“Vi racconto un romanzo… Dalla Russia con amore”

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > ciclo di incontri > incontri letterari
Questo evento si è tenuto dal 29 ottobre 2013 al 12 maggio 2014 presso Roma, Auditorium Parco della Musica (Roma), alle 21:00.
L'evento...

“Vi racconto un romanzo… Dalla Russia con amore


fonte: italian.ruvr.ru

Dopo i tre cicli dedicati alla poesia e al romanzo europeo, italiano e statunitense, tornano gli incontri letterari del ciclo “Vi racconto un romanzo”, curati da Valerio Magrelli, che in questa nuova edizione verteranno sulla letteratura russa, con l'accattivante titolo “Dalla Russia con amore”.

Partita lo scorso 29 ottobre 2013 la rassegna -come sempre ospitata dall’Auditorium “Parco della Musica” di Roma- proporrà, fino al 12 maggio 2014, l'approfondimento e la lettura di otto grandi capolavori di scrittori russi, dal XIX secolo in poi.

Secondo la collaudata formula, ad ogni appuntamento si partirà con una breve presentazione bibliografica  e un'analisi letteraria degli autori scelti e delle loro opere, a cui seguirà la lettura di alcuni brani da parte degli ospiti di volta in volta invitati, tra gli attori italiani più talentuosi. Il pubblico scoprirà così, attraverso un format attento ad evitare la noia dell’accademismo, quanto le derive dilettantesche, il grande scenario storico, sociale e culturale delle opere di grandi scrittori come Gogol e Tolstoj.

Dopo il primo appuntamento dedicato alla lettura di “Evgenij Onegin” di Aleksandr Puškin (disponibile online su laFeltrinelli/IBS/inMondadori), si proseguirà il 25 novembre 2013 con “Le anime morte” di Gogol (disponibile online su laFeltrinelli/IBS/inMondadori), la cui lettura è affidata a Ottavia Piccolo; la scelta dell’autore è ideale, se consideriamo le parole di un altro grande scrittore russo, Dostoevskij: “siamo tutti usciti dal cappotto di Gogol”. Il romanzo è uno dei classici della letteratura mondiale, ispirato alla “Divina Commedia”: viene dipinta infatti -con un ideale riferimento all’“Inferno” dantesco- la dimensione morale più bassa raggiunta dalla Russia. Nonostante la cupezza degli argomenti trattati, è l’ironia dissacrante a pervadere ogni pagina del libro, come dimostra questa descrizione del riposo: “quel sonno mirabile, di cui godono solo i fortunati che non sanno cosa siano né emorroidi, né pulci, né troppo elevate capacità intellettuali”.

Il 16 dicembre 2013 sarà la volta del celebre “Delitto e castigo” di Fëdor Dostoevskij (disponibile online su laFeltrinelli/IBS/inMondadori), declamato da Moni Ovadia: il pubblico sarà trascinato nei drammatici eventi che ebbero luogo a partire da “quel caldo insopportabile in quei primi giorni di luglio”, capaci di determinare una delle vicende più note ed influenti nella moderna letteratura. Il tema della salvezza, così centrale e dominante, sarà costruito capitolo dopo capitolo, in un crescendo individuale che adombra tuttavia la sorte dell’umanità intera. Leggi il reportage sull'incontro.

Il nuovo anno si aprirà invece con “Anna Karenina” (sul libro potete leggere un precedente commento) di Tolstoj (disponibile online su laFeltrinelli/IBS/inMondadori), interpretata da Alba Rohrwacher (il 27 gennaio 2014): considerato oggi come uno dei più grandi capolavori del realismo, fu invece -fin dalla prima pubblicazione- stroncato dalla maggior parte della critica russa, secondo cui era soltanto “un romanzo frivolo dell’alta società”. La struggente vicenda amorosa di Anna ha catturato un numero crescente di lettori, stregati dal suo fascino magnetico e dalle lapidarie frasi tolstojane, come ad esempio: “Tutta la varietà, tutta la delizia, tutta la bellezza della vita è composta d’ombra e di luce”. Leggi il reportage sull'incontro.

Alla sfortunata storia di Anna Karenina seguirà “Noi” di Evgenij Zamjatin (disponibile online su laFeltrinelli/IBS/inMondadori), affidato alla lettura di Eleonora Brigliadori (il 24 febbraio 2014): il critico/scrittore russo di inizio Novecento fu difatti un iniziatore di questo genere di romanzi, detti distopici perché ambientati in un futuro immaginato come un’utopia negativa e distorta: lo scrittore raffigura una realtà dove il totalitarismo ha ormai il pieno controllo sulla vita di ciascun individuo, dichiarando perfino che la causa primaria dell’uomo risiedeva nella possibilità del libero arbitrio.

Il 17 marzo 2014 verrà analizzato il Pietroburgo” di Belyj, i cui passi più suggestivi saranno letti da Andrea Giordana: il romanzo è stato giudicato da Nabokov come meritevole di essere considerato come uno dei migliori del Novecento. La burocrazia russa pre-rivoluzionaria viene messa alla berlina, in una trama che intreccia sapientemente i fatti storici con la grottesca esistenza di un attentatore e del suo obbiettivo: il padre.

Il 14 aprile 2014, grazie alla voce di Giorgio Marchesi, prenderanno vita i protagonisti de “Vita e destino” di Vasilij Grossman (disponibile online su laFeltrinelli/IBS/inMondadori), giornalista e scrittore russo dalle origini ebraiche, dapprima convinto sostenitore del regime dell’Unione Sovietica e infine caduto in disgrazia, dopo essersi discostato dalla campagna anti-semita promossa nel suo paese tra il 1949 e il 1953. “Vita e destino”, ambientato nel fronte russo tra il Don e il Volga nel biennio 1942/1943, costituisce uno dei manifesti più accorati alla difesa della libertà dell’uomo, capace di scontrarsi e vincere contro ogni forma di sopruso e totalitarismo.

L’ultimo appuntamento, il 12 maggio 2014, vedrà Antonio Catania impegnato con “Mosca sulla vodka/Mosca-Petuski” di Viktor Erofeev, uno degli esponenti della cultura russa più attivi: nel 2009 ha infatti vinto il premio Mondello e collabora stabilmente con l’emittente televisiva “Kultura”. Sulla sua patria, famose sono le parole: “La Russia cos’è? Forse per capirlo dovrebbe accettare la sua natura femminile. Si dice Santa Madre Russia, eppure per gran parte della sua storia ha aspirato a diventare uomo. Vuole cambiare sesso. Porta la gonna, ma vuole i pantaloni”.

La rassegna dunque, attraverso questo nutrito focus letterale, si pone come lente d’ingrandimento privilegiata non solo su una delle grandi potenze mondiali, ma anche sul Paese in grado di provare “gioia breve e violenta/nelle sonore canzoni di primavera sui prati”.

Caterina M

© 2013-2014 imieilibri.it


Gli incontri del ciclo “Vi racconto un romanzo… Dalla Russia con amore” si tengono presso il Teatro Studio al (tutti con inizio alle 21.00)

Posto unico: 15.00 euro
Abbonamento agli 8 appuntamenti 80,00 euro.

 


Evento organizzato da Valerio Magrelli e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...