“Libri come”. Festival del Libro e della Lettura – Edizione 2012

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > gruppi di letture/reading > incontri letterari > incontro con autori > manifestazioni a tema > presentazioni > scuole, corsi e laboratori
Questo evento si è tenuto dal 2 marzo 2012 al 11 marzo 2012 presso Auditorium Parco della Musica (Roma) (tutta la giornata).
L'evento...

“Libri come”

Festival del Libro e della Lettura

Edizione 2012

All'Auditorium Parco della Musica di Roma per il terzo anno consecutivo si rinnova l'appuntamento con “Libri come”, festival del libro e della lettura in programma da giovedì 8 a domenica 11 marzo. 

Grandi protagonisti della letteratura italiana e internazionale, giovani scrittori di talento, saggisti, intellettuali ed esperti del settore editoriale animeranno le tappe di un vero e proprio viaggio nell'universo cangiante del libro, interrogandosi non solo sul “cosa” questa sorta di oggetto magico rappresenti, ma soprattutto sul “come” viene immaginato, scritto, messo in circolazione e infine letto.

L'edizione 2012 della manifestazione rivolge uno sguardo particolare al futuro, quello della società (fra crisi economica e integrazione culturale) e quello della scrittura, con le nuove frontiere aperte dall'e-book e dalla rivoluzione digitale.

Come da tradizione, gli spazi del Garage (ma tanti saranno gli eventi anche nelle altre sale) diventeranno cantiere aperto di creatività, sperimentazioni e discussioni ospitando presentazioni letterarie, incontri con autori, reading, e i laboratori “I mestieri del libro”, nel corso dei quali conoscere le varie figure professionali che operano nel mondo dell'editoria.

Numerose anche le mostre, all'interno delle quali osservare l'oggetto libro attraverso le più svariate e originali prospettive, ammirando -ad esempio- fotografie delle librerie più strane del mondo, scatti che ritraggono famosi scrittori, installazioni e reinterpretazioni in chiave creativa che trasformano le pagine in vere e proprie opere d'arte.


Proponiamo di seguito una sintetica carrellata sui centinaia di eventi in programma nell'edizione 2012 di “Libri come”, con un focus sui vari percorsi e le differenti sezioni in cui si articola il ricchissimo calendario.

Mostre

Già dal 2 marzo nello spazio AuditoriumArte è aperta al pubblico l'esposizione delle opere di Sabrina Mezzaqui, che mette la letteratura e l'oggetto libro al centro del suo fare artistico.

Il 5 marzo s'inaugurano, invece, la mostra delle installazioni di Alicia Martín (presso il Foyer Sinopoli), con libri che formano torri sospese in aria, cascate che traboccano dagli edifici e valanghe che divelgono le pareti; e la mostra fotografica “Bookshelfporn” (nello spazio Garage), con una carrellata di scatti che ritraggono librerie, biblioteche o scaffali di libri di tutto il mondo (le immagini sono raccolte on line nel blog www.bookshelfporn.com, ideato da Anthony Dever).

Ricordiamo inoltre “Scrittori”, una collezione di ritratti di grandi autori, al via dall'8 marzo presso il Foyer dell'Auditorium.
Le mostre qui segnalate saranno aperte per tutta la durata di “Libri come” (fino all'11 marzo), con ingresso gratuito.

“I mestieri del libro” e “Il lavoro culturale”

Per chi voglia conoscere tutto ciò che ruota intorno a un libro, dalla prima stesura alle fasi che precedono e seguono la pubblicazione, anche quest'anno “Libri come” propone i laboratori dedicati a I mestieri del libro, con la presenza di operatori del settore che guideranno i partecipanti alla conoscenza dei ruoli, delle professionalità e dei segreti di una casa editrice.

Questo il calendario completo degli incontri:

- Lunedì 5 marzo
Garage, Officina 1, dalle ore 15 alle 18

Come si apre una casa editrice
Tommaso Cenci
(66thAnd2nd)
Alessandra Gambetti (Lantana)
Marco Cassini (Minimun fax)

- Martedì 6 marzo
Garage, Officina 1, dalle ore 15 alle 18

Editor. Come si cura una collana di narrativa italiana
Nicola Lagioia
(Minimum fax)
Benedetta Centovalli (Giunti)

- Mercoledì 7 marzo
Garage, Officina 1, dalle ore 15 alle 18

Editor. Come si cura una collana di narrativa straniera
Giovanna De Angelis
(Fanucci)
Luca Briasco (Einaudi Stile Libero)

- Giovedì 8 marzo
Garage, Officina 1, dalle ore 15 alle 18

Editor. Come si cura una collana di saggistica
Maurizio Donati
(Chiarelettere)
Simona Santarelli (Donzelli)

Garage, Officina 2, dalle ore 15 alle 18

La traduzione editoriale
Simona Cives (Casa delle Traduzioni/Biblioteche di Roma)
Ilide Carmignani

