Biografie… tra arte e Rock ‘n Roll

L'approfondimento...

Ci sono dei momenti in cui la scrittura, la musica e l’arte si incontrano lasciando tracce indelebili dei tempi che furono e regalando, a chi sa coglierne i segnali, pagine di storia e di cultura, meno note, ma non per questo meno interessanti.

In questi mesi Keith Richards (con Life) e Ron Wood (con Ronnie. Giorni e notti dei Rolling Stones), chitarristi storici dei Rolling Stones, hanno deciso di affidare alla carta i racconti della loro vita, notti insonni, tour infiniti, giornate in sala di registrazione, droghe, alcool e ragazze. Dietro al racconto di due vite eccezionali, c’è molto di più del solito cliché della vita da Rock Star che tutti immaginiamo. Per diventare grandi bisogna avere idee grandi. Ed è così che si evolve la storia degli Stones, è proprio a questo punto che le strade di diverse arti si incontrano per raccontarci una pagina nuova e frizzante della cultura pop.

 

Intorno agli anni settanta, in una New York trasformata nella nuova capitale dell’arte e delle nuove tendenze, gli Stones incontrarono Andy Warhol, il più importante e stravagante artista pop di tutti i tempi. Il sodalizio con Warhol ci ha lasciato alcuni interessanti ritratti di Mick Jagger e due copertine di LP ormai entrate nella storia.

Andy Warhol fu l’autore delle copertine di Love you Live ma soprattutto di Sticky Fingers, sicuramente fra le copertine più ad effetto di tutta la storia del rock. I famosi jeans sdruciti con applicata cerniera “vera e regolabile” sono diventati ormai un pezzo raro per tutti i collezionisti amanti della musica e dell’arte.
Se non bastasse la copertina d’autore in “Sticky Fingers” appare per la prima volta, nella parte interna dell’album, il logo che ha  accompagnato tutta la  carriera dei Rolling Stones.

Nato da una geniale intuizione di Mick Jagger, che voleva  qualcosa che avesse a che fare con l’immagine della Dea Kalì e le sue famosissime labbra, il logo “Tongue&Lips”, la linguaccia - per intenderci – è diventata negli anni una delle immagini più famose al mondo. Erroneamente attribuita per anni ad Andy Warhol, in realtà “la linguaccia” fu commissionata nel 1970, da Mick Jagger, a un giovane disegnatore John Pasche, il quale fu ricompensato con 50 sterline. Oggi, quel logo storico è nella collezione permanete del “Victoria and Albert Museum” di Londra.

 

Coincidenza o marketing… queste biografie sono state pubblicate quasi in concomitanza al quarantesimo anniversario della pubblicazione di questo un album storico. Potrebbe essere idea di qualche Manager genio del marketing… poco importa… perché noi, amanti dei libri e della musica, abbiamo la possibilità, con questi libri e con questa musica, di conoscere nuovi aspetti di un mondo che si svela e ci avvolge tra note, colori e scrittura, per raccontarci a tuttotondo un periodo storico che non può essere raccontato solo con le parole.


 

 

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...