Più libri, più liberi. X Edizione

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > fiere e mercati di libri > happening > incontro con autori > manifestazioni a tema > mostre tematiche > presentazioni
Questo evento si è tenuto dal 7 dicembre 2011 al 11 dicembre 2011 presso il Palazzo Congressi dell'EUR (Roma) (tutta la giornata).
L'evento...

“Più libri, più liberi”
X Edizione

Compie dieci anni e ritorna al Palazzo Congressi EUR di Roma “Più libri, più liberi”, fiera nazionale dedicata alla piccola e media editoria indipendente: dal 7 all'11 dicembre un programma che prevede 300 eventi con protagonisti alcuni fra i maggiori scrittori sulla scena italiana e internazionale, ma anche personaggi del mondo della cultura, dello sport, dello spettacolo e della scienza.

Minacciata dall'inasprirsi della crisi economica, dai tagli alla cultura, dal potere dei grandi marchi editoriali e dalle mode imposte da tv e pubblicità -sempre pronte a spingere sul best-seller del momento o sul libro del vip di turno-, l'editoria indipendente non vive certo un periodo facile. Eppure, le scelte di lettura che provengono dal basso -dalle cosiddette nicchie- possono giocare a proprio vantaggio la carta della diversità culturale, della scelta coraggiosa e controcorrente in un'epoca di dilagante conformismo. Sostenere il principio della varietà nei prodotti culturali -e specificamente librari- è appunto la sfida in cui si impegna da sempre “Più libri, più liberi”.

All'interno del calendario proposto per l'edizione 2011, si possono individuare alcune tracce tematiche, piccole bussole che permettono di orientarsi fra i tanti appuntamenti in programma, dai reading alle presentazioni librarie, dai dibattiti alle performance di teatro e musica, fino ai laboratori e alle mostre.

Accanto agli incontri con i big della letteratura italiana e internazionale, si parlerà di divulgazione culturale in Italia, con un focus sulle riviste e sul fenomeno dei festival letterari; grande spazio anche a biografie, noir, poesia, saggistica; temi d'attualità e orizzonti di geopolitica (con particolare riferimento alle lotte per la democrazia nei Paesi del Nord Africa e del Medio Oriente); attenzione al rapporto fra carta stampata e digitale -con le nuove sfide della comunicazione lanciate dal web-, e all'interazione fra scrittura e diversi linguaggi espressivi; e, immancabile, un ampio sguardo sulla storia d'Italia, nell'anno della celebrazione dei 150 anni dell'unità nazionale.

Sezioni speciali, inoltre, quelle dedicate a bambini e ragazzi -con un percorso che dalle favole porta ai videogiochi-, e ai professionisti del mondo editoriale, che si confronteranno su strategie di marketing e comunicazione, nuovi modelli di distribuzione e figure professionali legate all'industria del libro.

Passiamo ora a una sintetica carrellata di alcuni fra gli eventi di maggior interesse in programma nelle varie sezioni della fiera.

Narrativa italiana e internazionale: incontri con gli autori
Il vasto pianeta della scrittura non ha davvero confini, e a “Più libri, più liberi” se ne esplorano tutti i diversi territori geografici, partendo, com'è d'obbligo, dalle novità editoriali di casa nostra. 

Giovedì 8 dicembre (ore 19, Sala Rubino) arriva Andrea Molesini, vincitore lo scorso settembre del Premio Campiello con il romanzo “Non tutti i bastardi sono di Vienna”. Nella stessa giornata -la più ricca di incontri con gli autori- si fermano allo Spazio Incontri Bibliolibreria Marina Zuccoli con “Le mani sul muro” (ore 17) e Anna Capurso con “La coccarda della migliore” (ore 19), mentre allo Spazio Isola dei Libri (ore 18:30) Maria Antonietta Macciocu e Donatella Moreschi presentano “Patalie. Romanzo popolare sardo-piemontese”.
Proseguendo con il calendario delle presentazioni, venerdì 9 troviamo “Undicesimo comandamento. Uccidi chi non ti ama” di Elena Mearini (ore 14, Sala Rubino) e “Brogliaccio del Nord. Peripezie di uno studente Erasmus in Estonia” di Andrea Atzori (ore 17:30, Spazio Isola dei Libri).

