La bastarda di Istanbul di Elif Shafak

Il commento...

La bastarda di Istanbul

Tra le vostre letture di fine estate consiglio questo bellissimo libro della scrittrice turca Elif Shafak. Il libro racconta la storia di due ragazze: Asya vive a Istanbul attorniata da un universo femminile fatto da madre, zie, nonna e bisnonna ma non conosce l’identità del padre; Armanoush è la figlia di una donna americana e di un armeno-americano, figlio della diaspora che ha costretto gli armeni, agli inizi del ‘900, a scappare dalla Turchia in quanto perseguitati dall’impero ottomano. 

Le due si conoscono ed è proprio attraverso la loro amicizia che vengono a galla un po’ alla volta i legami che uniscono le loro famiglie, in un continuo intreccio tra presente e futuro. La dimensione del tempo è uno degli aspetti centrali anche per la vita personale delle protagoniste. Asya, poiché la madre non vuole rivelarle chi sia suo padre, rifiuta con forza il proprio passato e si concentra solo sul presente, vivendo attraverso un personale nichilismo con cui si impone di non legarsi troppo alle altre persone.  Armanoush, al contrario, è ossessionata dal passato, a livello personale rappresentato dalla storia della sua famiglia. Solo conoscendo il passato la giovane pensa di poter risolvere il problema della propria appartenenza, in bilico tra la sua identità americana e quella armena. A livello sociale, invece, Armanoush sente di dover rivendicare, in nome del popolo armeno che rappresenta, il riconoscimento del genocidio perpetrato dai turchi nei confronti della sua gente, ad oggi uno dei buchi neri nella coscienza del moderno Stato turco.

Uno degli aspetti che più ho apprezzato del romanzo è quello dell’ambientazione. Istanbul mi è sembrata anch’essa una delle protagoniste della storia. L’autrice, attraverso uno dei personaggi del libro, la paragona a una nave in cui nel tempo si sono trovati a convivere popoli di diversa provenienza, colore, religione. Questa città multietnica, della quale la scrittrice riesce quasi a far percepire  i colori e sentire i sapori,  sembra lo scenario perfetto in cui queste due ragazze, con storie, stili di vita e idee così distanti possono incontrarsi e superare le difficoltà e i rancori che i loro popoli si portano dietro.

 

 

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...