Marta Montanari (flauto) e Magdalena Fontana (chitarra).

Restando nel solco delle “mutazioni”, non poteva mancare una riflessione sulla rivoluzione del digitale nel mondo dell'editoria, argomento di cui si parlerà giovedì 3 maggio (ore 10, Camera di Commercio) insieme a Tiberio Sarti, responsabile marketing Mondadori Direct Spa.

Nel pomeriggio spazio alla saggistica: alle 16:45 (Cortile del Municipio) arriva Paolo Di Paolo con “Dove eravate tutti”.
Si prosegue con Chiara Frugoni e il suo “Storia di Chiara e Francesco”,  che affronta temi di carattere religioso, ripercorrendo la vita di San Francesco D'Assisi e Santa Chiara (ore 18, Aula Magna dell'Università).
Ci si sposta poi  verso il terreno giudiziario con “Ne valeva la pena” di Armando Spataro (ore 21, Auditorium San Paolo). Chiude la serata il concerto dei Synusonde (ore 22:30, Antichi Forni). 

Venerdì 4 (ore 11, Biblioteca Mozzi Borgetti) ci sono gli studenti delle scuole superiori che presentano “Mutazioni”, antologia di racconti realizzati nel corso del laboratorio di scrittura tenuto da Adrian Bravi. Ancora in Biblioteca Mozzi Borgetti, alle 12 arriva il pianista e direttore d'orchestra Gianfranco Stortoni, per un aperitivo letterario sul tema “Mutazioni in corso... d'opera”; e alle 16:30 letture per bambini a cura dell'associazione “La luna a dondolo”.

La narrativa sarà al centro dell'incontro delle ore 18:30 presso gli Antichi Forni, quando Francesca Genti presenterà il romanzo “La febbre”, mentre alle 21 (Auditorium San Paolo) Gianrico Carofiglio e Glauco Giostra discutono de “La manomissione delle parole”


(fonte:
http://www.macerataracconta.it/wordpress/galleria-fotografica/)

Si parla nuovamente di editoria sabato 5 maggio nella tavola rotonda “Non c'è cultura senza libri”, che vedrà gli interventi di Pietro Marcolini, Federico Bracco e Ginevra Bompiani (ore 10, Camera di Commercio).
Ancora Ginevra Bompiani alle 12 (Antichi Forni) sarà protagonista di un aperitivo letterario dedicato alla presentazione del romanzo “La stazione termale”, mentre per i più piccoli – presso la Biblioteca Mozzi Borgetti – ci sono le letture animate (ore 10:30) e il laboratorio “Fiato sospeso” (ore 16:30), tenuto da Silvia Vecchini e Sualzo (per info, costi e prenotazioni: mail lesfriches@ymail.com; tel. 346.6148023).

Il pomeriggio prosegue con la graphic novel di Riccardo Cecchetti e Marco Peroni “Adriano Olivetti. Un secolo troppo presto” (ore 16:45, Cortile del Municipio), e l'intervento del geologo Mario Tozzi sul tema “Gaia: squilibri ambientali” (ore 18:30, Teatro della Filarmonica). In serata, agli Antichi Forni ritorna il romanzo, con Franco Arminio e il suo “Terracarne” (ore 21), cui segue – alle 22:30 – lo spettacolo teatrale “L'ultima madre”, ispirato ad “Accabadora”  (romanzo vincitore del Premio Campiello 2010) di Michela Murgia e diretto da Marta Ricci.   

L'ultima giornata di “Macerata Racconta” - domenica 6 maggio - propone il corso di scrittura creativa tenuto dall'associazione Scriptorama, presso la Biblioteca Mozzi Borgetti, dalle 9 alle 18 (per info, costi e prenotazioni: mail: info@scriptorama.it; tel. 3492625590). Anche i bambini si ritrovano in biblioteca per le letture animate a cura dell'associazione “La luna a dondolo” (ore 10:30) e per la lettura scenica di “Pinocchio: l'asino burattino”, con Sauro Savelli (ore 16:30).

Per gli adulti, invece, non mancheranno gli incontri con gli autori: alle 12 (Antichi Forni) c'è l'aperitivo letterario con Caterina Cavina, che presenta il romanzo “La merla”, mentre alle 16:45 (Cortile del Municipio) arriva Elettra Stimilli con “Il debito del vivente. Ascesi e capitalismo”. Al Teatro della Filarmonica, infine, spazio agli interventi di Loriano Macchiavelli, che parlerà di “Strage e altre storie infinite” (ore 18:30).

L’edizione 2012 della festa del libro Macerata Racconta sarà chiusa da Stefano Benni, con il monologo “Dell'ironia” (ore 21), a metà strada tra il reading, e la lectio magistralis sull’importanza dell’ironia e sulle sue forme.

 


“Macerata Racconta” è una manifestazione organizzata dall'associazione culturale “conTESTO”, in collaborazione con il Comune di Macerata.

Tutti gli appuntamenti sono a ingresso gratuito (a esclusione del laboratorio “Fiato sospeso” e del laboratorio di scrittura creativa a cura di “Scriptorama”).
In caso di pioggia, gli eventi previsti presso il Cortile del Municipio si terranno agli Antichi Forni.

Il programma completo -in pdf- è scaricabile qui.
Per restare aggiornati consultate il
sito ufficiale.


 

 


Evento organizzato da Associazione culturale "ConTESTO", Comune di Macerata e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...