Dell’amore e di altri demoni di Gabriel García Márquez

Il commento...

Tra leggende di streghe fattucchiere tramandate nei secoli, l' atroce realtà di povere innocenti finite al rogo per le invidie di alcune donne o il
rancore di uomini rifiutati. Ecco la storia di una ragazzina perseguitata da
pregiudizi e ignoranza,anch' ella vittima di perversi individui e gelose "
comari" , che nel periodo delle inquisizioni con poco riuscivano a creare
sospetti e condanne ai danni di una donna comune che deliberatamente si
trovava accusata di stregoneria e sottoposta a umiliazioni e torture che
terminavano inevitabilmente con la morte. L' autore narra la vicenda di
questa ragazza col supporto di documenti autentici. E' una storia che fa
riflettere sulle atrocità gratuite che son state nei secoli commesse dagli
uomini ai danni dei loro simili, non per guerra o sete di giustizia ma
addirittura soltanto per il piacere sadico di torturare,uccidere,seviziare.
Senza prove oggettive,senza possibilità di difesa. Metodi che il sol
descrivere fa rabbrividire. Per capire meglio di cosa stiamo parlando,
potreste visitare un museo che abbia la sezione torture (per chi è in
Toscana c'è il museo delle torture di S. Gimignano in provincia di Siena,
raccapricciante).
La storia del libro ci permette di associare questi episodi non a delle
vittime senza nome e senza storia, ma ad una persona di cui conosceremo
nome, vita, storia e i pretesti che sono diventati la sua condanna a morte.
In questo modo riusciamo a entrare meglio dentro i fatti e a comprendere la portata di tali inquisizioni. Un appunto: anche se queste vicende ci possono riportare al medioevo bisogna sapere che non sono poi così tanto lontane nel tempo e che,addirittura, in certe zone del terzo mondo questi fatti si ripetono ancora ai nostri giorni.

 

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...