Marilyn Monroe, “Fragments” Reading

Postato da F. in Eventi > gruppi di letture/reading > happening > presentazioni
Questo evento si è tenuto il 5 novembre 2010 presso Cinema Oberdan, via Vittorio Veneto 2 (Milano), alle 21:30.
L'evento...

Marilyn Monroe, “Fragments” Reading La copertina del libro "Fragments" su Marilyn Monroe

Il 5 novembre (alle 21.15), a Milano, presso il cinema Oberdan (via Vittorio Veneto 2)

la Fondazione Cineteca Italiana, grazie alla collaborazione della casa editrice Feltrinelli e del Tieffe Teatro Menotti propone un reading di brani estratti dal libro Fragments.

L’attrice Lucrezia Lante Della Rovere presterà la propria voce ai ricordi di Marilyn Monroe.

Il reading precederà la proiezione del raro documentario Marilyn, diari segreti.

Il documentario ripercorre il controverso rapporto tra Marilyn e il discusso psicoanalista Ralph Greenson, l'ultima persona che l'attrice vedrà prima di morire.

Per info e prenotazioni: info@cinetecamilano.it o chiamando il 3469582555

 


Feltrinelli ha da poco pubblicato Fragments (http://www.feltrinellieditore.it/SchedaLibro?id_volume=5100000), una raccolta di testi inediti scritti da Marilyn Monroe tra il 1943 e il 1962.

Sono poesie, confessioni e memorie che mostrano il lato più profondo e intimo dell’attrice, svelandone la parte umana oltre il mito che tutti conosciamo.

La raccolta (collana Varia da Feltrinelli) è stata tradotta da Grazia Gatti ed ospita contributi di Antonio Tabucchi.

Ma, è lei in persona a guidarci lungo un vero e proprio viaggio, poco lineare come tutte le più belle avventure, nella sua vita complicata e affascinante. Grazie a questo libro potremo forse finalmente capire di più un’icona del nostro tempo su cui è stato scritto e detto di tutto, senza mai passare attraverso il suo parere. Fragments invece arriva direttamente dal suo pugno incerto, esce dai suoi diari, per svelarci la quotidianità di una diva quando finalmente si spoglia dagli abiti di scena e si allontana dalle luci della ribalta. E’ la realtà senza filtro dei suoi giorni tra luce immensa e buio pesto, attraverso i suoi occhi, questa volta senza trucco.

In Fragments troviamo in modo scomposto quello che rimane quando la videocamera si spegne, quando la porta dell’hotel si chiude, quando sul palco cala il sipario. Il dolce luccicare della sua essenza, spesso nascosta dall’immagine patinata, qualche goccia di Chanel dimenticato aperto, ma soprattutto il nome lungo e complesso di una bambina troppo sola.

E’ Norma Jane Mortensen, che finalmente compare nella sua verità, con la sua voce, le sue parole.

 

 


Evento organizzato da Fondazione Cineteca Italiana e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...