Festival della Letteratura di Milano

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > gruppi di letture/reading > happening > incontri letterari > manifestazioni a tema > scuole, corsi e laboratori
Questo evento si è tenuto dal 5 giugno 2013 al 9 giugno 2013 presso diverse località (vedi dettaglio eventi) di Milano (Milano), alle (vedi dettaglio eventi).
L'evento...

A Milano al via la seconda edizione del
Festival della Letteratura

“La speranza è un dovere, alle volte arduo, ma sempre un dovere”

Sembra questo il mantra, di borgesiana memoria, che muove il direttivo artistico e le centinaia di volontari, che per il secondo anno consecutivo, dal 5 al 9 giugno, con il “Festival della Letteratura” cercheranno di valorizzare il fermento culturale, il desiderio di partecipazione e le capacità organizzative della città di Milano.

Se in tempo di crisi e spending review, infatti, le istituzioni, naturali deputate alla promozione dell'arte, della cultura, dell'educazione, sembrano convinte che di arte non si possa vivere, i cinque giorni di letture, presentazioni di novità editoriali, incontri con gli autori, tavole rotonde e laboratori per grandi e piccini, cercheranno di dimostrare l'esatto contrario.

Oltre quattromila visitatori per circa novanta eventi sparsi nei luoghi strategici della città -questi alcuni dei numeri della scorsa edizione- infatti, non possono sbagliare: la cultura non solo riesce a essere fattore aggregante ma, attraverso le sue forme e i suoi prodotti, diventa una specchio attraverso cui una comunità può ri-conoscere se stessa e negoziare le sue istanze. è con questi auspici che la direzione artistica, la Fabbrica del Festival -nata dopo il successo della scorsa edizione e che, nel frattempo, ha periodicamente organizzato incontri letterari e happening- hanno investito anche quest'anno in un ricco programma di eventi autofinanziati che, questa volta, si è avvalso della preziosa collaborazione di molti enti pubblici, tra cui il circuito delle biblioteche comunali, la Società  Umanitaria e i tantissimi Circoli Arci.

Centrifugo il programma che spazierà tra una molteplicità di temi e di contenuti, a partire dalla celebrazione della città, del suo capitale artistico e della storia e dei personaggi che la hanno resa nota.

Dalle vie storiche -come quella Via Padova, a due passi dal centro, nodo di incontri multi-etnici e ora protagonista di una libro “L’ultimo bar a sinistra” (edito da Ligera; disponibile su laFeltrinelli.it), che sarà presentato mercoledì 5 (alle 17.30, presso il Negozio Civico “ChiAmaMilano”)- a un passato forte e dalle tinte inquietanti, come gli anni '70 che diventano oggetto di riflessioni e confronto con un presente caratterizzato da condizioni socio-economiche non meno instabili -in un incontro, dal titolo “Milano com’era, Milano com’è (ancora mercoledì 5, alle 19.30 alla Libreria Popolare di via Tadino), che vedrà protagonisti Dario Crapanzano, autore di molti gialli ambientati a Milano in compagnia di Riccardo Besola, Andrea Ferrari e Francesco Gallone, autori di un giallo a sei mani “Operazione Madonnina - Milano 1973” (edito da Frilli; disponibile su laFeltrinelli.it e IBS). E, ancora, ai personaggi il cui nome è inevitabilmente legato a quello della città -come Rosetta de Woltery, giovane attrice e cantante che si esibiva nei locali e su cui, da sempre, è gravata l'infamia di prostituta, al riscatto della cui memoria sarà dedicato un incontro (venerdì 7, alle 17.30 presso il Caffè Letterario Mursia, via Melchiorre Gioia 45), cui prenderanno parte attori, cantanti e rappresentanti del mondo letterario del tempo.
Attraverso alcune letture, quelle di Guy Debord, Dario Borso accompagnerà poi gli appassionati in una passeggiata d'autore alla riscoperta della psicogeografia della Milano Nord-Est (domenica 9, dalle 11.00, con partenza da via Cascia).

