Taglia e cuci di Marjane Satrapi

Il commento...

Quando inizi la lettura di “Taglia e cuci” (Satrapi Marjane, Lizard editore, 2003) inevilmente ti trasformi in un orecchio indiscreto. Ti intrufoli nelle chiacchiere di un gruppo di donne iraniane e ti ritrovi così a condividere i loro segreti mentre tra punti e ricami si lasciano scappare confidenze, dubbi e confessioni.

Un tè fumante accompagna le loro risate, le lacrime e i sospiri, in un salotto che è allo stesso tempo un rifugio - un mondo da cui gli uomini sono banditi - dove le donne parlano d’amore, di matrimonio, di adulterio, di sesso, di vita.

Ne emerge uno spaccato della società iraniana - agli occhi di noi occidentali così lontana e differente - una società fatta non solo di contraddizioni, di verità scomode e di diritti da conquistare, ma di donne estremamente solidali che senza falsi pudori condividono le loro esperienze e smascherarano i tabù che vengono loro imposti.

Un libro che consiglio per la piacevolezza, per le graffianti punte di ironia e per la bellezza dei disegni.

 

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...