XXIII Mostra del Libro Antico

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > fiere e mercati di libri > manifestazioni a tema > mostre tematiche
Questo evento si è tenuto dal 16 marzo 2012 al 18 marzo 2012 presso il Palazzo della Permanente, Via Filippo Turati 34 (Milano) (tutta la giornata).
L'evento...

XXIII Mostra del libro antico

Giunge alla sua XXIII edizione la Mostra del Libro Antico di Milano, che anche quest'anno -dal 16 al 18 marzo presso il Palazzo della Permanente- dà appuntamento a bibliofili e collezionisti con una ricca offerta di volumi rari e preziosi provenienti dalle migliori librerie antiquarie italiane e internazionali.

Promossa e organizzata dalla Fondazione Biblioteca di via Senato, la mostra -che sarà inaugurata giovedì 15 marzo, alle ore 18:30- costruisce un percorso a più direzioni intorno al libro, da riscoprire non solo per i suoi contenuti testuali, ma anche e soprattutto per quelle caratteristiche materiali -dalle legature alle incisioni, dalle stampe ai disegni- che ne fanno un oggetto di culto, permettendone una fruizione visiva e tattile, al pari di un'opera d'arte intesa nel senso più tradizionale del termine.

Negli stand dei vari espositori (molti dei quali arrivano da Gran Bretagna, Germania, Francia, Austria e Portogallo), si spazierà dalla parola scritta all'immagine, e si potranno ammirare -fra gli altri- documenti fotografici eccezionali, come il raro scatto del 1938 autografato da Himmler, che ritrae Hitler, Mussolini, Goebbels e lo stesso Himmler in visita alla Mostra Augustea della Latinità, durante un soggiorno del Führer in Italia. Di epoca fascista anche la rivista di cultura militare della Milizia Universitaria, perfettamente conservata, con dedica e firma di Benito Mussolini.

Fra le incisioni ci saranno invece quelle originali in legno di Ernst Ludwig Kirchner, intitolate “Alfred Döblin – Das Stiftsfräulein und der Tod (Berlin-Wilmersdorf)”; i 125 ritratti di imperatori, duchi e condottieri contenuti nel primo catalogo illustrato di un museo del 1601, realizzato da Jakob Schrenck von Notzing; la seconda edizione de “Los Proverbios” di Francisco Goya y Luciendes (del pittore spagnolo, in mostra anche le 80 tavole di “Los Desastres de la Guerra. Colección de ochenta láminas”, che raffigurano gli orrori della guerra d'indipendenza spagnola).

Ancora, di straordinaria bellezza il “Giudizio Universale” di Michelangelo, proposto in una stampa di Giorgio Ghisi, del 1540; le stampe giapponesi di fiori e uccelli contenute nel volume “Keinen Kacho Gafu”, del 1892; o il “Libro D'Ore”, risalente al 1460 e decorato con dodici grandi miniature e tre lettere istoriate, ognuna circondata da magnifiche bordure fitomorfe. 

Grande spazio sarà poi riservato alla letteratura, i cui appassionati troveranno il manoscritto autografo di Ippolito Nievo “Pindaro Pulcinella. Commedia in tre atti” e quello di Jeorge Luis Borges “Pierre Menard, autor del Quijote”. Fra i testi italiani, inoltre, la prima edizione dei “Promessi sposi” del 1825 e il “Commentario sopra il libro dei delitti e delle pene” di Beccaria, mentre guardando alla letteratura straniera ci saranno “Mensagem” di Ferdinando Pessoa, “The tragedy of Hamlet Prince of Denmarke” di William Shakespeare, “Les Essais” di Michel de Montaigne e “Le poète assassiné” di Guillaume Apollinaire. Interessante chicca è poi la scatola di compensato con coperchio serigrafato e inciso con il ritratto di “Ubu”, contenente attrezzi, testi e documenti della Patafisica, pseudo scienza inventata dallo scrittore Alfred Jarry.

Non mancheranno neppure mappe e testi geografici; trattati scientifici, come l' “Epitome Astronomiae Copernicanae” di Keplero; grandi classici del pensiero, fra cui una prima rara edizione in volgare dei “Ragionamenti sopra la moneta, l'interesse del denaro, le finanze e il commercio, scritti e pubblicati in diverse occasioni” di John Locke.

Ad arricchire la manifestazione ci sarà poi la mostra “Aureae Ligaturae. Dal Quattrocento a Novecento nella Biblioteca di via Senato”, curata da Federico Macchi e Annette Popel Pozzo, con 140 legature selezionate per stile e qualità di fattura, realizzate in Italia, Francia, Germania, Paesi Bassi e Inghilterra, tutte contenute nei fondi della Biblioteca di via Senato. 

Eventi collaterali
Alla Mostra del Libro Antico si lega anche il percorso espositivo “Il Novecento in cento libri e un manoscritto”, allestito Casa Manzoni  dal 14 al 18 marzo. All'interno della mostra sarà ospitata una serie di rare prime edizioni di libri che hanno segnato la storia letteraria italiana del secolo appena trascorso, fra cui: gli “Ossi di seppia” di Eugenio Montale; la plaquette de “Il porto sepolto” di Giuseppe Ungaretti, stampata in ottanta copie; il primo libro di poesie di Umberto Saba; “I cavalli bianchi” di Aldo Palazzeschi; i “Canti orfici” di Dino Campana; “Ladri di biciclette” di Luigi Bartolini; “Se questo è un uomo” di Primo Levi; i libri futuristi “paroliberi”; e il manoscritto de “Il Gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa.

La mostra a Casa Manzoni sarà inaugurata mercoledì 14 marzo (alle ore 17:30) da Giampiero Mughini e resterà poi aperta al pubblico fino al 18 marzo, dalle ore 10 alle 18, con ingresso libero (negli stessi orari, inoltre, si potrà visitare anche la casa museo dello scrittore milanese).


La Mostra del Libro Antico di Milano è visitabile nei seguenti orari: venerdì e sabato dalle 11 alle 19; domenica dalle 11 alle 18.

Biglietto d'ingresso: intero 5 euro, ridotto 2 euro.

Per informazioni
tel. 02 21023079
mail: mostra.libroantico@publitalia.it

 

 


Evento organizzato da Fondazione Biblioteca di via Senato e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...