Giornata Mondiale del Libro 2013

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > gruppi di letture/reading > happening > incontri letterari > manifestazioni a tema
Questo evento si è tenuto il 23 aprile 2013 in tutta Italia (tutta la giornata).
L'evento...

Giornata Mondiale del Libro 2013


(fonte blog.italiavirtualtour.it)

“I libri ci danno un diletto che va in profondità, discorrono con noi, ci consigliano e si legano a noi con una sorta di familiarità attiva e penetrante” (Fernando Pessoa)

Storia, tradizione e leggende si incrociano nella scelta del 23 aprile come Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d'Autore.

Patrocinata dall'UNESCO per promuovere la lettura, l'educazione e uno sviluppo culturale delle nazioni, che passa anche attraverso la pubblicazione dei libri e le leggi di protezione del diritto d'autore, la giornata del libro ha la sua antenata nella tradizione spagnola del Festa di San Giorgio.

La leggenda vuole che a Selem, in Libia, un grande stagno fosse abitato da un drago che uccideva con il fiato infuocato chiunque incontrasse: estratta a sorte la principessa Silene, primogenita del re, per placare l'ira del mostro, proprio nel momento in cui stava per essere consegnata al drago, passò Giorgio ancora cavaliere, il quale quando il drago uscì dalle acque e lo trafisse con la sua lancia. Dal sangue del mostro spuntarono delle rose, una delle quali fu donata alla principessa che, come segno di profonda gratitudine, omaggiò il suo paladino con un libro. 

Ecco perchè il 23 aprile è anche, in Spagna, il giorno del libro e delle rose, gli innamorati ne approfittano per scambiarsi segni d'affetto e le calle si riempiono di fiori e di libri e i librai usano fare piccoli omaggi floreali a chiunque compri un libro.

Anche le coincidenze storiche, però, ci hanno messo del loro: è il 23 Aprile 1616, infatti, che muoiono tre grandi della letteratura mondiale William Shakespeare, Miguel de Cervantes e Garcilaso de la Vega

Al loro impegno e a quello di tutti coloro che, nei secoli, hanno dedicato la loro vita alla letteratura, a quella particolarissima filia verso il genere umano che ha fatto sperare chiunque ci accingesse a scrivere un libro nella capacità di comprensione delle loro gioie o delle loro pene, di immedesimazione nella propria esperienza di vita di un lettore, anche lontano nei secoli, è dedicato un giorno come questo.

Un'occasione per riscoprire, grazie ai tantissimi eventi, manifestazioni e reading organizzati in tutto il mondo, il piacere della lettura che è sempre nutrimento per l'anima, antidoto contro la solitudine e via di introspezione.

Ma anche un modo per premiare chi, con impegno costante, creatività o qualche volta rischio, si è distinto per gli apporti positivi alla realtà editoriale.
Non è un caso che, ogni anno, venga scelta dall'UNESCO una Capitale del Libro, quest'anno Bangkok, tra le città che più si sono distinte per lo spazio e i contributi offerti alle questioni culturali e il cambio di staffetta avvenga proprio il 23 aprile.

Una giornata che, specie per l'Italia, dovrebbe essere soprattutto un momento di riflessione sullo stato culturale del paese.


(fonte: cultura.bassanonet.it)

Le statistiche, infatti, non sono rassicuranti. Non solo un numero di lettori in costante calo, un enorme divario tra le regioni del nord e quelle del sud, un numero medio di libri letti all'anno molto al di sotto delle medie europee, dati a cui siamo ormai abituati e confermati anche da una recente indagine Istat, a cui fa da contrappeso solo una rassicurante, sebbene ancora lenta crescita nell'acquisto di ebook: quello che preoccupa è soprattutto quanto l'Italia spenda poco per la cultura pubblica.

Ultimo per spesa pubblica destinata alla cultura, con più di un punto percentuale di differenza rispetto alla media europea e penultimo (prima della Grecia) per quanto riguarda l'istruzione pubblica, il nostro paese sembra dimentico tanto della ricchezza umanistica che è stata nei secoli vanto per la nazione, quanto del ruolo strategico assunto dall'educazione e dalla formazione intellettuale delle generazioni più giovani.

A ricordare che c'è (o dovrebbe esserci) un'economia della cultura che si muove parallelamente a quella fatta di crisi, spread e spending rewiew dovrebbero servire dunque giornate come questa.

Tantissimi sono, comunque, gli appuntamenti previsti nella maggiori città italiane per celebrare questo 23 aprile 2013.

