“All’ombra del 21″

Francesca M Postato da Francesca M in Eventi > incontro con autori > presentazioni
Questo evento si è tenuto il 6 giugno 2011 presso la scuola media “Rettore F. Evola” di Balestrate (Palermo), alle 10:30.
L'evento...

“All'ombra del 21”

La disabilità raccontata a bambini e ragazzi sarà al centro dell'incontro di lunedì 6 giugno presso la scuola media “Rettore F. Evola” di Balestrate (in provincia di Palermo), dove Cristina Burgio, Loredana Lupo e Giuseppina Trinceri presenteranno il volume di cui sono autrici, “All'ombra del 21”.

L'appuntamento è alle ore 10:30


“Anche oggi Maddy è riuscita ad accattivarsi l’attenzione della mamma, coinvolgendo pure nonna Orietta. Ho atteso da tempo questa mattina per sentire le parole rassicuranti di mamma e papà, invece è un incubo.
Papà è andato a lavoro prima del solito, sembra averlo fatto apposta ad eclissarsi prima dell’inizio dei preparativi, mentre mamma prepara la colazione, ma un velo di preoccupazione, misto a tristezza, sembra segnare il suo volto.
Ed eccola lì: lei, Maddy, mentre fa disperare la nonna che tenta di lavarle almeno il viso. Quella peste ha paura dell’acqua e occorre lavarla a pezzetti, sembra un gatto che lava le zampe. E poi la lingua, quella lingua di fuori che muove quasi a leccarsi le ferite, mi dà proprio sui nervi”

Flo attende il suo primo giorno di scuola media. Sente che è qualcosa di importante, il primo passaggio verso l'età adulta. Da oggi cambierà compagni e maestre, da oggi non la chiameranno più bambina, ma ragazza. Nessuno in casa, però, sembra dare troppa importanza a quell'evento. Nessuno se ne ricorda, nessuno vede la sua ansia. Per via del 21 e della sua ombra. è un cromosoma, solo un cromosoma. Una cosa piccolissima che neppure si vede e chissà dove sta, ma la sua ombra, sulla famiglia di Flo, è ben luminosa. Ben visibile. L'ombra del cromosoma 21 si è appollaiata su Maddy, sorellina di Flo, bambina “svantaggiata”, come la definiscono le autrici nel libro. Bambina con la sindrome di Down. Tutta l'attenzione della famiglia è su di lei, per la figlia “normale”, per Flo, sembra non esserci spazio.

Vincitore nella sezione inediti del concorso letterario “Autore di te stesso”- Premio nazionale Campi Flegrei 2010, organizzato da Recensionelibro.it in collaborazione con l'associazione Flegreando e la CSA editrice, “All'ombra del 21” è un romanzo che nasce dal quotidiano rapporto delle tre autrici -insegnanti di sostegno nella scuola primaria- con il mondo della diversità

Una diversità che qui viene raccontata prendendo in considerazione il difficile stato in cui si trovano a vivere ragazzi per così dire “normodotati” quando in famiglia c'è un fratello o una sorella disabile. Succede spesso, come nel caso di Flo, che i genitori riversino su di loro un senso di responsabilità eccessivo e spropositato per l'età di questi ragazzi, che si ritrovano a dover accudire e sorvegliare fratelli e sorelle “svantaggiati” assumendo un ruolo quasi da educatori, quando in realtà anche loro sono poco più che bambini, con tutte le esigenze, con i capricci, con la necessità di affetto e di una guida che è tipica dei bambini.

“Quando ci si occupa dei problemi legati alla disabilità, molto spesso ci si dimentica dei bisogni dei fratelli e delle sorelle dei bambini con difficoltà.
La nascita di un figlio con disabilità è un carico emotivo di sofferenza e responsabilità che altera irrimediabilmente i delicati equilibri presenti all’interno di una famiglia. In una situazione come questa, i figli “normodotati” vengono spesso caricati di responsabilità inadeguate alla loro età e si ritrovano da soli a dover gestire violenti conflitti interiori: rabbia, paura, gelosia, ma anche affetto profondo verso il fratello o la sorella disabile.
Il modo più opportuno per iniziare ad aiutare questi ragazzi è dar loro la possibilità di uscire da questa sfera di “invisibilità” in cui sono avvolti, per dare voce alle loro necessità e bisogni”
, così Loredana Lupo a proposito del volume
(fonte: http://www.pianetadown.org/vbulletin/showthread.php?t=3382)

Un romanzo, dunque, per avvicinarsi alla diversità attraverso una nuova prospettiva, che mette a nudo tutta l'intensità e la dolcezza di un'esperienza di vita unica.

Le autrici

Maria Cristina Burgio, nata a San Giovanni Gemini (AG), a 19 anni si è trasferita Palermo. Laureata in Scienze della Formazione Primaria, ha conseguito un master in Multimedialità per l’e-learning presso l’Università degli Studi Roma Tre e ha frequentato un corso di perfezionamento in Didattica della lingua italiana. Attualmente si sta perfezionandosi in Educazione all’affettività. Vive a Palermo e, da nove anni, è docente di sostegno nella scuola primaria dove segue anche laboratori di teatro.

Loredana Lupo è insegnante di sostegno della scuola primaria e vive a Borgetto, paesino nella provincia di Palermo. Si è laureata nel 2002 in Scienze della Formazione Primaria presso l’Università degli Studi di Palermo e ha conseguito anche lei un master in Multimedialità per l’e-learning.presso l’Università degli Studi Roma Tre. 
Attualmente è impegnata nello svolgimento di un corso di dottorato di ricerca in Pedagogia interculturale.

Giuseppina Trinceri è originaria di Partanna, un paesino della provincia di Trapani. Nel 2008 si è laureata in Scienze e Tecniche della Psicologia dello Sviluppo e dell'Educazione e oggi studia per conseguire il titolo di specializzazione in Clinica dello Sviluppo presso l'Università di Palermo. Da nove anni è insegnante di sostegno in una scuola primaria della provincia di Milano, dove attualmente vive.

 

 


L'evento è pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...