“Il libraio che imbrogliò l’Inghilterra” e “Lo scrittore automatico” a “Convivio”

Francesca M Postato da Francesca M in Eventi > gruppi di letture/reading > happening > incontri letterari > presentazioni
Questo evento, inserito nell'ambito di Convivio. Incontri letterari ed enogastronomici a Km.0, si è tenuto il 12 marzo 2011 presso Alice Superiore, Salone pluriuso, Piazza Adriano Olivetti (Torino), alle 21:00.
L'evento...

“Il libraio che imbrogliò l'Inghilterra”
e
“Lo scrittore automatico”

a Convivio si legge Roald Dahl

Sabato 12 marzo il ciclo “Convivio. Incontri letterari ed enogastronomici a Km. 0”  fa tappa ad Alice Superiore (Torino) per una serata di letture dedicate a due racconti dello scrittore inglese Roald Dahl, "Il libraio che imbrogliò l'Inghilterra" e "Lo scrittore automatico", pubblicati in Italia da Guanda.
L'evento, a cura di Novedee di Alice Fumero, avrà luogo presso il Salone pluriuso di Piazza Adriano Olivetti, a partire dalle ore 21.

Al reading, che vedrà protagonista la voce di Lucia Gravante, farà seguito -nel segno del binomio libri-buon cibo, che si propone come cifra distintiva della rassegna- la degustazione di prodotti locali offerti da Azienda agricola "La Rosa Canina" di Rueglio, Apicoltura Bolzanello di Bairo e Cassetto Esterina Martino di Lugnacco.


Due brevi racconti ironici sulle contraddizioni dell'universo libro ad opera della penna eclettica e satirica di Rohal Dahl.

Con i libri si può tirare a campare? Si possono far soldi? Sembrerebbe di no, a osservare gli interni del "William Buggage", negozio di libri rari di proprietà di Mr. Buggage e Miss Tottle, in Trafalgar Square. I due, colleghi e amanti, da anni dividono quello studio minuscolo e ingiallito di libri -che praticamente occupano tutta l'altezza delle pareti, dal pavimento al soffitto-, ormai impregnato del caratteristico odore della carta datata.

“Se poi sbirciavate nella vetrina stessa, avreste constatato che le pareti erano tappezzate di libri dal soffitto al pavimento; e se a questo punto aveste spinto la porta e foste entrati, avreste subito sentito il lieve odore di vecchio cartone e foglie di tè che pervade gli interni di tutte le botteghe londinesi di libri usati. Quasi sicuramente avreste trovato anche due o tre clienti: figure silenziose e spettrali, in soprabito e cappello floscio, intente a rovistare fra le serie di volumi di Jane Austen o Trollope, di Dickens o George Eliot nella speranza di trovare una rara prima edizione”

Pochi clienti e poche vendite. E poi tante stranezze: libri che i clienti richiedono con assoluta circospezione (di cosa parleranno mai?) e i continui viaggi e la vita dispendiosa che non si sa come Mr. Buggage e Miss Tottle possano permettersi solo vendendo scartoffie. Ma c'è un segreto, tutto interno al mondo dei libri, un'avvincente spy-story da seguire con il fiato sospeso...

A "Il libraio che imbrogliò l'Inghilterra" fa seguito, nello stesso volume, il racconto "Lo scrittore automatico", che ripercorre la paradossale vicenda dell'aspirante scrittore Adolph Knipe. Il giovane è un promettente ingegnere, ma ciò che gli interessa è la scrittura, una vera mania. Inonda delle sue opere ogni casa editrice che gli capiti a tiro, ma tutte lo respingono, finché troverà l'idea geniale: costruire una macchina-fabbrica racconti, capace di sfornare storie secondo i requisiti richiesti dal mercato. Insomma, una perfetta macchina da best seller, che non ha più bisogno dell'originalità dello scrittore.

L'Autore - Roald Dahl, scrittore inglese di origine norvegese, spaziò in diversi generi letterari, scrivendo sia per i bambini che per gli adulti. Alcune delle sue opere per ragazzi sono pervase da un forte humour nero, sullo sfondo di scenari macabri e grotteschi: Gli Sporcelli (The Twits, 1980), La fabbrica di cioccolato (Charlie and the Chocolate Factory, 1964), Il grande ascensore di cristallo (Charlie and the Great Glass Elevator, 1973), Il GGG (The BFG, 1982).

Fra i libri scritti per gli adulti ricordiamo Storie impreviste (Tales of the Unexpected, 1979), Storie ancora più impreviste (More Tales of the Unexpected, 1980), e i volumi autobiografici Boy: racconti d'infanzia (Boy: tales of Childhood, 1984) e In solitario. Diario di volo (Going Solo, 1986).

 

 


Evento organizzato da Ecomuseo AMI,Fondazione A. d’Andrade,Novedee

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...