Tantissimi gli incontri dedicate alle donne. Scrittrici, poetesse, artiste ma anche, purtroppo, vittime di pregiudizi e di violenze di genere: a loro e alle loro storie che chiedono di essere raccontate, verrà lasciato spazio, a partire da una serie di incontri pensati per il gruppo di lettura della sezione femminile del carcere di San Vittore -durante i quali verrà presentato (mercoledì 5, alle 10.30), per esempio, “Undicesimo comandamento - la violenza non è Donna” (edito da Perdisa; disponibile su laFeltrinelli.it e IBS) di Elena Mearini.
Venerdì 7 (dalle ore 21.00, all'Anfiteatro della Biblioteca Cassina Anna) la scrittura al femminile sarà protagonista, poi, di “Dall’eros al noir - un viaggio nell’interiorità femminile”, incontro a più voci tra alcune delle più note scrittrici contemporane, misuratesi con risultati e metodi diversi con le problematiche di genere, tra cui Sonja Radaelli (di Una moglie imperfetta; edito da Akkuaria; disponibile su laFeltrinelli.it e IBS), Antonella Cavallo, Elena Caserini, Milly Nale (di “Il silenzio delle cicale”; edito da Akkuaria; disponibile su laFeltrinelli.it e IBS) e Erre Estes.

Anche alla Storia, quella ufficiale con le sue contraddizioni e si suoi misteri, e ai suoi personaggi saranno dedicati una serie di letture e presentazioni di volumi. Dagli anni di piombo raccontati dai loro protagonisti -con la presentazione di “Decennio Rosso” (edito da PaginaUno; disponibile su laFeltrinelli.it e IBS) di Massimo Battisaldo (giovedì 6, alle 21.00 alla Libreria Popolare di via Tadino)-, all'ode alla Resistenza e al sacrificio di chi ha contribuito alla nascita della nostra Repubblica, passando per le pagine più scure e silenti del Novecento, come lo sterminio del popolo armeno -a cui sarà dedicata “Morti nel silenzio” una serata di letture, testimonianze e performance visive- e per personaggi (giovedì 6, alle 21.30, presso la sede del Circolo Arci Bellezza).
O, ancora, come Rosa Luxemburg, il cui pensiero è stato un contribbuto indispensabile al progesso sociale -le lettere della politica tedesca, raccolte in  “So soltanto come si è umani” (edito da Prospettiva; disponibile su laFeltrinelli.it e IBS) e “Lettere d’amore e d’amicizia”, saranno oggetto per l'occasione di un reading teatrale (venerdì 7, alle 21.00 al Torchietto Bistrò) a cura di Gabriella Tantofoglio.

Davanti alle sfide poste da una società multietnica e alla necessità di passare dall'accoglienza alla piena e totale integrazione, il programma farà spazio anche al tema del confronto con le diversità, a partire dalle culture a noi aliene, con i loro riti, le loro tradizioni e la loro industria culturale, come quella della letteratura romena che sarà protagonista (domenica 9, dalle 17, presso la Biblioteca Romena, in Via Trebbia 33) di un incontro con alcuni dei suoi maggiori rappresentanti.
O come il confronto con i tantissimi popoli, pure molto prossimi a noi, ancora in lotta per la libertà e i diritti, rispetto al cui destino restiamo a torto indifferenti: dalla Siria a tutte le aree del Nord Africa, dalla primavera di due anni fa coinvolte in un radicale cambiamento socio-politico -ricordato con la presentazione (giovedì 6, alle 17.30, presso il Negozio Civico “ChiAmaMilano”) di “La felicità araba. Storia della mia famiglia e della rivoluzione siriana” (edito da Add; disponibile su laFeltrinelli.it e IBS) di Shady Hamadi, manifesto del popolo ribelle siriano nelle piazze e sulla Rete.
E se la diversità e le forme di discriminazione a essa legata possono vivere anche all'interno degli stessi gruppi sociali, anche agli altri bisogni di accettazione guarderà la manifestazione, come a quello dei tanti diversamente abili, costretti giorno per giorno a districarsi nel labirinto pieno di ostacoli della città: a dar loro voce vi saranno Maria Teresa Mosconi, autrice di “Un soffio di luce” (edito da Archivio Dedalus; disponibile su laFeltrinelli.it e IBS), e Marilena Rubaltelli con il suo “Non posso stare ferma” (edito da Archivio Dedalus; disponibile su IBS), storia di una città e delle sue tante vite viste dalla carrozzella (giovedì 6, alle 18.00, al Gran Caffè al Foro).

Ripetuta anche quest'anno, inoltre, la formula della collaborazione con i gruppi di lettura delle carceri di zona, non solo destinatari come già accennato, di molti incontri con gli autori ma protagonisti di “Leggere libera-mente” (mercoledì 5, alle 18, in Piazza del Carmine) che vedrà la presentazione libri, letture tratte da antologie, una mostra fotografica e le testimonianze dirette di alcuni dei detenuti che hanno partecipato a progetto di lettura e laboratori di scrittura creativa nel carcere di Opera, volti a valorizzare il piacere di leggere e scrivere e il loro potere di stimolare una crescita personale e un cambiamento.

