Pan di Knut Hamsun

Il commento...
rn

Questo, oltre ad essere in assoluto il mio libro preferito, è anche uno di quei libri che rappresentano perfettamente la letteratura Nordica, ne ha tutte le caratteristiche più affascinanti, e per chi ama questo genere è certamente un romanzo da leggere al più presto. Ho consigliato a gran parte dei miei amici di leggerlo, e devo dire che a gran parte di essi è piaciuto!                              
L’autore dispone secondo me di un’abilità narrativa che ha pochi eguali, abilità che gli ha fatto vincere tra l’altro un premio nobel. In questo libro si ritrovano alcune delle caratteristiche principali di questo genere letterario: il protagonista ribelle, anarchico, passionale e istintivo, incapace di adattarsi all’ordine, sempre in bilico tra l’ascoltare la propria anima e il fuggirla, e i paesaggi, bellissimi e accattivanti del Nordland, della Scandinavia più recondita e primordiale con la sua natura romantica, i suoi boschi ora tenebrosi ora accoglienti, le sue isole sperdute tremendamente lontane dalla vita metropolitana. Abilissimo nel descrivere le intimità, nel riprodurre passioni e slanci sentimentali, Hamsun caratterizza il proprio personaggio in maniera imprevedibile, ora sentimentale ora schivo, sognatore e talvolta folle, capace di tutto, anche di amare e di odiare la stessa persona nel giro di pochi minuti.                                          
Questa è la magia di questo libro, ovvero la capacità di esprimere sensazioni forti e contrastanti senza cadute di ritmo, ma anzi tenendo sempre viva l’attenzione.                                                                             
Per chi come me ama i paesaggi malinconici e romantici delle terre del Nord, questo libro risulterà appassionante, bellissimo, un vero e proprio viaggio in luoghi incantati, tanto che verrà quasi naturale, prima o poi, andarli a visitare!                                                                                            
Spesso poi a fare la differenza nel grado di apprezzamento di un libro è la possibilità di immedesimarsi nei protagonisti: ecco, questo libro si rivolge a tutte quelle anime inquiete, un po’ solitarie, capaci di esprimere grandi sentimenti ma in qualche modo stanche e irritate dalla società contemporanea, che a volte impone comportamenti troppo standardizzati.                                                 
Un libro che io ho vissuto come una
FUGA!                                     

 

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...