Vi racconto un libro – Capolavori del Novecento Europeo presenta “Ho servito il Re d’Inghilterra”

Silvia P Postato da Silvia P in Eventi > incontri letterari
Questo evento, inserito nell'ambito di Vi racconto un Romanzo - Capolavori del Novecento Europeo, si è tenuto il 17 gennaio 2011 presso Teatro Studio, Auditorium-parco della musica, viale viale Pietro de Coubertin (Roma), alle 21:00.
L'evento...

Vi racconto un Romanzo - Capolavori dl Novecento Europeo
presenta
"Ho servito il Re d'Inghilterra" di Bohumil Hrabal

Lunedì 17 gennaio alle ore 21,00 presso il Teatro Studio dell’Auditorium Parco della Musica di Roma. Ennio Fantastichini leggerà “Ho servito il Re d’Inghilterra” di Bohumil Hrabal. Il testo sarà introdotto da Giuseppe Dierna mentre le conversazioni e le letture saranno a cura di Valerio Magrelli.

Ho servito il Re d’Inghilterra. Scritto nel 1971 e circolato per molti anni in versione clandestina, Ho servito il re d'Inghilterra descrive la parabola di un cameriere di piccola statura fisica, ma anche morale, che attraversa gli eventi storici, in larga parte tragici, che hanno investito la Cecoslovacchia tra il 1935 e i primi anni '50. Il protagonista, praticamente privo di consapevolezza, non si preoccupa minimamente dei tragici eventi che avvengono nella sua nazione in quanto totalmente concentrato a soddisfare i suoi due unici obbiettivi, soldi e sesso, unico mezzo per riscattare il suo complesso di inferiorità derivante dalla sua bassa statura. Per raggiungere i suoi scopi non esita a sfruttare tutti i mezzi, anche quelli meno leciti: dalla truffa ai clienti che acquistano i wurstel che vende alla stazione, fino ad arrivare alla connivenza col nazismo per riuscire ad andare a letto con una donna tedesca di cui si è invaghito.


E l’incredibile che diveniva realtà non mi aveva abbandonato, e io in quell’incredibile ci credevo, in quella sorprendente sorpresa, in quello stupore, era quella la mia buona stella che mi aveva accompagnato per tutta la vita, forse solo per dimostrare a se stessa che da qualche parte l’aspetta sempre qualcosa di sorprendente, e io, col bagliore di quella stella sempre davanti agli occhi, io ci credevo sempre di più, sempre di più perché così come mi aveva innalzato fino a milionario, allo stesso modo adesso che ero stato precipitato giù dai cieli, sul lastrico, adesso mi ero accorto che quella mia stella brillava più che mai, che proprio adesso avrei potuto guardare dritto nel suo cuore, nel suo centro, che i miei occhi si erano dovuti indebolire in quel modo vivendo quello che avevano vissuto, per poter vivere e sopportare di più. Forse per vedere e capire di più ero dovuto diventare più debole. Era così.
B. Hrabal
, da Ho servito il Re d’Inghilterra, Ed. E/O

 

Bohumil Hrabal è nato a Brno, Moravia, nel 1914. Si trasferì a Nymburk, non lontano da Praga; dall’amore per quest’ultima città, scaturirono le pagine di "Vuol vedere Praga d'oro?". A seguito dell’invasione nazista della Cecoslovacchia nel 1939, interruppe gli studi di legge. Inizia così una lunga serie  mestieri, da magazziniere a minutante notarile, passando per telegrafista, capomovimento ferroviario, agente assicurativo, commesso viaggiatore, operaio,comparsa di teatro, fino a imballatore di carta da macero. Hrabal, personalità libera e anarchica di gran bevitore, morì a Praga nel 1997 durante un ricovero: secondo i sanitari e alcuni amici, cadendo da una finestra dopo essersi sporto troppo per nutrire alcuni colombi; secondo un’altra versione, suicida. Tra i suoi capolavori, oltre a “Ho servito il Re d’Inghilterra”c’è “Inserzione per una casa in cui non voglio più abitare” (1965).

 


Evento organizzato da Fondazione Musica per Roma

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...