Giornata Mondiale del Libro 2014

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > gruppi di letture/reading > happening > incontri letterari > manifestazioni a tema > scuole, corsi e laboratori
Questo evento si è tenuto il 23 aprile 2014 in tutta Italia, alle tutta la giornata.
L'evento...

Giornata Mondiale del Libro 2014

“Esistono libri su tutti i temi, per ogni pubblico ed ogni momento. Ma dobbiamo fare in modo che i libri siano disponibili per tutti, dappertutto” (Milagros del Corral, direttrice UNESCO)

Promuovere la lettura, l'educazione e lo sviluppo culturale delle nazioni e, insieme, una cultura di rispetto e valorizzazione del lavoro creativo: sono questi i principi ispiratori della “Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore”, istituita dall’UNESCO già nel 1996 e che, come ogni anno, sarà celebrata il 23 aprile con tantissime iniziative sparse sulla penisola e nel resto del mondo.

Da Nord a Sud, anche quest’anno, non mancheranno spazi  dedicati alla (ri)scoperta del piacere della lettura che è, nella sua più intima essenza, nutrimento per l'anima, antidoto contro la solitudine, specchio concavo dell’umanità. Se da sempre, infatti, proiettando sulle trame narrative le loro maggiori issue, le società ne hanno cercato comprensione e scioglimento, è evidente ora più che mai, di fronte alla crisi, il potere critico e insieme salvifico della letteratura.
Per tale motivo -e non solo- giornate come queste, dovrebbero innanzitutto ricordare l’impegno costante di chi, nel tempo, ha contribuito allo sviluppo culturale delle nazioni. Gol importantissimo soprattutto per un paese come il nostro, troppo spesso dimentico di quell’immenso patrimonio umanistico che è stata nei secoli vanto per l’Italia e non solo e del ruolo strategico che dovrebbe assumere l'educazione e la formazione intellettuale dei giovani.

Ma, occasioni come la Giornata Mondiale del Libro, dovrebbero anche premiare chi, con impegno costante, creatività e qualche volta rischio, combatte quotidianamente sfide titaniche per mantenere in vita il mondo dell’editoria, oltre promuovere politiche pubbliche “book-friendly”.

Non è un caso, infatti, che proprio il 23 aprile, ormai da quattro anni, il Centro per il Libro e la Lettura del MBCA dia il via a “Il maggio dei Libri”, campagna nazionale pensata per dimostrare che “leggere fa crescere” e che si prefigge di portare i libri e autori al di fuori dal loro contesto abituale, conquistando scuole, circoli, parchi, associazioni culturali, ospedali, uffici postali, treni e coinvolgendo anche i lettori non abituali grazie a un ricchissimo calendario (ancora in via di definizione e consultabile qui) di seminari, reading, incontri con gli autori, laboratori ed eventi a tema.

“I libri servono a capire e a capirsi, e a creare un universo comune anche in persone lontanissime…” (Susanna Tamaro)

Nella stessa giornata avverrà anche il tradizionale cambio di staffetta tra le città scelte dall’UNESCO come Capitale del Libro per essersi distinte per lo spazio e i contributi offerti alle questioni culturali. Dopo Bangkok, capitale del libro dello scorso anno, toccherà per il 2014 a Port Harcourt (in Nigeria), scelta dal comitato scientifico “in virtù della qualità del suo programma culturale, incentrato sui giovani e dell’impatto che questo avrà sulla cultura nigeriana dei libri, della lettura e dell’editoria e sui tassi di alfabetizzazione”, come si legge nella nota ufficiale.

La scelta del 23 aprile come grande festa dei libri e dei lettori? Non è affatto casuale. Non solo, infatti, per gli irrinunciabili delle ricorrenze, è proprio in quel giorno del 1616 che il mondo saluta il genio di tre grandi classici della letteratura internazionale come William Shakespeare, Miguel de Cervantes e Garcilaso de la Vega. Ma il 23 aprile è anche la data di nascita di Maurice DruonVladimir Nabokov e il premio nobel Halldór Laxness.

E anche il mito sembra metterci del suo: in quel giorno in catalogna si celebra, infatti, la Festa di San Giorgio che, secondo la leggenda, ancora cavaliere salvò la bella figlia del re di Salem da un terribile drago, dal cui sangue sgorgarono rose date in dono alla principessa in cambio di un libro.