Ancora, sabato 10 scrittura che racconta il territorio nel lancio della collana di narrativa “Emozioni a Roma. Storie e romanzi ambientati nella città” (ore 14, Sala Rubino), mentre alle 19 (Sala Ametista) Elisabetta Liguori si ispira ad un fatto di cronaca e nelle pagine de “La felicità del testimone” racconta l'omicidio di un politico in un paesino del Salento.

Il viaggio nella narrativa italiana si chiude nella mattinata di domenica 11 dicembre con l'ospite d'eccezione Andrea Camilleri, campione di vendite con la fortunatissima serie del commissario Montalbano, ma idealmente vicino e solidale al mondo della piccola e media editoria. Lo scrittore incontrerà il pubblico alle ore 12 in Sala Diamante.

Non mancheranno certo grandi firme del panorama letterario internazionale, fra le quali giovedì 8 arriverano Amélie Nothomb, da molti considerata la miglior scrittrice francofona vivente (ore 16, Sala Diamante) e l'attivista Messicana Lidia Cacho (ore 17, Sala Smeraldo), che presenterà al pubblico di “Più libri, più liberi” “Memorie di un'infamia”, coraggioso libro-inchiesta sugli abusi sessuali che donne e bambine subiscono in Messico e in altri Paesi poveri. Dall'America viene anche la giovane Sarah Bynum con “Madeline dorme” (venerdì 9 ore 15, Sala Rubino), romanzo d'esordio che le è valso un posto nella classifica dei 20 migliori scrittori under 40 stilata dal settimanale “New Yorker”.
Si torna invece in Europa con il russo Zachar Prilepin, insieme al quale si rifletterà sui fermenti culturali, sociali e letterari che caratterizzano il suo Paese (domenica 11 ore 16, Sala Smeraldo).

Fra la letteratura estera e quella italiana s'inseriscono poi le opere dei cosiddetti scrittori stranieri di seconda generazione, figli di genitori stranieri ma vissuti in Italia fin dalla nascita. A loro il Servizio Intercultura Biblioteche di Roma -giovedì 8 alle ore 19, Sala Diamante- dedica la tavola rotonda “Figli di tante patrie”, che vedrà confrontarsi Cristina Ali Farah, Shady Hamadi e Alice Zeniter, moderati da Tahar Lamri e Gabriella Sanna. Invece, a presentare i loro volumi venerdì 9 ci saranno  lo scrittore e giornalista algerino Amara Lakhous con “Un pirata piccolo piccolo” (ore 14, Sala Smeraldo), e Michal Viewegh -tra i più importanti autori contemporanei della Repubblica Ceca- con “La bio-moglie” (ore 17, Sala Ametista).

Uno sguardo sul mondo, con l'obiettivo d'incoraggiare la dimensione dello scambio culturale e le sinergie fra produzione editoriale latinoamericana e piccola e media editoria italiana, si offre nel ricco programma messo a punto per la IV edizione di “América Latina Tierra de Libros”, promossa a “Più libri, più liberi” dall'IILA, Istituto Italo-Latino Americano. Fra dibattiti, convegni e tavole rotonde, si avrà la presenza di affermati scrittori latino-americani (come William Ospina, Santiago Gamboa, Mario Araújo, Patricio Pron), ma si apprezzerà anche il panorama musicale di questa terra nel concerto del maestro Héctor Ulises Passarella e del suo gruppo.

