“Una Torre di libri”: “deviazioni” letterarie a Torre Pellice

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > concorsi e premi letterari > happening > incontri letterari > incontro con autori > manifestazioni a tema
Questo evento si è tenuto dal 29 giugno 2013 al 25 luglio 2013 presso Torre Pellice (Torino) (tutta la giornata).
L'evento...

Al via a Torre Pellice la terza edizione di
“Una Torre di Libri”

“Senza una deviazione dalla norma non è possibile il progresso” (Frank Zappa)

Sono le “deviazioni” il filo conduttore della sesta edizione di “Una Torre di Libri” manifestazione che farà, per un intero mese, dal 29 giugno al 21 luglio, del comune di Torre Pellice, un crocevia di incontri letterari. Dalle manifestazioni deviate -e a volte devianti- della follia creativa, fino alle tante e diverse sfumature delle forme di espressione emotiva e di conoscenza e ai percorsi imprevedibili, lontani da quelli tracciati, che a volte la vita impone, si muoverà il ricchissimo programma che, per quattro settimane, farà della cittadina piemontese lo scenario di incontri con gli autori, reading e presentazioni di novità editoriali.

Dopo un prologo che ha visto protagonista Umberto Eco, vessillo internazionale della cultura italiana si partirà, dunque, sabato 29 giugno con due appuntamenti.

Della diversità di Andrea, di tutti quelli che, come lui, vivono nel mondo centripeto e inconoscibile dell'autismo, e della forza di genitori come Franco capaci di lasciare la loro vita per farne vivere ai figli una il più normale possibile si parlerà (alle 17.30 in Piazza del Municipio) con Fulvio Ervas, autore dell'ormai best seller “Se ti abbraccio non aver paura” (disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS).

Più tardi (alle 21.15) invece, sarà Wu Ming 1a presentare il suo ultimo romanzo “Point Lenana” (disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS), scritto con Roberto Santachiara, un “racconto di racconti”, un lungo viaggio dalle tante Afriche possibili, ai luoghi dimenticati in cui è nata l'idea di italianità, tra “esploratori e squadristi, poeti e diplomatici, guide alpine e guerriglieri”.
 

Si avvierà con la premiazione dei vincitori del concorso “Galeotto fu il libro” che, come ogni anno chiedeva ai partecipanti di cimentarsi nella recensione di uno dei libri che avessero cambiato loro la vita, la giornata di domenica 30 giugno.

A seguire (alle 17.30 in Piazza del Municipio) sarà la presidente della giuria, la giornalista e scrittrice Cinzia Tani, a presentare l'ultimo libro, “Mia per sempre” (disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS), che muovendo dall'attualità, con le spiazzanti statistiche italiane sui casi di femminicidio -con una media di una donna uccisa ogni tre giorni e un totale di 120 vittime di compagni, mariti, ex, solo nell'ultimo anno- sembra ricordare a ciascuno di noi che una via d’uscita alle minacce esiste e sta nella prevenzione e nella denuncia delle violenze subite, perché il silenzio non diventi un modo per permettere a maschi deboli e vigliacchi di poter gridare sempre più forte. Ancora in serata (alle 21.15, al Tempio Valdese) la musica di Bach sarà protagonista non solo di una sessione di esecuzione dal vivo di alcuni dei suoi grandi classici ma soprattutto della presentazione di “In viaggio con Bach” (disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS), quasi una guida di Gianni Long alla scoperta del maestro tedesco, della sua musica e delle città in cui visse.

“Perché la lotta alla criminalità organizzata e al malaffare rischia di non finire mai?”
A dare una risposta a questa domanda ci ha provato, in “Operazione Penelope”, Raffaele Cantone, magistrato e consulente della Commissione parlamentare antimafia. Presentato a Torre Pellice giovedì 4 luglio (alle 21.15 in Piazza del Municipio), il libro (disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS), prende in prestito dalla tradizione omerica la metafora dell'infinita tela di Penelope per analizzare le dinamiche complesse che girano attorno alla lotta alla mafia: il risultato è un garbato atto d’accusa a un sistema così indulgente con se stesso da chiudere sempre gli occhi davanti a contaminazioni sempre più evidenti” come ha scritto Marco Imarisio, per il Corriere della Sera.

