“Prossimamente sui nostri schermi”: indagando il futuro della televisione con Aldo Grasso e Carlo Freccero

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > incontro con autori > presentazioni
Questo evento si è tenuto il 13 maggio 2013 presso la Sala Buzzati, Via Balzan 3 (angolo via S. Marco 21) (Milano), alle 18:00.
L'evento...

Prossimamente sui nostri schermi”
Indagando il futuro della televisione con Aldo Grasso e Carlo Freccero

“La televisione non durerà. è solo un po' di luce negli occhi”

Era solo il '48, e si stavano ancora conducendo i primi esperimenti di trasmissione televisiva -in Italia passeranno ancora sei anni per l'inaugurazione della prima rete- eppure Mary Sommerville aveva già dato origine alla tradizione di catastrofiche profezie riguardo al suo futuro.

Da quel momento in poi, ciclicamente, all'introduzione di ogni nuova tecnologia (è stato così per i registratori, la tv via cavo e satellitare) che muovendosi nel campo degli audiovisivi avrebbe potuto scalzarla, una certa cultura apocalittica ha annunciato la morte della TV che, invece, è sempre riuscita a sopravvivere, adattandosi in forme, contenuti, specializzandosi in termini di target ad un panorama mediale sempre più complesso.

Sarà così anche adesso davanti alle innumerevoli possibilità di visione, ri-visione, creazione di palinsesti personalizzati e on demand offerti dalla Rete?

Che ne sarà delle tradizionali reti generaliste davanti, da un lato, allo spazio offerto dal digitale ai canali tematici e, dall'altro, dalla possibilità grazie alle web-tv di raggiungere facilmente un pubblico sempre più di nicchia e fortemente caratterizzato?

A queste domande cercheranno di rispondere, lunedì 13 maggio, Aldo Grasso, uno dei maggiori teorici e critici televisivi del panorama italiano, e Carlo Freccero, autore televisivo e attuale direttore di Rai4, insieme a professionisti internazionali del settore come Jerome Bourdon, sociologo dei media francese, e John Ellis, nell’ambito dell’incontro organizzato dalla Fondazione Corriere della Sera, dal titolo “Prossimamente sui nostri schermi. Destini futuri della televisione”, coordinato dalla giornalista Serena Danna, che si svolgerà presso la Sala Buzzati (in Via Balzan, 3; alle 18.00) a Milano.

Inserito nell'ambito di ExLibris, ciclo che si propone di presentare le principali novità editoriali come spunti di approfondimento e confronto, l'occasione è l'arrivo in libreria degli ultimi contributi di Grasso e Freccero al dibattito sul ruolo della televisione in un ambiente mediatico sempre più complesso.

“Storie e culture della televisione italiana” (edito da Mondadori; disponibile su laFeltrinelli.it), ultima delle curatele di Grasso, tenta di dimostrare che è possibile rileggere la storia della televisione italiana, complicata e per lunghi tratti intrecciata ai risvolti sociali e politici delle vicende del paese, da posizione laiche e non schierate.

Programmi, protagonisti e format che hanno fatto la storia della televisione italiana diventano così terreno di confronto tra le voci dei diversi teorici che, con competenza e autorevolezza, si misurano e in qualche caso si scontrano ma sempre con un occhio orientato al futuro.

Forte dei suoi tantissimi anni di esperienza nel piccolo schermo e della sua più recente avventura a Rai4, Carlo Freccero, con il suo “Televisione” (edito da Bollati Boringhieri; disponibile su laFeltrinelli.it), si cimenta, invece, in un'analisi profondamente critica delle debolezze del sistema televisivo italiano e del suo attuale stato di salute. Sullo sfondo la storia di un medium che non solo è cambiato adeguandosi alle abitudini di consumo dei suoi spettatori ma ha anche cercato di cambiarle.

All'orizzonte, invece, l'esigenza, per sopravvivere, che la TV – e chi la fa- non si dimostrino ciechi alle esigenze nuove di un pubblico sempre meno ingenuo e disperso tra le tante piattaforme disponibili.

Dall'unicità e inimitabilità di alcuni prodotti (si pensi al Carosello e al timido -e, forse, malriuscito tentativo di questi giorni di riportarlo in onda con Carosello Reloaded) che hanno fatto la storia del piccolo schermo nostrano, alle potenzialità, ai margini di sopravvivenza e le formule innovative che dovrebbe assumere per sopravvivere allo scacco dei nuovi media e, ancora, alle strategie migliori per rivolgersi ad un pubblico nuovo e diverso la cui attenzione va conquistata o, nei casi peggiori, condivisa con altri soggetti: su tutto questo si confronteranno, allora, alcuni delle più influenti voci del settore.

ViDa

© 2013 imieilibri.it


L'incontro è gratuito, previa prenotazione da effettuarsi via email, scrivendo a rsvp@fondazionecorriere.it, o chiamando lo 02-87387707.

 


Evento organizzato da Fondazione Corriere della Sera e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...