La divulgazione culturale in Italia: riviste & festival

Fondamentali strumenti di approfondimento, analisi e critica, le riviste letterarie si sono imposte nel corso degli anni come spazi di sperimentazione su nuove forme di scrittura, forum di carta aperti al confronto delle idee e termometri per misurare la temperatura del dibattito culturale. Passate in molti casi dalla carta al web, le riviste letterarie occupano uno spazio importante nella X edizione di “Più libri, più liberi”, a partire dalla serie di quattro incontri (tutti in Sala Diamante) che vedrà protagonisti i responsabili di alcune fra le principali testate letterarie: il primo appuntamento  (mercoledì 7, ore 17) è organizzato da doppiozero e verte sul tema “Che fare. Idee per l'Italia di oggi”; la parola passa poi a Nazione Indiana , con una tavola rotonda dedicata al giornalismo d'inchiesta e al circolo virtuoso che lega carta stampata e rete (sabato 10, ore 12); si prosegue con Minima & Moralia, il blog culturale targato minimum fax, al centro di un incontro in cui si discute de “La conoscenza come bene comune, da Elinor Ostrom all'università e alla scuola” (sabato 10, ore 17); e si chiude il ciclo con Roland - Macchine e animali, che organizza un tavolo di riflessione su “Leggere i lettori: diritti e capricci del popolo dei libri” (domenica 11, ore 15).

Altra realtà importante nel panorama della divulgazione culturale è quella dei festival letterari, sempre più diffusi sul territorio nazionale. “Più libri, più liberi” osserva il fenomeno ospitando un incontro organizzato dal festival Trame di Lamezia Terme, sui libri come mezzi di contrasto e denuncia delle mafie (mercoledì 7); e accogliendo i responsabili di Internazionale (sabato 10), festival che ogni anno raccoglie a Ferrara giornalisti provenienti da ogni parte del mondo. Entrambi gli appuntamenti si svolgeranno negli spazi del Caffè Letterario, alle ore 18:30.

Viaggio fra i generi: biografia, noir, poesia, saggistica
Spaziando fra generi letterari diversi, s'incontrano racconti di vite straordinarie, storie divise fra  ombre del mistero e rosso del sangue, e poi la delicatezza dei versi e l'universo informativo della saggistica, tra riflessioni e analisi che toccano i più disparati campi dello scibile umano.

Sul versante delle biografie, a “Più libri, più liberi” si potranno ascoltare le storie dell'attore Massimo Trosi, raccontato da Rosaria Troisi e Lilly Ippoliti in “Oltre il respiro. Massimo Troisi, mio fratello” (domenica 11 ore 12, Sala Rubino); della giornalista Maria Grazia Cutuli, presentata da Cristiana Pumpo (venerdì 9 ore 19, Sala Turchese); di personaggi dello sport come l'allenatore Zednek Zeman (mercoledì 7 ore 18, Sala Diamante) e Roberto Baggio (in “L'ascensione di Roberto Baggio. Verso la beatificazione di un campione”, che Matteo Salimbene e Vanni Santoni presentano domenica 11 alle ore 14 in Sala Smeraldo). Altri due grandi protagonisti della storia d'Italia -in epoche e contesti diversi- sono Petrarca e Gramsci: del poeta del Trecento parleranno Domenico Luciani e Monique Mosser, curatori del volume “Petrarca e i suoi luoghi” (domenica 11 ore 17, Sala Turchese); mentre ripercorrono la vita di uno dei più noti rappresentanti del partito comunista Annamaria Baldussi e Patrizia Manduchi, curatrici di “Gramsci in Asia e in Africa” (domenica 11 ore 12, Spazio Isola dei Libri).

Per quanto riguarda invece il panorama internazionale, segnaliamo la biografia di Rosa Parks, attivista statunitense per i diritti degli afroamericani, raccontata da Fabrizio Silei e Maurizio A.C. Quarello in “L'autobus di Rosa” (sabato 10 ore 12, Caffè letterario); e quella del rivoluzionario Raùl Castro, fratello del più noto Fidel (a presentarla c'è Domenico Vecchioni, sabato 10 alle ore 11 in Sala Ametista).

A tinte fosche gli incontri legati al mondo del noir: nella prima gionata della fiera -mercoledì 7- si parte con un incontro dedicato progetto “Roma noir 2011”, al centro della tavola rotonda che vedrà Maria Rosa Cutrufelli, Saverio Simonelli e Ugo Vignuzzi confrontarsi sul tema “La città nelle scritture nere: territori urbani e geografie dell'anima” (ore 12, Sala Ametista). A “Più libri, più liberi” arriva poi uno dei maestri indiscussi del noir italiano, Massimo Carlotto, questa volta nelle vesti non di scrittore ma di curatore della collana “Sabot/age” della casa editrice e/o, che raccoglie storie graffianti a sfondo politico, sociale o criminale e sarà presentata giovedì 8 alle ore 17.