Weekend dedicato alle tante sfumature del giallo, quello di sabato 6 e domenica 7 luglio, già a partire da un workshop di scrittura dedicato ai più piccoli che si ispira alla raccolta “Cuore di Tigre” un'antologia (disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS) che quattordici tra i maggiori scrittori italiani contemporanei (tra cui Pino Cacucci, Wu Ming 5, Massimo Carlotto e Luca Di Fulvio) hanno dedicato a Emilio Salgari nel centocinquantesimo della nascita di uno dei più grandi autori per ragazzi.
La stessa raccolta sarà presentata nel pomeriggio di domenica (alle 17.30 in Piazza del municipio) dai curatori.

Sabato 6 (alle 17.30, in Piazza del Municipio), toccherà a Ben Pastor, autrice di gialli storici, madre dell'ufficiale investigatore tedesco Martin Bora, ispirato all'attentatore di Hitler, ora protagonista di “Il cielo di Stagno” (disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS).
Più tardi (alle 21.15), invece, le conversazioni si tingeranno di giallo grazie alla presenza di alcuni dei più famosi giallisti italiani: da Enrico Pandiani (autore della saga “Les Italiens” , il cui ultimo capitolo, ora in libreria è “La donna di troppo”; disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS) a Franco Limardi (“Il bacio del brigante”) e Luca Crovi (di cui potete leggere il post di presentazione relativo a “Noir. Istruzioni per l'uso”).

Dal mondo del poliziesco moderno francese arriverà, inoltre, domenica 7 (alle 11.00, in Piazza del Municipio), Serge Quadruppani, ora in libreria con Saturno” ( disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS) romanzo che, sullo sfondo di una strage apparentemente immotivata, tratteggia l'Italia di oggi,  con i suoi mostri e i suoi fantasmi e gli intrighi della finanza internazionale.

L'attualità, quella dell'introduzione dell'alta velocità, sarà protagonista, venerdì 12 luglio (alle 17.30 in Piazza del Municipio), grazie ad Andrea De Benedetti e Luca Rastello, firme rispettivamente di “il Manifesto” e “la Repubblica” e autori di “Binario Morto” (disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS), un  lungo reportage sull'“eldorado” di 200 chilometri di ferrovia ad alta velocità che, nella migliore delle ipotesi, non cominceranno a produrre benefici economici prima del 2073, la storia di una grande illusione, di un guadagno a brevissimo termine per pochi e a lunghissimo sull’economia locale.

Ritorno sulle trame della narrativa sabato 13 luglio con due appuntamenti: Eliana Bouchard presenterà (alle 17.30, in Piazza del Municipio) il suo ultimo “La mia unica amica” (disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS), storia di un'amicizia nata tra i banchi ma destinata a durare ben più di quell'anno scolastico; più tardi (alle 21.15), il regista e sceneggiatore Mimmo Calopresti presenterà, introdotto dallo storico Giovanni De Luna, “Io e l'Avvocato” (disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS), storia di un operario qualsiasi calabrese arrivato a Torino condotto dal sogno della FIAT la cui vita si intreccia, casualmente e lungo le tortuose vie del destino, con quella di Gianni Agnelli.

Giornata dedicata alla valorizzazione del territorio e delle pregiatezze enogastronomiche piemontesi e non solo, quella di domenica 14 luglio: si parte dalla presentazione (alle 11.00, in Piazza del Municipio) di  un volume, curato da Sara Tourn e dedicato alla storia del paese, per proseguire (a partire dalle 17.30) con una serie di incontri di cui saranno protagoniste le attività e grandi nomi legati a SlowFood. In questa occasione verrà presentata, infatti, la “Guida al vino quotidiano”, particolare nel concept perchè presenta solo i vini acquistabili in enoteca a un prezzo inferiore ai dieci euro e presentati non in ordine regionale, ma secondo la stagione del loro consumo ideale.