Tanti gli incontri che avranno come protagonista l'arte dello scrivere e i suoi maestri: dalle influenze e le inflessioni geografiche che si possono riversare sulla pagina scritta: da “Scrivere in Brianza”, incontro-intervista (mercoledì 5, dalle 18.30 presso la Biblioteca Gallaratese) con alcuni degli autori (tra cui Azzurra Scattarella, Michela Tilli, Walter Pozzi, Sergio Paoli, Gianluca Alzati, Stefania Brabilla) dell'omonimo ebook (disponibile gratuitamente sulla rivista online “vorrei”), fino al destino incerto cui i nuovi strumenti di scrittura e lettura digitale consegnano generi, filoni letterari e personaggi classici della letteratura -interessanti a proposito due incontri “Il mondo-libro al tempo del digitale - Autori, personaggi, libri, librai e lettori” (sabato 8, alle 18.15 presso La ex-Fornace, alzaia Naviglio Pavese, 16), che spazierà tra le sfide imposte da una letteratura che deve sapersi fare cross-mediale, cambiando dinamiche e modelli organizzativi anche nel mondo delle biblioteche e “Fra letteratura e #twitteratura” (domenica 9, dalle 18.30, ancora presso  presso La ex-Fornace) che vedrà Paolo Costa, il blogger Hassan Bogdan Pautass e Pierluigi Vaccaneo (direttore della Fondazione Cesare Pavese) confrontarsi su uno dei primi esperimenti italiani di twitteratura: la riscrittura in 140 caratteri dei “Dialoghi con Leucò” (edito da Einaudi; disponibile su laFeltrinelli.it e IBS) di Cesare Pavese (per leggerne i risultati basta seguire l'hastag #Leucò).

Gli aspetti più leisure della scrittura, quando unendosi con la musica da vita a quelle “canzonette” capaci pure, in alcuni casi, di trasformarsi in non meno meritevoli oggetti d'arte, saranno protagonisti, poi, di alcuni incontri, tra cui “Scrivere una canzone” (edito da Zanichelli; disponibile su laFeltrinelli.it e IBS) durante il quale Mogol, celebre paroliere di Lucio Battisti, e Giuseppe Anastasi, in occasione dell'uscita dell'omonimo libro, si confronteranno sulla necessità di mettere in gioco creatività e fantasia anche nella scrittura per la musica (giovedì 6, alle 21.00 all'Ostello Bello).

Interessanti nella loro dimenzione partecipativa e di forte coinvolgimento del pubblico, anche due esperimenti “La bottega della parola usata” (aperta domenica 9, dalle 10.00 alle 18.00, presso la Biblioteca Chiesa Rossa) -dove sarà possibile scambiare tutte quelle parole, frasi, discorsi di cui ci si è stancati o a cui non si crede più, incontrare altri, sconosciuti, a cui dedicare anche solo pochi minuti e, senza necessariamente parlare, offrendo loro poche righe composta in occasione dell’incontro- e “Il pubblico narratore” (venerdì 7, alle 21.00 al Seicentro), una serata in cui si alternerà la lettura di racconti scelti da una giuria a pagine de “Le città invisibili” di Italo Calvino che rappresenta il temafulcro della serata.

Dedicata al filo conduttore della manifestazione, al ruolo strategico che la cultura può e deve avere per lo sviluppo di una società civile, per la crescita di una città e la negoziazione di spazi di visibilità sarà, infine, l'incontro “Di cosa parliamo quando parliamo di cultura?” (venerdì 7, alle 20.30 al Chiostro dei Glicini dell’Umanitaria) a cui parteciperanno, tra gli altri, Massimo Arcangeli (linguista, critico letterario, scrittore e consulente scientifico per la Società Dante Alighieri), Gian Paolo Serino (critico letterario e giornalista), Amos Nannini (presidente della Società Umanitaria), Milton Fernàndez (direttore artistico Festival Letteratura Milano) e Stefano Boeri (ex assessore alla cultura del comune di Milano).

ViDa

© 2013 imieilibri.it


Maggiori informazioni sulla manifestazione, il programma dettagliato degli incontri e le modalità di accredito per gli eventi che lo richiedono sono disponibili sul sito ufficiale della manifestazione.

 


L'evento è pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...