Barbara Balzerani presenta “Cronaca di un’attesa”

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > incontro con autori > presentazioni
Questo evento si è tenuto il 16 giugno 2011 presso libreria del Mondo Offeso, Corso Garibaldi (Milano), alle 19:00.
L'evento...

Barbara Balzerani presenta

 “Cronaca di un'attesa”

Giovedì 16 giugno alla libreria del Mondo Offeso di Milano (in Corso Garibaldi 50) Barbara Balzerani presenta il libro “Cronaca di un'attesa”, uscito per la casa editrice DeriveApprodi.

L'incontro avrà inizio alle ore 19 e vi prenderanno parte, insieme all'autrice, Marco Bocciarelli, Valeria Ferrario, Marco Passeri e Marco Rovelli.


Erano gli anni di piombo, anni che ancora oggi si portano dietro la loro scia di misteri. Anni neri e rossi, di partiti e di utopie, di sangue e di vittime, di silenzi piombati addosso e destinati a durare per sempre.

Silenzi resistenti, eterni, che chiudono i conti con la verità senza risolverli, e senza scriverci sopra la parola fine.
Anni di enigmi e di complotti, secondo alcuni. Delle grandi trame dei servizi segreti sparsi in giro per il mondo. Secondo altri, anni che sono semplicemente quel che furono: la follia di pensare che si potesse sovvertire lo Stato e metterne in piedi un altro con la violenza

Il Libro - “Cronaca di un’attesa” è il racconto di una storia difficile, che ha le sue radici in quel periodo. è la storia di una detenzione, osservata in un momento di passaggio cruciale, quando la cella del carcere si chiude alle proprie spalle e davanti a sé sembra aprirsi una nuova vita. Dopo decenni passati fra clandestinità e galera, l'autrice -militante nei più estremi fronti di lotta politica a cavallo fra anni '70 e '80- racconta il suo ultimo anno trascorso in libertà condizionale, in attesa della fine della pena.
Il tempo si può cominciare a contare in mesi e non più in anni, eppure è un tempo più lento di sempre, sospeso: i giorni passano con estenuante lentezza, come se tutto si fosse fermato, come se la vita immaginata nei lunghi anni alle spalle mostrasse il conto delle sue illusorie promesse. L'alibi della costrizione sta per venir meno e ora si tratta di imparare a vivere la libertà, in un mondo che appare sfigurato, triste, infelice, senza bellezza. La cronaca offre spaccati di vita sociale e Barbara Balzerani cerca di interpretarne i nuovi linguaggi usando la memoria del suo universo emotivo, che la porta lontano, alla sua infanzia, all’infanzia di tutto. Negli anni di carcere ha imparato a diffidare del sovrapporsi di voci e ascoltare il silenzio, ha cercato le ragioni di un presente insostenibile prendendo le distanze da questo, iniziando un percorso all'indietro, fin dove è ancora possibile vedere e sentire, fin dove si può rintracciare un senso diverso.

Giunti a un fine corsa senza più fiato né attese, a guidare, a mediare e a raccontare il passaggio da un mondo all'altro (il “mondo chiuso” e quello “aperto”) c'è una memoria visionaria. Una memoria per la quale esiste sempre possibilità di scelta e il tempo presente è solo l’ultimo, non l’unico.

L'autrice - Nei primi anni Settanta Barbara Balzerani milita in Potere operaio e poi nelle Brigate rosse, con incarichi nella direzione strategica. Al termine di una lunga latitanza viene arrestata e sconta venticinque anni di carcere. La sua pena sta per scadere e questo libro registra quel momento. è anche autrice dei volumi “Perché io Perché non tu”  (DeriveApprodi, 2009) “La sirena delle cinque” (Jaca Book, 2003) e “Compagna luna”  (Feltrinelli, 1998).

 

 


L'evento è pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...