IL MOSTRO DELLA PISCINA di Marco Candida

Il commento...

Il romanzo è ambientato in una dimensione fumettistica. La trama è contrassegnata dall’ironia e da una scrittura fresca e immediata. A tratti demenziale, ricorda alcuni romanzi anni ’80 e la chiave di lettura non può che essere quella postmoderna. I capitoli sono delle tavole e le espressioni adottate dai personaggi sono inevitabilmente tratte dal fumetto.

   Il lettore è sin da subito coinvolto nella realtà che l’autore crea abilmente. Nonostante l’intero lavoro sia giocato sulla leggerezza, è inopinabile che ciò è possibile solo a coloro che hanno una piena padronanza tecnica.

    Una scelta controcorrente e a maggior ragione apprezzabile. I riferimenti sono disseminati riga dopo riga e il romanzo si presta ad un’analisi metaletteraria. Il metatesto rimanda a Pirandello, citato in modo soft e suscita nel lettore la riflessione sul labile confine tra realtà e finzione. I personaggi sono simpatiche macchiette tratte da giornalini e riviste patinate e i dialoghi sono al limite dell’assurdo.

    Uno taglio con la realtà degli adulti, divertita invocazione del fanciullino che lotta per sopravvivere e il finale richiama il “to be continue” di molti cartoni.

    Un esperimento letterario davvero apprezzabile, una prova ben riuscita, che dopotutto segue la tendenza anticipata dal cinema, se si pensa  a “Sin City” e che ora ritorna anche nella letteratura. 

 

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...