“èStoria” – Festival Internazionale della Storia a Gorizia

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > happening > incontri letterari > manifestazioni a tema > mostre tematiche
Questo evento si è tenuto dal 24 maggio 2013 al 26 maggio 2013 presso Gorizia (Gorizia) (tutta la giornata).
L'evento...

“èStoria”
Festival Internazionale della Storia

“Gli anni della storia sembrano lunghi e lontani, ma in realtà non sono che un soffio, e gli avvenimenti apparentemente dispersi in quella dimensione della storia che è il tempo sono in realtà vicini e collegati da quel misterioso, robustissimo filo che è la memoria degli uomini” (Andrea Rossi)

Gorizia ospita, da venerdì 24 a domenica 26 maggio, la nona edizione de “èStoria” - Festival internazionale della Storia, quest’anno incentrato su un tema di ampio respiro e molto intrigante: “banditi”.

In un momento storico distintosi per la grande crisi economica, capace di colpire soprattutto i cedi medi, l’argomento scelto consente di approfondire i legami intercorrenti tra legalità e illegalità, tra dovere morale e giustizia, tra legge e violazione; il potere e l’opposizione insomma, per ridurre il tema ad una dicotomia stridente.

I personaggi storici indagati non saranno ridotti a mero dato bibliografico, ma contestualizzati nelle diverse epoche, dal medioevo sino ai nostri giorni, con una duplice sfumatura: si tratta di banditi in quanto al di fuori della legge, oppure sono stati messi al bando dalla società ed emarginati?

Si parte dunque da una frase dello storico Fernand Braudel, tratta dal suo “Miseria e banditismo”: “Sui poveri, la storia getta ben poche luci, ma essi sanno, a modo loro, attirare l’attenzione dei potenti, e di rimbalzo anche la nostra”.

L’intellettuale aveva infatti qui riassunto una concezione nuova del bandito, non più schiacciato nella figura della lotta tra uomini singoli, ma eletto a portavoce della contrapposizione tra debole e potente, tra poteri forti e istanze dal basso.

Una specie di bandito-Robin Hood, il “principe dei ladri” che da sempre incarna l’ideale del fuorilegge corretto e attento alle esigenze sociali ignorate dalle classi più agiate.

Numerose e prestigiose le presenze sul palco: professori, studiosi e storici -anche stranieri- si confronteranno nell’arco dei 60 incontri previsti per sviscerare questo tema. A loro si affiancheranno giornalisti, opinionisti, magistrati che vivono sotto scorta, vittime di errori giudiziari, ex banditi e personaggi di rilievo nella lotta alla mafia.
Un mosaico di esperienze diverse dunque, al fine di ricomporre un quadro quanto più possibile fedele alle diverse ramificazioni del banditismo quale opposizione all’ordine
.

Dalla pirateria alle rivolte contadine, dal brigantaggio italiano ai fuorilegge del Western americano, dalle mafie ai terrorismi, ogni aspetto sarà vagliato e criticamente analizzato, sotto forma di lectio magistralis, mostre spettacoli, colazioni con la storia e escursioni a bordo degli èStoriabus.

Da figure come Spartaco -eroe o ribelle nell’antica Roma?- (in programma per il 24 maggio dalle 9.30 alle 11) o Erwin Rommel a Caporetto (alle ore 9.00, a bordo del bus, il 25 maggio) si potranno avvicinare questi celebri nomi che celano complesse situazioni economiche, politiche e sociali.

I numerosi focus permettono dunque di addentrarsi nelle complesse dinamiche del banditismo antico come novecentesco, nel percorso multiforme di un fenomeno sociale che trova traccia perfino nell’Antico Testamento;
oltre a diversi passi, infatti, basta citare uno dei più noti comandamenti: “Non ruberai”.

Caterina M

© 2013 imieilibri.it

 


Evento organizzato da Associazione Culturale èStoria e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...