Vi racconto un Romanzo-Capolavori del Novecento Europeo presenta “Alla ricerca del Tempo perduto”

Silvia P Postato da Silvia P in Eventi > incontri letterari
Questo evento, inserito nell'ambito di Vi racconto un Romanzo - Capolavori del Novecento Europeo, si è tenuto il 10 gennaio 2011 presso Teatro Studio, Auditorium-Parco della Musica,viale Pietro de Coubertin, Roma (Roma), alle 21:00.
L'evento...

Vi racconto un Romanzo - Capolavori del Novecento Europeo
presenta
"Alla ricerca del tempo perduto" di Marcel Prust

Lunedì 10 gennaio alle ore 21,00 presso il Teatro Studio dell’Auditorium Parco della Musica di Roma. Elia Schilton leggerà “Alla ricerca del tempo perduto” di Marcel Prust. Il testo sarà introdotto da Alberto Beretta Anguissola mentre le conversazioni e le letture saranno a cura di Valerio Magrelli.


Alla ricerca del tempo perduto. Quest’opera monumentale è articolata in  sette romanzi : “Dalla parte di Swann”, “All'ombra delle fanciulle in fiore”, “I Guermantes”, “Sodoma e Gomorra”, “La Prigioniera”, “Albertine scomparsa” e “Il tempo ritrovato”.
Attraverso le pagine del testo, Prust, offre uno spaccato della società, negli anni tra il 1880 al 1920. Protagonista assoluta è l'aristocrazia, colta nel momento in cui si conclude la sua splendida parabola. Tutti i personaggi sono sostanzialmente dei vinti, a ognuno il tempo ha tolto qualcosa. Soltanto le memorie sembrano sottrarsi alla sua tirannia e solo nell'arte è possibile trovare un compenso al disordine del mondo.


“L’unico vero viaggio, l’unico bagno di giovinezza, sarebbe non andare verso nuovi paesaggi, ma avere altri occhi, vedere l’universo con gli occhi di un altro, di cento altri, vedere i cento universi che ciascuno vede, che ciascuno è.”
M. Prust
, da Alla ricerca del tempo perduto, Ed. Einaudi, III p. 431.

 

Marcel Proust è nato a Parigi nel 1871. Ha frequentato il Liceo Condorcet e successivamente la Sorbona. Dopo la laurea in legge, decide di dedicarsi alla letteratura e frequentare gli ambienti dell'alta borghesia e dell'aristocrazia. Mentre approfondisce la coscienza della propria omosessualità, nel 1896 pubblica una raccolta di racconti e frammenti vari ispirati a un raffinato decadentismo. In quegli anni inizia la stesura di un romanzo, che uscirà postumo e incompiuto, con il titolo “Jean Santeuil” e traduce di alcuni libri di John Ruskin.
Tra il 1908 e il 1922 comincia la creazione del suo capolavoro, “Alla ricerca del tempo perduto” che sarà pubblicata tra il 1913 e il 1927. L'opera, fu elaborata durante lunghi anni di reclusione. Nel disperato tentativo di dare una forma definitiva alla conclusione del proprio romanzo-cattedrale, morì a Parigi nel 1922.

 


Evento organizzato da Fondazione Musica per Roma e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...