Fra gli appuntamenti di carattere poetico, oltre ai reading e alle tante presentazioni di raccolte di versi, segnaliamo l'omaggio al grande poeta portoghese Antero Tarquinio de Quental, celebrato nella tavola rotonda “Amore, lotte, pessimismo e morte: i 150 anni dei sonetos di  Antero Tarquinio de Quental” (venerdì 9 ore 11, Caffè letterario); e il dibattito intorno alle problematiche della traduzione dei testi poetici (domenica 11 ore 15, Spazio Incontri Bibliolibreria).

A risvegliare la mente, stimolando vivaci dibattiti intellettuali, ci penserà poi la saggistica, con tanti volumi che toccano scienza, società, filosofia, pedagogia, psicologia e linguaggio. Da non perdere l'incontro di domenica 11 (ore 14, Sala Diamante) con l'astrofisica Margherita Hack, che presenta “La mia vita in bicicletta”. Tutto da sondare anche il rapporto fra neuroscienze e design, di cui si parlerà in occasione della presentazione del libro “Guardare, pensare, progettare” di Riccardo Falcinelli (giovedì 8 ore 14, Sala Rubino); e l'interessante colloquio fra poeti e scienziati (venerdì 9 ore 12, Sala Ametista).

Attualità e orizzonti di geopolitica
Parlando di attualità non si può evitare di toccare i movimenti rivoluzionari del mondo arabo e mediterraneo, che hanno portato alla caduta dei regimi in Tunisia, Egitto e Libia, e creano un clima turbolento nell'area del Maghreb e del Medio Oriente. Si tratta di temi fortemente sentiti dall'opinione pubblica di oggi, temi che a “Più libri, più liberi” trovano spazio -oltre che nelle presentazioni di tanti volumi dedicati- nell'incontro “Oltre il conflitto: società civile e democrazia in Medio Oriente e Asia” (venerdì 9 ore 11, Sala Turchese), e nella tavola rotonda “Mediterraneo e Democrazia. I fatti e le ragioni profonde che muovono le rivoluzioni arabo-mediterranee. Dall'11 settembre a Piazza Tahir” (sabato 10 ore 19, Sala Smeraldo).
Andando oltre lo scenario della Primavera Araba, nel volume di Zyad Clot “Non ci sarà uno Stato palestinese” si parlerà delle tensioni tra Israele e Palestina (venerdì 9 ore 18, Sala Ametista), mentre Pascal Schembri cerca punti di contatto tra la scena politica italiana e quella internazionale nel libro “Kennedy e Berlusconi. Lo stesso destino?” (domenica 11 ore 14, Sala Ametista).

Dalla carta stampata al digitale: le nuove frontiere dell'editoria
Attualità è anche la rivoluzione dell'e-book, che segna il passaggio dal libro di carta al libro di bit.  Nella X edizione “Più libri, più libri” ci si chiederà se il libro del futuro sarà un'applicazione per tablet, e si potranno osservare alcuni risultati concreti della ricerca in questo settore, pensiamo, ad esempio, a “Le grandi battaglie della storia: Romani contro Cartaginesi”, un'applicazione che racconta sullo schermo di un iPad la celebre battaglia di Canne del 216 a.C., presentata in fiera venerdì 9 dicembre alle ore 18, in Sala Rubino.

