A tutto volume. Libri in festa a Ragusa

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > manifestazioni a tema
Questo evento si è tenuto dal 29 aprile 2011 al 1 maggio 2011 presso Ragusa Superiore, Ibla (Ragusa) (tutta la giornata).
L'evento...

“A tutto volume”

“Libri in festa a Ragusa”

Dal 29 aprile al 1° maggio antenne sintonizzate al Sud: la lettura fa sentire la sua voce con la seconda edizione del festival letterario “A tutto volume. Libri in festa a Ragusa” .

L'evento -organizzato dalla Fondazione degli Archi, in collaborazione con il Comune di Ragusa e la Provincia Regionale, e con il patrocinio della  e la Camera di Commercio di Ragusa- rientra nella campagna di promozione della lettura denominata “Il maggio dei libri” e promossa in tutta Italia dal CEPELL, Centro per il libro e la lettura.

Grandi protagonisti delle classifiche letterarie del momento, saggisti (Nicola Gratteri e Antonio Nicaso, Mario Giordano, Innocenzo Cipolletta, Roberto Vacca, Carlo Ottaviano, Roger Abravanel e Luca D’Agnese), narratori (Marco Presta, Marco Malvaldi, Lucrezia Lerro, Giorgio Nisini e Francesca Lancini), autori affermati (come Giovanni Minoli, Aldo Cazzullo, Vito Mancuso, Simonetta Agnello Hornby, Achille Bonito Oliva) e giovani esordienti (Viola Di Grado e Alessia Gazzola) per raccontare la realtà con uno sguardo che oscilla dal reale al romanzesco, dall'attualità al passato più o meno recente, in una trama di parole che legherà i più diversi luoghi della città, non solo librerie e caffè, ma anche chiese e palazzi storici, e poi vicoli, strade, piazze e cortili del centro di Ragusa Superiore (teatro delle prime due giornate della rassegna) e Ibla (che ospita la giornata di chiusura).

Dialoghi, presentazioni, incontri con gli autori già nella prima mattinata (con la formula delle “colazioni letterarie”), ma anche appuntamenti per i più piccoli -laboratori di fabbricazione dell'oggetto libro, letture musicali e animate-, scritture in movimento, con i grandi libri a pagine inanellate collocati presso i “Write point” di Piazza San Giovanni e Piazza Pola, tesi a coinvolgere tutti i cittadini -e gli ospiti del festival- nella creazione di un racconto di fantasia; maratone di lettura; e poi le originali installazioni librarie della “Casa del sapere” (collocata in piazza Pola, a Ibla) -con il libro che diventa mattone e parte costitutiva delle pareti e della “struttura fisica” di quel bene immateriale che è la conoscenza- e del “Barcone della cultura”, nave piena di libri lunga circa 4 metri e collocata in piazza San Giovanni, luogo che per la sua impostazione urbanistica rappresenta un metaforico stretto, passaggio di terra a metà strada fra culture che si incontrano.

Accanto al programma principale -quello degli incontri con gli autori- si sviluppa infatti la ricca mappa di “Extra Volume”, una serie di iniziative e laboratori organizzati dai cittadini stessi, in uno stimolo alla cultura che non è importato dall'esterno, ma nasce come esigenza interna del territorio.

Tra le iniziative collaterali di “A tutto volume” segnaliamo il concorso “Tutti critici”, cui si può partecipare inviando un breve commento-recensione (in meno di 600 battute) del proprio libro del cuore, quello che si tiene sul comodino o si consiglierebbe a un amico. In palio libri e buoni omaggio da spendere in libreria, oltre alla possibilità di leggere la propria recensione prima di un incontro del Festival (il modulo di partecipazione è scaricabile qui).

