Angelo Donno presenta “Il meridiano delle stelle”

Francesca M Postato da Francesca M in Eventi > gruppi di letture/reading > incontro con autori > presentazioni
Questo evento si è tenuto il 4 marzo 2012 presso Cafè dei Napoli, Alliste (Lecce), alle 19:30.
L'evento...

Angelo Donno presenta

 “Il meridiano delle stelle”

Domenica 4 marzo, a partire dalle ore 19:30, il Cafè dei Napoli di Alliste (in provincia di Lecce) ospita una serata di musica e letteratura, con la presentazione del romanzo di Angelo Donno “Il meridiano delle stelle” (Manni editori) e le note del “Noir duo”.



“[...] in una terra nella quale tutto sembra lento, stagnante, immobile, in pochi anni, erano cambiate una quantità davvero rilevante di cose”

Un romanzo storico per raccontare il Salento dell'Ottocento, diviso fra Restaurazione ed entusiasmi rivoluzionari: così “Il meridiano delle stelle”, opera che segna l'esordio in narrativa di Angelo Donno.

Sono gli inizi del secolo e anche a Taviano, piccolo paese in provincia di Lecce, “l'orologio della storia” registra un'accelerazione. L'esercito francese di Napoleone Bonaparte, sbarcato al Sud per esportare la rivoluzione giacobina, ha avuto vita breve: il re, esiliato a Palermo, riconquista presto il trono e tutto torna come prima. Cancellata ogni traccia di rinnovamento politico e sociale che i francesi, pur con strumenti violenti ed estremisti -mettendo a ferro e fuoco l'intera Terra d'Otranto- avevano introdotto. Niente libertà di stampa, di espressione, di pensiero, e, dall'altro lato, difesa  a oltranza dei privilegi nobiliari: è il clima opprimente della Restaurazione, successiva al Congresso di Vienna. Ma succede qualcosa: succede che anche qui, nella periferia del regno, in un mondo in cui l'eco dei fatti storici giunge ovattato quasi si trattasse di una favola, anche qui c'è chi decide che è giunto il momento di dare una svolta. Di offrire alla povera gente la speranza -e non solo quella- di una vita più dignitosa.

A farsi carico della lotta non può essere certo il popolo, stremato da bisogni materiali e da una quotidianità che poco spazio lascia alla politica o agli ideali.

“[…] la nostra gente, ha dei bisogni impellenti a cui pensare. Deve trovare il modo di sfamare i figli, lottare contro tutto e tutti, come pensi che possa avere il tempo e l'energia mentale da impegnare nell'elaborazione di idee politiche, qualora ne avesse le capacità. Non è mai stata la gente comune a cambiare la storia, né mai lo sarà. Il popolo è la componente più importante, la variabile indispensabile, ma deve essere consigliata, accompagnata, soprattutto guidata. Per questa ragione è necessario che ci sia qualcuno in grado di assumere questo ruolo, qualcuno che abbia a cuore le loro stesse ragioni, che sia uno di loro, che abbia le capacità e l'intelligenza per poterlo fare, altrimenti questa gente sarà condannata a rimanere alla mercé di avventurieri senza un briciolo di moralità” 

E allora tocca alle società segrete, alla Carboneria, insospettabilmente ramificata anche nei piccoli centri. Tocca a Ferdinando e Giovanni, a Don Margiotta e a tutti quelli che come loro -in nome della libertà- accettano di vivere nascosti, braccati, sempre esposti al rischio.

Supportato da una puntuale ricostruzione storica che restituisce una mappa dettagliata dell'epoca e dei luoghi, “Il meridiano delle stelle” intreccia passioni forti: quella politica in primo luogo, e poi quella amorosa, nella relazione impossibile tra Ferdinando e la marchesina Livia Caracciolo.

L'autore
Nato nel 1959 a Taviano, Angelo Donno è sociologo e dirigente di primo livello nella ASL locale. Da sempre impegnato in politica, è anche stato Assessore alla Cultura nel suo Comune.

 

 


L'evento è pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...