“Benninversi”… ma non solo!!!

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > gruppi di letture/reading > incontri letterari
Questo evento si è tenuto il 21 maggio 2011 presso Libreria Bocù (Verona), alle 18:00.
L'evento...

“Benninversi”... ma non solo!!!

Mauro Dal Fior legge Stefano Benni

Sabato 21 maggio alla Libreria Bocù di Verona arriva  il “poetattore” Mauro Dal Fior, che proporrà al pubblico il suo “Benninversi... ma non solo!!!”, reading su poesie e racconti di Stefano Benni.
L'appuntamento è per le ore
18.


Sconvolgente, ridente, esorbitante, surreale: così l'universo narrativo di Stefano Benni.

Il gusto del paradosso, il grottesco, l'ironia e la deformazione linguistica passano sotto la lente d'ingrandimento vizi, ossessioni, piccole e grandi nevrosi dell'uomo contemporaneo, messo a nudo dalla risata.

Indimenticabile il “Bar Sport”, che Benni consacra a luogo quasi religioso, di una religiosità fatta di leggende che fioriscono intorno all'insegna lampeggiante, al flipper, al telefono a gettoni, all'enorme brioche sempre in vetrina in attesa di qualcuno che la compri (la “Luisona”, quasi una reliquia oggetto di venerazione). Da lì passa il “tecnnico” che recita la formazione della nazionale, il ragioniere innamorato della cassiera, il ragazzo tuttofare, il carabiniere, lo sparaballe, il professore: è l'umanità del “Bar Sport”, non un bar come tanti, ma il bar per eccellenza, quello in cui tutti possono riconoscere qualcuno dei propri compagni di serate.

Ed è proprio a partire da “Bar Sport” che Mauro Dal Fior -come lui stesso dichiara- ha iniziato il viaggio nella scrittura -comica, surreale e tremendamente realistica a un tempo- di Benni: “Bar Sport di Stefano Benni, che lessi nella prima edizione del 1976, è sempre stato l’unico libro che, anche a rileggerlo a distanza d’anni, mi fa ancora “lacrimar dal ridere”, sane sensazioni di umorismo (alle volte di alta comicità) che nessun altro libro è mai riuscito a darmi. Partendo da questo libro ho cercato di scoprire il mondo di Benni e il suo surrealismo-comico-realista [...]” (fonte: http://www.boculibreria.com/it/news/53/17/BENNINVERSI-MA-NON-SOLO/d,detail/).

 

 

Tra i parti della creatività benniana ricordiamo anche -giusto per citar qualche titolo- “La compagnia dei Celestini”, con l'oscura profezia che una mano invisibile ha scritto sui muri della corrotta città di Gladonia, mentre tre audaci trovatelli fuggono dall'orfanotrofio per disputare il campionato dello sport più selvaggio del mondo, la pallastrada, invenzione del “Grande Bastardo” in persona, il dio degli orfani; la compagine umana che scrive le pagine de “La grammatica di Dio”, in cui troviamo, fra gli altri, il fedelissimo cane Boomerang (che riporta indietro qualsiasi cosa), frate Zitto, la gallina Carmela, il dottor Zero, Rudy il Ramarro e Pinnamozza; le “Ballate”, come “Le piccole cose” o “Ce l'hai un'idea”; le poesie; gustosi raccontini, come “Fratello bancomat” e “Lombritticoetica”; testi di teatro, quali “Onehand Jack” e L'ultima astronave, ritratto di un uomo ridotto a vagabondo nel cosmo post-apocalisse, dopo che il pianeta gli è stato sfilato da sotto i piedi; e il recente Le Beatrici, otto monologhi al femminile per otto incredibili ritratti di donne, dalla suora assatanata alla vecchia bisbetica, dall'adolescente crudele alla donna lupo.

Un po' di tutto questo e un po' di molto altro, nel reading di Mauro Dal Fior. Parole che combattono i luoghi comuni con la risata e musiche che scuotono e affascinano, come il jazz, passione che accomuna Benni (pensiamo all'omaggio a Thelonious Monk contenuto in “Misterioso”) e Dal Fior.

Mauro Dal Fior
Artista eclettico, attore teatrale (l'esordio è nei gruppi “La Barcaccia” e “Teatro Perché”, diretti da Giorgio Totola) e poeta, Mauro Dal Fior si muove nell'ambito della poesia a 360°, sperimentandone le dimensioni sonora, visiva e performativa, fino ad arrivare alla “Poesia totale”.
Porta in scena reading-spettacolo di “Jazz & Poetry”, “Poesia della Beat Generation” e “Poesia Popolare in Veronese”, collaborando con diversi musicisti.
Due le raccolte poetiche al suo attivo: “Ritagli”, composta con la tecnica dadaista del collage, e “Versinjazz”, un libro di poesie sul JAZZ e i suoi grandi autori, spesso presentato in serate musicali dal vivo.


(fonte:
http://www.boculibreria.com/it/news/53/17/BENNINVERSI-MA-NON-SOLO/d,detail/)

Nella scrittura e negli spettacoli di Dal Fior si risente l'influenza delle Avanguardie storiche del '900 (Futurismo, Surrealismo, Dadaismo), della musica di John Cage, del teatro di Antonin Artaud, dell'arte di Marcel Duchamp, e delle sperimentazioni poetiche della Beat Generation.

 

 


L'evento è pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...