Ecco perché il 23 aprile è in Spagna anche la festa del libro e delle rose, gli innamorati ne approfittano per scambiarsi segni d'affetto e le calle si riempiono di fiori e di libri e i librai usano fare piccoli omaggi floreali ai loro clienti. Tradizione che, quest’anno, per la prima volta sarà replicata anche in Italia. La Generalitat de Catalunya ha scelto Torino -in quanto “capitale” italiana del libro, grazie all’annuale appuntamento con il Salone del Libro- per un singolare spin-off che trasformerà piazza Palazzo di Città in un’italica rambla all’ombra della Mole.

Le vere protagoniste? Le librerie indipendenti della città che allestiranno corner dedicati a singoli titoli o a intere case editrici indie da presentare ai lettori più curiosi. E, immancabili, le rose, regalate a chiunque acquisterà un libro o lo prenderà in prestito gratuitamente nel circuito delle biblioteche civiche. Singolare anche la scelta di premiare i lettori “forti” e gli utenti più affezionati delle biblioteche, riconoscendo di fatto il ruolo di gateway culturale da esse svolto, nonostante le forti minacce provenienti dal digitale.

Nell’ambito delle celebrazioni torinesi per la Giornata del Libro, inoltre, riprende “Il Giro d’Italia in 80 librerie (per non parlar di scuole e biblioteche)”  (leggi un post di presentazione), staffetta letteraria ideata da Letteratura Rinnovabile che, dall’estate scorsa, ha visto “nuvole” di ciclo-lettori percorrere lo stivale da Nord a Sud (e ritorno). In attesa dello start ufficiale -il prossimo 2 maggio, con un percorso che porterà la letteratura “a due ruote” da Aosta a Roma lungo le meraviglie paesaggistiche della via Franchigena- il 23 aprile sarà l’occasione adatta, infatti, per allenarsi con la “ToMi”, pedalata “in lettura” da Torino a Milano.

“Chi accumula libri, accumula desideri; e chi ha molti desideri è molto giovane, anche a ottant'anni…” (Ugo Ojetti)

Tra gli altri appuntamenti, si rinnova a Roma quello con il bookcrossing che coinvolgerà, quest’anno, le stazioni metropolitane di Cipro e Piramide.
Se non c’è niente di più desiderabile, come sottolinea Libra 2.0 l’associazione culturale promotrice dell’iniziativa, “di avvicinare la cultura del libro ai luoghi e ai gesti della quotidianità”, non c’è infatti luogo più adatto della metro, quotidianamente usata da centinaia di migliaia di romani e turisti, per promuovere lo scambio e la circolazione di libri. Inoltre, in omaggio alla tradizionale Festa di San Giorgio, anche la capitale renderà omaggio alla letteratura spagnola con un reading (dalle 18, all’istituto Cervantes) da Joan Vinyoli, Julio Cortazar, Octavio Paz e Nicanor Parra.

Iniziativa simile anche a Termini Imerese (Palermo) dove, nel tentativo di far avvicinare giovani e meno alla lettura e, allo stesso tempo, alla cultura del territorio, l'associazione SiciliAntica, in collaborazione con l’Istituto Siciliano di Studi Politici ed Economici, distribuirà per le panchine del paese -“100 libri su 100 panchine” è, infatti, il nome dell'iniziativa- testi e libri illustrati sul sistema difensivo delle Torri costiere del regno di Sicilia in età moderna che potranno o semplicemente essere consultati o, addirittura portati a casa.

Tanti dunque gli appuntamenti in giro per lo stivale, con un solo fil rouge: convincere anche i più scettici al piacere della lettura, celebrarne le capacità catartiche e, insieme, di aggregazione sociale e puntare, finalmente, i riflettori su un mondo come l’editoria, in crisi endemica ma che, grazie a idee nuove e formule più efficaci, potrebbe essere trainante per il paese.

“Quando penso a tutti i libri che mi restano da leggere, ho la certezza d'essere ancora felice…” (Jules Renard)

ViDa

© 2014 imieilibri.it

 


Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...