L’amore ai tempi del colera di Gabriel García Márquez

Il commento...

Ho voluto vederlo al cinema dopo averlo letto, questo "Amore ai tempi del colera". Non c'è paragone, questo è evidente, tra le due cose. Però il libro riesce in qualche modo a ricreare quell'atmosfera caraibica, quella scrittura un po' difficile perchè molto densa e ridondante, direi eccessiva, che ne costituisce la cifra stilistica.
Un po' "stream of counciusness" latino-americano, senza le asprezze freddamente speculative dell'esempio joicesiano, dotato di una sensualità estenuante e primitiva. La trama è del resto nota: è la storia dell'amore totale e disperato, ma alla fine vittorioso,di Florentino Ariza per Fermina Daza. Quando la rivede dopo cinquant'anni, lei è vedova, ma lui torna a corteggiarla e la convince a partire in una crociera per i Caraibi. La nave potrà viaggiare indisturbata perchè isserà una bandiera segnalante un'epidemia di colera a bordo.

rn

La vicenda -paradossale- dei protagonisti e l'esito -ancora più paradossale- rappresentano con forza questo sentimento totalizzante che è l'amore. E questo ci fa sognare. E per questo lo considero tra i libri migliori che abbia mai letto.  (miette)
 
 

 

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...