1994. L’anno che ha cambiato l’Italia

Francesca M Postato da Francesca M in Eventi > presentazioni
Questo evento si è tenuto il 3 novembre 2010 presso Libreria Coop, via Festa del Perdono 12 (Milano), alle 18:00.
L'evento...

1994

L'anno che ha cambiato l'Italia. Dal caso Moby Prince agli omicidi di Mauro rostagno e Ilaria Alpi. Una storia mai raccontata.

Mercoledì 3 novembre un incontro a Milano, presso la Libreria Coop in via Festa del Perdono, per parlare di misteri italiani con Luigi Grimaldi e Luciano Scalettari, autori di “1994”, un libro ricco di testimonianze, documenti inediti e indagini di varie magistrature per far luce su sei anni nebulosi della storia d’Italia, a cavallo tra la Prima e la Seconda Repubblica, attraverso la ricostruzione di una verità non istituzionale e non ufficiale che mette insieme quattro storie: il delitto Rostagno, gli omicidi del generale del Sismi Vincenzo Li Causi e dei reporter Ilaria Alpi e  Miran Hrovatin, passando per la strage del traghetto Moby Prince.

All’incontro, con inizio alle ore 18, prenderanno parte anche Salvatore Borsellino, curatore della postfazione al volume, e Gianni Barbacetto, giornalista e scrittore alla guida di “Omicron”, Osservatorio Milanese sulla Criminalità Organizzata al Nord, e in passato collaboratore di Carlo Lucarelli alla realizzazione di Blu notte.

Mauro Rostagno (fonte: http://maurorostagno.beccogiallo.net)“1994. L’anno che ha cambiato l’Italia. Dal caso Moby Prince agli omicidi di Mauro Rostagno e Ilaria Alpi. Una storia mai raccontata” (edito da Chiarelettere) è una controinchiesta che si propone di ricostruire un puzzle i cui pezzi sono disseminati in quattro anni (1988, 1991, 1993 e 1994) e in molti luoghi (Mogadiscio, Livorno, Trapani, Palermo, Roma, Milano), visti come la cornice temporale e spaziale di storie inscritte in un percorso che porta alle stragi di mafia del 1992-1993 e pone sotto una nuova luce la svolta elettorale del 28 marzo 1994, con il trionfo di Berlusconi, una settimana dopo l’uccisione in Somalia di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, i due giornalisti del Tg3 pronti a mandare in onda un servizio annunciato e clamoroso. Il 1994 è l’anno chiave di uno scenario complesso e incentrato sui traffici internazionali di armi e sullo smaltimento di rifiuti tossici, con responsabilità ramificate nel mondo della criminalità organizzata, delle logge massoniche e dei più alti piani del sistema politico italiano e internazionale.

Ilaria Alpi e Milan Hrovatin (fonte: http://www.liberainformazione.org)Il volume rientra nella linea editoriale della casa editrice Chiarelettere, nata nel maggio 2007 con l’obiettivo di proporsi come spazio d’informazione libero, lontano dai condizionamenti dei vari centri di potere. Nel corso degli anni questo progetto ha fatto incontrare magistrati, giornalisti, professori, reporter, vignettisti e musicisti con un ampio pubblico interessato ad approfondire temi d’attualità- quali giustizia, terrorismo, crisi economica, questione morale, speculazione edilizia- e questioni chiave della storia recente della nostra Nazione, dal delitto Moro all’omicidio Pasolini, dagli anni del terrorismo all’attività della P2.

Gli autori di “1994” vantano un ampio curriculum nel giornalismo d’inchiesta. Luigi Grimaldi è un giornalista freelance e ha collaborato con “Il Gazzettino” di Venezia, “Liberazione”, “Avvenimenti”,“Famiglia Cristiana” e con la trasmissione televisiva “Chi l’ha visto?”. Insieme a Michele Gambino ha scritto, per “Editori Riuniti”, “Traffico d’armi. Il crocevia jugoslavo”.

Luciano Scalettari, inviato speciale di “Famiglia Cristiana”, è stato anche consulente della Commissione parlamentare d’inchiesta sul delitto Alpi-Hrovatin dal marzo 2004 all’8 febbraio 2005, quando si è dimesso dall’incarico. Sul caso Ilaria Alpi ha scritto, con Alberto Chiara e Barbara Carazzolo“Ilaria Alpi. Un omicidio al crocevia dei traffici”, edito da “Baldini & Castoldi”.

Scheda libro su http://www.chiarelettere.it/dettaglio/68062

 


Evento organizzato da Chiarelettere e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...