La nuova epoca aperta dal digitale è una rivoluzione che coinvolge non solo il mercato editoriale, ma -in senso ben più ampio e profondo- il modo stesso di intendere l'uomo come essere pensante: se ne discuterà nell'incontro sul tema “La mente allargata: cultura digitale e neuroscienze a confronto” che vedrà dialogare Edoardo Boncinelli e Derrick De Kerckhove a partire dai libri di cui sono autori, rispettivamente “Il mondo è una mia creazione” e “Il sapere digitale” (giovedì 8 ore 11, Caffè letterario). E quando si riflette sul modo in cui l'avvento di nuove tecnologie ristruttura dalla base i moduli sociali e comportamentali, con un forte impatto sul linguaggio e la comunicazione, non si può che pensare a McLuhan: al grande sociologo canadese è dedicato l'omaggio “I cento anni di Marshall McLuhan”, in programma giovedì 8 dicembre alle ore 15, in Sala Turchese.

Interazioni arte/scrittura
La contaminazione fra linguaggi espressivi diversi e il formarsi di territori ibridi, in cui si incontrano scrittura, immagine, suono e rappresentazione scenica, sono alcune delle costanti portate in superficie dalle nuove tendenza della creatività. Fra i vari appuntamenti che “Più libri, più liberi” dedica a questi territori dell'espressività multipla segnaliamo la presentazione di “C'era una volta la città dei matti”, adattamento su carta dell'omonima serie tv che racconta la storia dello psichiatra Franco Basaglia, promotore della legge sulla chiusura dei manicomi (mercoledì 7 ore 19, Sala Smeraldo); e l'incontro con Dacia Maraini e il suo “Per Giulia”, libro-pièce teatrale sugli studenti vittime del terremoto de L'Aquila (venerdì 9 ore 16, Sala Diamante).

Storia d'Italia
Con le celebrazioni del 150° anniversario dell'unità nazionale che stanno per concludersi, non può mancare uno sguardo alla storia d'Italia. Personaggi e momenti del Risorgimento saranno rispolverati -tra gli altri- da Emilia Sarogni con “Carlo Pisacane. L'amore. L'Italia. Il socialismo” (mercoledì 7 ore 18, Sala Smeraldo), e Marina Cepeda Fuentes con “Sorelle d'Italia” (venerdì 9 ore 19, Sala Smeraldo). Spazio anche al tema delle mafie, con le presentazioni dei volumi “Rita Atria. La picciridda dell'antimafia” di Petra Reski (sabato 10 ore 16, Sala Diamante), e “La mafia innominabile” di Domenico Seccia (sabato 10 ore 16, Spazio Incontri Bibliolibreria), fino ad arrivare agli anni di piombo e all'attualità più recente.

Area professionisti
Gli addetti ai lavori che operano nell'industria editoriale si confronteranno sulle nuove prospettive e sulle sfide aperte in questo settore dal digitale e dalla crisi economica che il Paese attraversa. Fra i vari appuntamenti in programma segnaliamo i dibattiti sui temi “Crescere nonostante i tagli. La lettura a una svolta?” (ore 13:30) e “Dall'autore al lettore: modelli distributivi a confronto” (ore 15), entrambi previsti per mercoledì 7.
Presenti in fiera, inoltre, 15 fra editori, agenti letterari e talent scout provenienti da tutto il mondo. 

Bambini e ragazzi

Chiudiamo con una carrellata sugli eventi (ben 65) appositamente pensati per bambini e ragazzi. In un percorso che lega passato e presente, si parte dagli omaggi ad alcuni classici della narrativa italiana per l'infanzia (tutti nell'Area Incontri), quali il “Pinocchio” di Collodi (venerdì 9, ore 16), i romanzi d'avventura di Salgari (mercoledì 7, ore 12), e la dimensione fantastica di Rodari (giovedì 8 ore 18), per arrivare poi al mondo dei videogiochi. In questo contesto si colloca il progetto VideoLudicaMente, che si propone di avvicinare gli adolescenti alle biblioteche tramite attività videoludiche che abbiamo una forte connotazione letteraria, si pensi alla mostra “I libri incontrano i videogame”, che sarà inaugurata mercoledì 7 alle ore 12:30.


“Più libri, più liberi” è una manifestazione organizzata dall'Associazione Italiana Editori, con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Provincia, Camera di Commercio e Comune di Roma, e con il patrocinio della Regione Lazio.

Il programma completo di “Più libri, più liberi” è consultabile qui.

 

 


L'evento è pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...