- Venerdì 9 marzo
Garage, Officina 2, dalle ore 15 alle 18

Come si comunica un libro. Ufficio stampa ed eventi
Alba Donati
(Davis & Franceschini)
Nicola Attadio (Laterza)

Garage, Officina 2, dalle ore 15 alle 18

Come si cura la grafica di una collana
Riccardo Falcinelli
(Minimum fax)
Maurizio Ceccato (Hacca)

Inoltre, diverse figure che operano a Roma nel campo dell'editoria, della cultura e della scrittura -quali autori, editor, giornalisti, redattori, librai, bibliotecari e associazioni- si danno appuntamento per discutere de “Il lavoro culturale” (tre incontri, con ingresso gratuito, presso lo Spazio Risonanze: 9 marzo ore 21; 10 e 11 marzo ore 20): un'occasione per fare il punto sulle iniziative culturali della città e metterne a punto di nuove.

Scrittura e lettura: dove vanno i libri?

Fra i temi centrali che saranno dibattuti in compagnia dei tanti ospiti della manifestazione, c'è certamente quello del rapporto fra letteratura e nuove tecnologie: come cambiano i gesti dello scrivere e del leggere quando carta e penna sono sostituite dalla tastiera di un pc e i volumi si trasformano in file digitali? Nei quattro incontri serali di “Librinellarete”, in programma in Sala Petrassi, si tenterà di fornire delle risposte, riflettendo su “Come si legge oggi, come si leggerà domani”: il primo a prendere la parola, giovedì 8 marzo (ore 21) sarà Carlos Ruiz Zàfon, già autore del bestseller “L'ombra del vento” e ora nelle librerie con “Il prigioniero del cielo”; venerdì 9 (ore 21) tocca a Salvatore Settis e Gian Antonio Stella; sabato 10 (alle 18) arriva Clara Sánchez; mentre a chiudere questo mini ciclo, domenica 11 (alle 19), sarà Alessandro Baricco.
Le conversazioni di “Librinellarete” possono essere seguite anche in streaming sul sito www.telecom.com.

Al digitale nei libri e nell'immaginario collettivo della nostra epoca sono dedicate anche la conferenza “Come l'I pad”, nel corso della quale Maurizio Ferraris propone alcuni spunti di riflessione partendo dal saggio “Anima e I pad” (venerdì 9 ore 18, Teatro Studio);  la tavola rotonda sul tema “Come sarà il futuro del libro” (sabato 10 ore 16, Sala Petrassi), che vedrà confrontarsi Raffaello Avanzini, Riccardo Cavallero, Sandro Ferri, Gianluca Foglia, Stefano Mauri, Massimo Turchetta; l'intervento di Michele Mirabella, che presenta il suo libro “Cantami, o mouse” (domenica 11 ore 18, Garage Officina 2); e un'altra tavola rotonda, “Come mi pubblico. Scrittori e editori nell'era del self-publishing”, con Elido Fazi, Francesco Forlani, Giorgia Grasso, Alberto Rollo e Livia Sorio (domenica 11 ore 12, Spazio Risonanze). 

Parleranno poi del loro lavoro, fra aspetti tecnici e magia della scrittura, numerosi autori, fra i quali Milena Agus e Paola Soriga, in un dialogo a due voci in programma giovedì 8 alle ore 20 (Spazio Risonanze). Sabato 10 arrivano poi Jennifer Egan, autrice de “Il tempo è un bastardo”, vincitore del Premio Pulitez nel 2011 (ore 15, Teatro Studio); Giorgio Faletti (ore 16, Sala Sinopoli); Chiara Gamberale e Raffaele La Capria (ore 18, Spazio Risonanze); Niccolò Ammaniti e Andrea Camilleri (ore 20, Sala Sinopoli). Nella stessa giornata, da segnalare anche la tavola rotonda sul tema “Come ho scritto il mio primo libro” (ore 17, Teatro Studio), che vedrà la partecipazione di cinque autori che presentano il loro esordio letterario: Maria Paola Colombo (“Il negativo dell'amore”), Giovanni Greco (“Malacreanza”), Paolo Sortino (“Elisabeth”), Alessandro Mari (Troppo umana speranza) e Roberto Costantini (Tu sei il male).

Arrivando a domenica 11, la scrittura sarà ancora in primo piano negli appuntamenti con John Banville, più volte candidato al Nobel e vincitore del Booker Prize nel 2005 con il romanzo “Mare” e del Kafka Prize nel 2011 con il giallo “Dove è sempre notte” (ore 12, Teatro Studio); Jonathan Coe (ore 15, Sala Petrassi); e Alicia Gimènez-Bartlett (ore 17, Sala Petrassi).

