“I padrini del ponte”

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > presentazioni
Questo evento si è tenuto il 24 giugno 2011 presso Valdesi di Mondello (Palermo), alle 18:00.
L'evento...

“I padrini del ponte”

Antonio Mazzeo ospite di “Libri-liberi”


In Sicilia, una rassegna letteraria per parlare di legalità e di lotta alla mafia: partito martedì 21 giugno prosegue fino al 29 luglio il ciclo “Libri-liberi”, con una serie di presentazioni a tema ospitate presso la spiaggia della borgata Valdesi di Mondello, frazione del Comune di Palermo. 

Dedicata alla memoria di Roberto Morrione -fondatore di Libera informazione e giornalista di Rai News 24, scomparso il 20 maggio di quest'anno-, l'iniziativa rientra nel progetto “Mondello Sostenibile”, curato dall'associazione associazione LiberAmbiente, e si propone di stimolare il dibattito intorno a  scottanti problemi della nostra attualità, che vengono a definire un quadro di dinamiche sociali e culturali complesse, forse più specifiche del territorio siciliano ma non circoscritte a questo.

In due appuntamenti settimanali (in programma il martedì e il venerdì, con l'eccezione dell'incontro di lunedì 18 luglio, che ospita Michela Buscemi con “Nonostante la paura”), il pubblico avrà l'occasione di riflettere sul coraggio di chi lotta per costruire un racconto diverso -migliore- della propria terra.


Il prossimo incontro in calendario reca la data di venerdì 24 giugno: protagonista -alle ore 18:30- sarà il giornalista Antonio Mazzeo con il volume “I padrini del ponte”, uscito per Alegre edizioni nella collana “Tempi moderni”.



I padrini del ponte - Il libro

“[...] il Ponte è inutile, è dannoso, si inserisce in un'area tra le più sismiche del pianeta, è una voragine di soldi che potrebbero essere spesi per promuovere un reale sviluppo della Sicilia e della Calabria. Il Ponte vogliono farlo […] perché sarebbe come qualcosa come le piramidi per i faraoni, un monumento con cui consegnarsi alla storia”
(dalla prefazione al volume scritta da Umberto Santino, membro del Centro siciliano di documentazione antimafia “Giuseppe Impastato”)

Vanità tutt'altro che innocue. La megalomania di riuscire ad attaccare un'isola alla terraferma, per diventare padreterni con le tasche piene di verde, non solo cittadini onorari ma padroni di un paese della Cuccagna con il denaro che scorre a fiumi abbondanti, per tutti. Per quelli che contano, per quelli che hanno la mani in pasta. Politici e uomini delle istituzioni, garanti delle garanzie di Stato e difensori -almeno teorici- della legalità pronti a stringer mani a speculatori e costruttori con il solo scrupolo del profitto, faccendieri e trafficanti d'armi, finanzieri e principi arabi, picciotti e padrini.   Tutti che spingono per depositare la prima pietra della grande opera, quella capace di consegnare i suoi realizzatori alla storia, chissà a quale. Probabilmente a una storia dannata, quasi fosse, quel ponte, una moderna torre di Babele, questa volta in orizzontale.

Attraverso una puntuale ricostruzione che attinge a fonti giudiziarie, ne “I padrini dello stretto” Antonio Mazzeo riannoda i fili di quella complessa maglia di interessi, spesso criminali, che ruotano intorno alla costruzione del ponte sullo stretto di Messina. Su tutto emerge l'immagine di una mafia molto diversa rispetto a quella che conosciamo: “Non solo e non tanto la cosiddetta «mafia imprenditrice» di cui si è parlato a partire dagli anni '80, in base a un'analisi frettolosa e superficiale, ma una mafia finanziaria, forte di un'accumulazione illegale sviluppatasi esponenzialmente e quindi in grado di giocare un ruolo da protagonista e non da parente povero dei  grandi gruppi imprenditoriali”, scrive Umberto Santino nella prefazione al volume.    


La rassegna “Libri liberi” è organizzata dall'associazione “Libera Palermo.


 

 


Evento organizzato da Associazione Libera Palermo e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...