Nella giornata di apertura del Festival, venerdì 29 aprile, dopo l'inaugurazione prevista per le ore 17:30 nella Chiesa della Badia, spazio a letture d'attualità e analisi della società del nostro tempo, osservata nelle sue componenti politiche e, per così dire, mediatiche. Alle ore 18, restiamo in Chiesa della Badia, e incontriamo Giovanni Minoli con “La storia sono loro” (Rizzoli), una raccolta di interviste per raccontare gli ultimi trent'anni della storia d'Italia attraverso le voci dei protagonisti -da Craxi a Berlusconi passando per Cossiga- e gli eventi simboli di un'epoca, dal sequestro Moro a Tangentopoli.
Alle 19:30 (Palazzo Garofalo) l'invito a costruire -o ricostruire- il Paese recuperando la dimensione della legalità viene da Roger Abravanel e Andrea D'Agnese con il volume “Regole” (Garzanti), mentre alle 21 (presso Locanda 87) Francesca Lancini polemizza contro le frivolezze del mondo della moda e la malattia del momento, la superficialità, nel suo romanzo “Senza tacchi” (Bompiani).

Tra le inizative spontanee di “Extra volume” segnaliamo, in Piazza San Giovanni, le letture musicali tratte dalla favola “Il flauto magico” di W. A. Mozart (ore 18, per bambini dai 6 ai 10 anni) e le letture animate di “Pimpa e Olivia Paperina” (venerdì alle ore 18, e sabato alle 16:30 e alle 18, per bambini dai 3 ai 6 anni).

Sabato 30 aprile Ragusa accoglie due dei finalisti alla prossima edizione del Premio Strega:
Viola Di Grado, che alle ore 18 -presso la libreria Saltatempo- presenta “Settanta acrilico trenta lana” (E/O edizioni).

Alle ore 22:30 -presso “Due Volte”- Giorgio Nisini con “La città di Adamo”  (Fazi).

  Ma c'è anche spazio per Marco Presta, con “Un calcio in bocca fa miracoli” (Einaudi) e i saggi “Banchieri, politici e militari” (Laterza) di Innocenzo Cipolletta (ore 19:30, Palazzo Garofalo), “Sanguisughe. Le pensioni d'oro che ci prosciugano le tasche” (Mondadori) di Mario Giordano (ore 19:30, libreria Mondadori) e “Viva l'Italia” (Mondadori) di Aldo Cazzullo (ore 21, presso il “Giro di Vite Winebar”).

“Extra volume” propone invece laboratori di fabbricazione del libro (per bambini dai 5 anni in su), letture per adulti e bambini in compagnia di Rosanna Garofalo (ore 18, libreria Flaccavento) e la premiazione del concorso di foto-poesia “Illuminamente. Pensieri in posa” (ore 23:30, presso “Due Volte”).

Nella giornata di chiusura -domenica 1° maggio- ci si sposta nel quartiere di Ibla (RG) e si indaga su misteri e gialli nelle corsie di un istituto di medicina legale con Alessia Gazzola e il suo romanzo d'esordio “L'allieva” (ore 18, Teatro Donnafugata), e...
su delitti di scena in una tenuta nella Maremma Toscana dell'Ottocento, con Marco Malvaldi e il suo “Odore di chiuso” (ore 19:30, Auditorium San Vincenzo Ferreri).

 

Inoltre, riflessioni sui problemi del nostro tempo in compagnia di Nicola Gratteri e Antonio Nicaso, che analizzano i mali del sistema giudiziario e le leggi che intralciano l'azione della magistratura nel saggio “La giustizia è una cosa seria”  (ore 18, cortile di Palazzo Scucces), e Roberto Vacca, che si interroga su come fronteggiare un'epoca di cambiamenti -potenzialmente disastrosi-  su scala mondiale, con il libro “Salvare il prossimo decennio” (ore 19:30, Circolo di Conversazione).

Tra le iniziative di “Extra volume”, tutto da gustare il workshop di cucina -a cura di Roberta Corradin- realizzato in occasione del centenario della morte del famoso gastronomo Pellegrino Artusi (che, tra l'altro, compare tra i protagonisti di “Odore di chiuso” di Marco Malvaldi, presentato in serata). Appuntamento alle ore 10 presso gli spazi di Locandina.

Per il programma completo del festival visitate il sito ufficiale http://www.atuttovolume.org

 

 


Evento organizzato da Fondazione degli Archi, in collaborazione con Comune e Provincia Regionale di Ragusa e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...