“Come ho scritto Il cimitero di Praga”. Umberto Eco ospite di “Libri come”

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > incontro con autori
Questo evento, inserito nell'ambito di "Libri come". Festa del Libro e della Lettura a Roma, si è tenuto il 10 aprile 2011 presso Auditorium Parco della Musica (Roma), alle 21:00.
L'evento...

“Come ho scritto Il Cimitero di Praga”

Umberto Eco ospite di “Libri come”

Un complotto lungo un secolo e ampio quanto l'Europa: è la storia che Umberto Eco racconta nel suo ultimo romanzo, “Il cimitero di Praga” (edito da Bompiani).

Domenica 10 aprile l'autore sarà all'Auditorium Parco della Musica di Roma, ospite della Festa del Libro e della Lettura “Libri come”, per svelare ai lettori la genesi di questa sua ultima fatica letteraria, in un incontro-conversazione con Marino Sinibaldi sul tema “Come ho scritto Il Cimitero di Praga”.

L'appuntamento è per le ore 21 in Sala Sinopoli.

2 euro il costo del biglietto d'ingresso.
Servizio biglietteria al numero 892982 (per info e costi sul servizio cliccare qui).


Già con “Il nome della Rosa” e poi con “Il pendolo di Foucault”, “L'isola del giorno prima”, “Baudolino” e “La misteriosa fiamma della regina Loana” abbiamo imparato ad apprezzare la scrittura piena di rimandi delle opere di Umberto Eco.
Non erudizione compiaciuta di sé, ma porta d'accesso a un labirinto del sapere in cui si affastellano libri, manoscritti, simboli, ricordi, immagini, molti misteri e a volte, come ne “Il nome della rosa”, omicidi.

Stilemi tipici del romanzo di consumo -la ricerca, dell'assassino, di se stessi o della verità- incontrano raffinate speculazioni filosofiche sul senso del riso -che tutto capovolge e potrebbe mettere in discussione anche Dio-, della sorveglianza, del tempo -che forse è solo una linea immaginaria, come i paralleli e i meridiani-, della memoria e dell'identità personale, che Giambattista Bodoni detto “Yambo”, venditore di libri antichi ne “La misteriosa fiamma della regina Loana”, si mette a cercare, dopo un incidente che lo ha lasciato senza “memoria autobiografica”, nei cassetti del comò e nelle stanze della casa di campagna dei nonni, luogo dell'infanzia.

Con “Il cimitero di Praga”, a trent'anni di distanza da “Il nome della rosa”, Eco torna al romanzo storico.
E' una storia particolare, in cui la linea di confine tra reale e immaginario, tra fiction e non-fiction, appare di difficile individuazione.

Servizi segreti, complotti organizzati in bugigattoli puzzolenti pieni di topi, pugnali e idee rivoluzionarie. Massoni, carbonari, garibaldini, mazziniani e preti.

Una ridda di personaggi storici realmente esistiti popola uno spazio lungo quanto un continente, tra Torino, Palermo e Parigi.

E' il XIX secolo, e i personaggi che qui ritroviamo sono quelli che ne hanno fatto la storia.
Tutti reali.
Tutti tranne uno: è Simone Simonini. è il protagonista  de “Il cimitero di Praga”.

 

 


Evento organizzato da Fondazione Musica per Roma, Telecom Italia

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...