Fiera dell’Editoria di Progetto “Bobi Bazlen” – III edizione

paola Postato da paola in Eventi > incontri letterari > manifestazioni a tema > presentazioni
Questo evento si è tenuto dal 17 dicembre 2010 al 19 dicembre 2010 presso Antico Caffè San Marco (Trieste) (tutta la giornata).
L'evento...

Fiera dell'Editoria di Progetto "Bobi Bazlen"

III edizione


"Intitolata a Roberto Bazlen, uno tra i più talentuosi e meno appariscenti consulenti editoriali italiani (ha scoperto e fatto scoprire in Italia Svevo, Freud, Musil, Kafka), la Fiera dell’editoria di progetto fa proprio il motto “piccolo è bello” e si differenzia dalle grandi manifestazioni dedicate alle letteratura e ai libri per il mood rilassato e intimo che la caratterizza."
(fonte: http://www.rinascitaecultura.net/2010/11/17/fiera-delleditoria-di-progetto-bobi-bazlen-terza-edizione/)


La microeditoria è protagonista di molte manifestazioni, e imieilibri.it ha spesso segnalato, eventi di questo genere.
C'è molta attenzione intorno all'attività dei piccoli e medi editori.

Non che, i cosiddetti grandi nomi, sfornino testi di bassa qualità, ma la microeditoria presta una particolare attenzione ai temi che interessano la popolazione, soprattutto le minoranze. E' infatti chiamata anche "Editoria di Progetto".

La Fiera dell'Editoria di "Bobi Bazlen", che si terrà a Trieste dal 17 al 19 dicembre, si differenzia però dalle altre per la sua vocazione europea.

L'evento sarà infatti un punto di raccordo per i microeditori europei.

Saranno presenti con i propri libri, e organizzeranno incontri con autori e dibattiti pubblici:

- Keller, di Rovereto (TN,) che in Italia ha pubblicato “Il paese delle prugne verdi” del premio Nobel Herta Müller

- Nottetempo, che ha fatto conoscere agli italiani Said Sayrafiezadeh, recente vincitore con il suo “Quando verrà la rivoluzione avremo tutti lo skateboard” del Whiting Writers’ Award

- Vallecchi, Edilazio Letteraria, Zandonai, Quodlibet e la Giuntina, l’unica casa editrice europea specializzata in cultura ebraica

E Trieste, nella suggestiva cornice del caffè letterario San Marco, sembra proprio la città ideale per questo scopo:

"città mitteleuropea, ha ispirato scrittori come Saba, Joyce e Svevo. Crogiolo di popoli e di culture, in cui ancora oggi la letteratura è il linguaggio parlato dai luoghi e dalle preesistenze storiche di cui recano traccia."

E come lo stesso Bazlen afferma:

Anche se Trieste non ha dato grandi valori creativi, è stata un’ottima cassa armonica, è stata una città di una sismograficità non comune: per capirlo, bisogna aver visto le biblioteche finite sulle bancarelle dei librai del ghetto…Tutta una grande cultura non ufficiale, libri veramente importanti e sconosciutissimi, ricercati e raccolti con amore, da gente che leggeva quel libro perché aveva proprio bisogno di quel libro.
(fonte: http://www.rinascitaecultura.net/2010/11/17/fiera-delleditoria-di-progetto-bobi-bazlen-terza-edizione/)



Sarà prevista una riflessione particolare sull'attività dell'editoria slovena... e non possiamo fare a meno di cogliere il riferimento al prestigioso titolo di Capitale Mondiale del Libro, che quest'anno l'Unesco ha conferito a Lubiana, capitale slovena.

Il programma completo è disponibile qui:
http://fierabazlen.wordpress.com/programma/

 


Evento organizzato da Associazione Culturale Palacinka - Associazione Culturale La brocca roıa e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...
  • admin

    Ondamagis dice,

    Trieste è come l’Irlanda: genitrice di grandi talenti letterari come Svevo, Saba, Magris, Giotti, Maurensig. Giusto per fare solo qualche esempio…
    Trieste è bella come le loro opere e fa da cornice perfetta ad eventi come questo. Peccato non poterci essere! :-(

  • admin

    Ondamagis dice,

    Ps: dimenticavo l’Irlandese per eccellenza: James Joyce!


Scrivi la tua opinione su questo post...