A seguire (dalle 18.30) Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, dialogherà con l'attrice Lella Costa. Punto di partenza saranno le loro ultime uscite editoriali: “Zuppa di Latte” -l'ultimo volume della collana di Slow Food Editore (disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS), che ha nel tempo invitato scrittori e poeti a raccontare il piatto che più gli sta a cuore, in cui Petrini ricorda con un pizzico di nostalgia il sapore e l'odore ormai perduto di quella la zuppa di latte preparata sulla stufa che allietava le fredde serate invernali- e Come una specie di sorriso” (disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS),  in cui Lella Costa, sembra ricordare come il sorriso, anche quello a denti stretti, sia indispensabile per affrontare con leggerezza gli sgambetti della vita e lo fa attingendo ai classici della letteratura e della musica, da Socrate a Shakespeare, da Paolo Conte a De André, sul filo rosso dell'ironia.

Venerdì 19 luglio grande ritorno per una delle voci storiche di “Una Torre di Libri”: Simonetta Agnello Hornby, scrittrice di origine palermitana da sempre impegnata nelle cause contro le violenze domestiche, sarà infatti a Torre Pellice (alle 21.15 in Piazza del Municipio) per presentare i suoi due ultimi romanzi: “Il veleno dell'oleandro” (disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS)  -viaggio nella Sicilia dei Monti Iblei e tra misteri decennali di famiglia e “Il male che si deve raccontare” (disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS) -un libro in cui, la Hornby, con l'aiuto di Maria Calloni, ripesca dalla memoria i casi di abusi affrontati in veste di avvocato: dai silenzi comprati da un marito abusante, al dolore dei figli abusati, alla complicità fra vittima e carnefice (i proventi del libro contribuiranno, tra l'altro, alla creazione della sezione italiana della Global Foundation for the Elimination of Domestic Violence, già attiva da anni in Inghilterra).

Storia di una deviazione rispetto a ruoli e mestieri tradizionalmente non da donne, quella del “Limbo” di Melania Mazzucco (disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS) che verrà presentato sabato 20 luglio (alle 17.30 in Piazza del Municipio) e che è la storia di una donna che, in barba alle aspettative famigliari, diventa sottufficiale dell’esercito, comandante di plotone in Afghanistan, responsabile della vita e della morte di trenta uomini, fino a quando un attentato la costringe a fare i conti con la stessa vita che ha voluto.

Ancora sabato (alle 21.15) sarà la volta, invece, di Marcello Fois che presenterà il suo “Nel tempo di mezzo” (di cui potete leggere una precedente presentazione; il libro è disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS), non solo nostos fisico verso la natia Sardegna ma, soprattutto, lento e graduale riavvicinamento verso le radici, verso l'universo famigliare del protagonista che vede in lui, nel nuovo che rappresenta, promessa di palingenesi.

Domenica 21 luglio, dopo l'apertura (alle 11.00 al Caffè Londra) con un reading a cura di Vincenzo Jacomuzzi, sulle trame della storia della letteratura italiana e delle sue deviazioni, Antonio Caprarica storico corrispondente Rai in Inghilterra presenterà (alle 17.30 in Piazza del Municipio) il suo ultimo libro, “Ci vorrebbe una Thatcher” (disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS), in cui  la dura lezione della lady di ferro, diventa uno spunto per interrogarsi su temi di stringente attualità e sull’incapacità di fare dell’Italia uno Stato europeo finalmente moderno.


(fonte: vanderbiltcupraces.com)

La serata di domenica 21 (alle 21.15)  si chiuderà con un percorso narrativo fatto di letture, esecuzioni di brani per pianoforte (con il maestro Giancarlo Capozzoli) e la presentazione di “Donne con le ali” di Luca De Antonis (disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS): tributo a tutte quelle donne, come Harriet Quimby e Matilde Moisant, che -ancora una volta sfidando i cliché di genere- hanno dedicato la loro vita all'aereonautica.

Chiusura con ospite internazionale, giovedì 25 luglio, per il festival di Torre Pellice con Jeffrey Deaver, autore di alcuni dei thriller moderni più venduti (tra cui “Il collezionista di ossa” -disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS- capitolo iniziale della saga che ha per protagonista il criminologo Lincoln Rhyme) che, introdotto da Luca Crovi, presentera il suo appena uscito “La stanza della morte” (disponibile online su laFeltrinelli.it e IBS), libro che vede lo stesso “protagonista”, Lincoln Rhyme, impegnato nella torbida indagine per l'uccisone di un attivista americano.

ViDa

© 2013 imieilibri.it


Maggiori informazioni su date ed eventi di “Una torre di libri” sono disponibili sul sito della manifestazione.

 


L'evento è pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...