Fiesta di Ernest Hemingway

Il commento...

“Fiesta”
(Il sole sorgerà ancora)
di Ernest Hemingway

“Il mondo è un bel posto e per esso vale la pena di lottare” (Hemingway)

“Fiesta” (Il sole sorgerà ancora), primo romanzo del celebre scrittore statunitense, è stato inserito dall’Huffington Post tra i romanzi da leggere prima che si compiano trent’anni; secondo la testata infatti, i libri non possono ridursi a oggetti statici, immobili e sempre uguali a se stessi: al contrario, il loro significato accompagna il lettore in determinate fasi della sua vita, crescendo assieme e maturando poco a poco. Ecco allora come la gioventù, alcoolica e sconclusionata, dei protagonisti di Fiesta può trasportare ventenni (e non) dapprima nella fredda, affascinante, sfavillante Parigi degli anni Venti, poi nella concitatissima Pamplona, nella calda regione di Navarra, in Spagna.

Tra queste due città, caposaldi per atmosfere ed emozioni contrastanti, è incastonata la battuta di pesca nei Pirenei: qui, nelle gelide acque del fiume e tra le squame dorate e luccicanti dei pesci, protagonisti e lettori potranno godere non solo dell’ombra degli alberi durante le ore più assolate, ma anche del sorso ristoratore del vino lasciato ghiacciare nel torrente.

Prima di assistere all’Encierro (festival tradizionale dalla cadenza annuale, dove i tori corrono per le strade di Pamplona seminando eccitazione, contusi e persino morti) il gruppo di espatriati americani e britannici, tutti estrapolati dalla reale vita dell’autore, si contendono l’amore della promiscua e seducente Lady Brett Ashley, si ubriacano ogni notte, scrivono bozze di romanzi, frequentano la vita culturale parigina.

Secondo la felicissima definizione di Gertrude Stein (o del proprietario del garage in cui la scrittrice parcheggiava la sua automobile? La questione è oggetto di discussioni accademiche), le vicende narrate nel romanzo ben dipingono la lost generation, la generazione perduta.

“Questo è ciò che si è. Questo è ciò che tutti sono… tutti voi, giovani che avete prestato servizio nella guerra. Voi siete una generazione perduta”, così l’intellettuale americana aveva infatti bollato non solo Hemingway, ma anche F. Scott Fitzgerald, John Steinbeck, Henry Miller, T.S. Eliot ed altri.

Lo stesso Fiesta indaga infatti, oltre la superficiale pellicola delle infelici storie d’amore, anche i temi della morte e della virilità: la voce narrante del romanzo, Jake Barnes, è reso impotente da una ferita di guerra. Cicatrice fisica e al contempo psicologica, segno di rottura con qualsiasi passato; le impronte del conflitto, la morte degli amici, i corpi dilaniati non saranno mai dimenticati, né tantomeno affogati nelle sempiterne bevute di un gruppo che tenta di stordirsi, senza mai perdere la lucidità.

Oltre al malinconico destino di Barnes, il lettore si accosta anche alle vicende di Robert Cohn, ebreo campione di boxe ma spesso deriso e denigrato, alle libertà sessuali di Lady Brett Ashley, decisa a conquistare persino il giovanissimo torero Romero, Mike Campbell, altro veterano di guerra e fidanzato “ufficiale” di Lady Ashley, Bill Gorton, giocoso animatore di sbronze e viaggi.

La combriccola, lieta e spassosa solo in superficie, nasconde il malessere di una gioventù che non sa come collocarsi, di amori irrealizzabili, di tensioni incapaci sia di esplodere, sia di mitigarsi.

Rimane allora, impastato all’alcool, solo il rimpianto:

- “Oh Jake” disse Brett. “Noi due saremmo stati bene assieme”.
Di fronte a noi su una pedana, un poliziotto in kaki dirigeva il traffico. Alzò la sua mazza. La macchina improvvisamente rallentò, spingendo Brett contro di me.
- “Già”, dissi io, “non è bello pensare così?”

Caterina M

© 2014 imieilibri.it


Ernest Hemingway, “Fiesta” (Il sole sorgerà ancora) - disponibile online su laFeltrinelli/IBS/inMondadori

 

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...