Sempre domenica 11, uno sguardo ai contesti internazionali della letteratura sarà offerto nell'incontro con Nir Baram, Ron Leshem ed Eshkol Nevo, tre autori simbolo del nuovo panorama letterario di Israele (ore 15, Teatro Studio).

Società, storia e futuro

Il calendario 2012 di “Libri come” riserva uno spazio importante all'attualità e all'analisi del presente, osservato in rapporto al passato prossimo che ci si è lasciati alle spalle e al futuro ancora da costruire.

Partendo dalla situazione del nostro Paese, venerdì 9 (ore 19, Sala Petrassi) Paolo Mieli e Marco Travaglio (autore, quest'ultimo, del libro “Mani pulite”, scritto con Gianni Barbacetto e Peter Gomez) ricostruiscono lo scenario di Tangentopoli, una stagione dalle molte ripercussioni politiche e sociali; mentre, sempre nella stessa giornata (ore 20, Garage Officina 2), Tullio De Mauro, Max Manfredi e Vanni Pierini s'interrogano su “Come si racconta l'unità d'Italia”

Nei testi e nelle parole di Antonia Arslan e Varujan Vosganian, ospiti di “Libri come” venerdì 9 marzo (ore 19, Spazio Risonanze), ritorna invece la tragedia di un eccidio dimenticato, quello del popolo armeno, evento di cui il prossimo 24 aprile ricorrerà il 96° anniversario.

Di discriminazione e paranoia xenofoba latente anche nelle più evolute società occidentali, come quelle dei Paesi Scandinavi, parlerà poi Gellert Tamas (sabato 10 ore 12, Teatro Studio) che, intervistato da Goffredo Fofi, racconterà il suo libro-inchiesta dal titolo “L'uomo laser”, dedicato alla storia di John Ausonius, l'uomo che nel 1991, armato di fucile laser, terrorizzò Stoccolma colpendo gli immigrati e tutti coloro che mostravano un aspetto “non conforme” a quello di una presunta tipica razza svedese.

Sabato 10 marzo (ore 16, Spazio Risonanze), economia, crisi e spread saranno le parole chiave dell'incontro con Loretta Napoleoni, già autrice dei volumi “Terrorismo Spa”, “Economia Canaglia” e “Il Contagio”; mentre in serata (ore 21, Sala Petrassi) il direttore di Repubblica Ezio Mauro e il presidente emerito della Corte Costituzionale Gustavo Zagrebelsky rifletteranno sul futuro della democrazia.

Segnaliamo inoltre, nella giornata di chiusura di “Libri come” -domenica 11, ore 16:30 Spazio Risonanze- una maratona dialettica che per tre ore vedrà diversi personaggi (Frieda Brioschi, Pier Luigi Celli, Ugo Mattei, Alberto Mingardi, Giacomo Panizza, Stefano Rodotà, Mila Spicola e altri) avanzare proposte, analisi e riflessioni su ciò che riserva il futuro nel mondo del lavoro, della cultura e della politica. A ciascun intervento sarà concesso lo spazio di un quarto d'ora, secondo il modello delle “Ted conference” americane.

Attività didattiche

Per le scuole, “Libri come” propone due percorsi tematici ritagliati sull'attualità, con incontri che si svolgeranno nello Spazio Garage.

In particolare, con gli studenti delle medie si affronterà il tema dell'integrazione e della convivenza fra popoli e culture in una realtà multietnica: lunedì 5 marzo Guido Barbujani -genetista e autore di libri quali “L'invenzione della razza” e “Sono razzista ma sto cercando di smettere”- spiegherà quanto sia fuorviante il concetto di razza; martedì 6 e mercoledì 7 arriva la giornalista e scrittrice Carlotta Mismetti Capua, che racconterà il progetto “La città di Asterix”, nato per far conoscere la storia di due ragazzini afgani incontrati a Roma nel 2008; mentre l'8 e 9 marzo a chiudere il ciclo ci sarà lo scrittore Fabio Geda, noto al pubblico per il romanzo “Nel mare ci sono i coccodrilli” e ora nelle librerie con “L'estate alla fine del secolo”.

Con gli studenti delle scuole superiori si parlerà invece di infiltrazioni mafiose nella società: a intervenire su questo spinoso tema ci saranno Carlo Bonini, una delle firme più prestigiose del giornalismo investigativo (5 e 6 marzo); il magistrato napoletano Raffaele Cantone (7 marzo); e il giovane giornalista Giovanni Tizian, sotto scorta dallo scorso dicembre (a “Libri come” l'8 e 9 marzo).


Per il programma completo della manifestazione visitare il sito ufficiale alla pagina http://www.auditorium.com/eventi/festival/5178078/

“Libri come” è un evento organizzato dalla Fondazione Musica per Roma .

Per info e prenotazioni (biglietto del costo di 2 euro):
tel. 06/80241.226-408-563
mail: promozione@musicaperroma.it

 

 


Evento organizzato da Fondazione Musica per Roma e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...