Cinema, mente e corpo

paola Postato da paola in Eventi > presentazioni
Questo evento, inserito nell'ambito di Un libro a Milano, si è tenuto il 28 novembre 2010 presso Superstudio Più, Sala Presentazioni- Via Tortona, 27 (Milano), alle 15:00.
L'evento...

un libro a milano

“Cinema, mente e corpo”

 

Domenica 28 novembre, nell’ambito della manifestazione Un libro a Milano, sarà presentato Cinema, mente e corpo, Zephyro Edizioni.

 

 


 

Ignazio SenatoreL’autore, Ignazio Senatore, come nel precedente Curare con il cinema, ricerca negli equilibri che si dipanano dalle storie raccontate sul grande schermo, parallelismi con la vita moderna, i suoi disagi, le sue patologie e la loro cura.

 

Un libro apparentemente destinato agli addetti ai lavori.

Tratta tematiche delicate come l’alcool, la depressione, l’AIDS, e molte altre psicopatologie con le quali i terapeuti si confrontano quotidianamente.

Ma, a guardar bene, è un libro che vuole donare anche al pubblico comune un punto di vista diverso per gestire la propria esistenza.

Il “Pubblico” che va al cinema, o che comodamente sul divano di casa propria guarda i film.

E quante volte capita di vedere una scena ed esclamare “Ma quello sono io!” e in quello stesso istante comprendere in modo fulmineo come risolvere un problema, o sciogliere un nodo.

Sembra quasi di sentire il rumore della chiave che entra nella serratura e apre finalmente una porta chiusa da tempo. Questa sensazione ha un nome: guarigione.

La guarigione parte con la comprensione ed è risaputo che osservarsi dall’esterno è vitale.


Ma perché il cinema?

Senza volerci sostituire all’autore, possiamo azzardare che questa scelta derivi dalla potenza evocativa dei grandi miti, delle immagini sacre che dai tempi più remoti accompagnano e dirigono la collettività umana.

Carl Gustav JungPioniere in materia è stato sicuramente Carl Gustav Jung. I suoi archetipi sono sovrapponibili ai miti per gli antichi greci. E proprio dal greco antico deriva la parola archetipo: tipos ("modello", "marchio", "esemplare") e arché ("originale").

 

Modello originale dunque. Un linguaggio comune a tutti.

Non è un caso che proprio un allievo di Jung, James Hillman, abbia svolto un lavoro analogo a quello di Senatore. Nel saggio Il codice dell’anima, infatti, prende in prestito le vite di personaggi celebri per sottolinearne i momenti salienti e illustrare il meccanismo di chiamata, vocazione che riguarda tutti noi.

Senatore ha anche dato vita ad un portale dove poter visionare parte del suo lungo lavoro di ricerca: http://www.cinemaepsicoanalisi.com/index.htm


Cinema, mente e corpo è un libro per tutti.

 

Ci ricorda che per quanto arduo possa sembrare descrivere le proprie emozioni, è possibile coglierne l’essenza, come al cinema, e comunicarla al mondo. Dobbiamo anzi educarci a farlo, altrimenti perderanno d’intensità, e noi con loro.

Come ci insegna un meraviglioso Benigni

(Se le parole non sono giuste, nulla può essere giusto. Tratto dal film : "La Tigre e la Neve")

 

 

 


Evento organizzato da Zephyro Edizioni e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

I commenti su questo post sono chiusi!