José Manuel Fajardo presenta “Il mio nome è Jamaica”

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > incontro con autori > presentazioni
Questo evento si è tenuto il 26 gennaio 2011 presso libreria Feltrinelli Libri e Musica, Piazza Piemonte (Milano), alle 18:30.
L'evento...

José Manuel Fajardo

presenta

Il mio nome è Jamaica

Mercoledì 26 gennaio José Manuel Fajardo presenta a Milano il suo nuovo libro “Il mio nome è Jamaica”, pubblicato da Guanda lo scorso 20 gennaio, nella collana “La frontiera scomparsa”.

L’appuntamento è alle ore 18:30, presso la libreria Feltrinelli Libri e Musica di Piazza Piemonte. Insieme all’autore intervengono Luis Sepulveda e Bruno Arpaia.


Il Libro - Dana e Santiago si ritrovano a Tel Aviv, a un convegno di storici dell’ebraismo. Non si vedono da due anni. Sono amici, o lo erano un tempo, e colleghi. Ad accomunarli ci sono trascorsi personali e familiari burrascosi e pieni di dolore, un divorzio e una figlia difficile da gestire per Dana, la morte della moglie e del figlio per Santiago. I due finiscono a letto, sembra tornare tra loro la confidenza di un tempo e Santiago annuncia alla donna il suo proposito di partire per la città santa di Safed. Un proposito che non tarderà a realizzare, secondo modalità bizzarre, addirittura folli


“Santiago Boroní impazzì a un certo punto della strada tra Tel Aviv e la città di Safed, non so esattamente dove e neppure ho voluto appurarlo perché, in fondo, poco importa. La sola cosa certa è che lasciò al mattino presto l’hotel, uno di quelli che ospitano congressi di professionisti, anonimo, efficiente e così simile a tanti altri che, al risveglio, ti può succedere di non capire dove ti trovi, se a Madrid o a Pechino, a Londra o a Tel Aviv; fece la tipica colazione da hotel internazionale, succo d’arancia, caffelatte, uova strapazzate e una fetta di pane tostato con burro e marmellata, mi salutò con un bacio che sapeva di coscienza sporca e partì alla guida di un’auto a noleggio […]”


Arrivato in una città di frontiera, Santiago pare impazzito: parla in una lingua antica, è convinto di essere ebreo e pretende che lo si chiami Jamaica. Ma chi è Jamaica? Un nome di fantasia? Un frutto del delirio? O c’è dell’altro? Se lo chiede Dana, mentre porta via con sé l’amico, a Parigi, cercando un modo per farlo rinsavire o una spiegazione alla sua follia. A Dana quel nome, Jamaica, ricorda qualcuno: il protagonista di un manoscritto del Seicento, un uomo vissuto tra gli indios amazzonici perseguitati dai conquistadores. Chissà se tra quella storia e la follia di Santiago esiste un nesso… 

 

L’autore - Nato a Granada nel 1957, José Manuel Fajardo ha vissuto gran parte della sua vita a Madrid. Durante le agitazioni degli anni successivi alla morte di Franco, interrompe gli studi in legge per dedicarsi al giornalismo culturale, diventando poi, nel periodo dal 1985 al 1993, redattore di Cambio 16 e collaboratore dei quotidiani El País, Ya, Liberación, Pueblo e El Mundo. Con la casa editrice Guanda ha già pubblicato “Il sapore perfetto”, “Vite esagerate”, “Una bellezza convulsa”, “Al di là dei mari” e “Lettera dalla fine del mondo”.


 

 

 

 


Evento organizzato da Guanda,libreria Feltrinelli Libri e Musica

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...