In coincidenza della giornata del libro, partirà la terza edizione del Maggio dei Libri, campagna nazionale -patrocinata dal MBAC e dall'Associazione Italiana Editori- che si prefigge di portare i libri al di fuori dal loro contesto abituale, conquistando scuole, circoli, parchi, associazioni culturali, ospedali, uffici postali, treni e di coinvolgere anche coloro che ancora non hanno scoperto il piacere della lettura. Per farlo un ampissimo programma (ancora in fieri, alcuni degli eventi previsti sono disponibili qui), fatto di seminari, reading, incontri con gli autori, laboratori ed eventi a tema che fanno di libri e della lettura in tutte le sue declinazioni i veri protagonisti.

La capitale sarà protagonista, invece, di un esperimento di bookcrossing. “Pagine Viaggianti”, coinvolgerà, infatti, due stazioni della metropolitana (Cornelia e Santa Maria del Soccorso), alcune biblioteche (la Biblioteca Vaccheria Nardi e la Biblioteca Cornelia) e il Centro Cultutale Gabriella Ferri, dove il personale di Libra 2.0, l'associazione culturale promotrice, gestirà gli scambi di libri.
Tanti saranno anche gli spazi arricchiti dalla presenza di autori emergenti e che daranno lettura di brani tanto tratti dai loro libri quanto dai grandi classici, con l'obiettivo di far viaggiare la parola scritta, creare esperienze di lettura on the road condivisa e social con uno scopo benefico: alla fine della giornata, infatti, tutti i libri saranno raccolti e selezionati per categorie e donati a case famiglia e istituti penitenziari.

Iniziativa simile anche a Termini Imerese (Palermo) dove, nel tentativo di far avvicinare giovani e meno alla lettura e, allo stesso tempo, alla cultura del territorio, l'associazione SiciliAntica, in collaborazione con l’Istituto Siciliano di Studi Politici ed Economici, distribuirà per le panchine del paese - “100 libri su 100 panchine” è, infatti, il nome dell'iniziativa- testi e libri illustrati sul sistema difensivo delle Torri costiere del regno di Sicilia in età moderna che potranno o semplicemente essere consultati o, addirittura portati a casa.

A Canosa di Puglia (BAT) previsto, invece, un flash book mob: i bambini, i ragazzi e gli insegnanti insieme a chiunque voglia unirsi loro saranno in piazza Vittorio Veneto (alle ore 9.15) dove, ad un segnale convenuto, dopo aver recitato la headline della manifestazione i libri sono come la mente: funzionano se li apri”, leggeranno per tre minuti stralci del proprio libro preferito.

Tantissimi gli appuntamenti previsti in tutte le scuole e le biblioteche del Veneto che aderiscono al progetto Città  Invisibili: il 23 aprile sarà infatti l'occasione di festeggiare “in lettura” il successo di un programma che, articolato in seminari, festival, laboratori e mostre ha cercato di promuovere politiche culturali di elevata qualità a sostegno dell’infanzia e dell’adolescenza e di creare nuovi spazi di incontro e di educazione culturale per i cittadini del Veneto.


(fonte: dreamatolleperry.blogspot.it)

Gli aspetti più folkoristici della tradizione catalana rivivranno, invece, al Palazzo Nicotera di Lamezia: nell'ambito dell'iniziativa “Se son libri fioriranno”, infatti, a chi regalerà un libro al Sistema Bibliotecario lametino verrà data in cambio una rosa. Una sessione di reading con testi di Cervantes, Shakespeare, De La Vega è prevista, inoltre, per le ore 18.

A Forlì, presso la sede storica della Fanzinoteca d'Italia, tutti coloro che per consulteranno o prenderanno un prestito riceveranno una fanzine in omaggio mentre il personale dell'ente sarà a disposizione per fornire chiarimenti, delucidazioni o semplicemente curiosità sul sistema delle “fanzine”, oggetti culturali spesso sottovalutati.
Verranno messi a disposizione, in particolari, alcuni numeri di fanzine dedicate al diritto d'autore e alla tutela del copyright.

Nel comune toscano di Montecarlo (Lucca) il piacere della riscoperta della lettura si unirà al gusto della tavola, grazie ad una manifestazione “Mangia Degusta Leggi” particolarmente significativa per il territorio.

Oltre ad anticipare l'apertura della nuova biblioteca comunale (prevista per il mese di giugno), nei locali della fondazione Pellegrini Carmignani in pieno centro, è un omaggio già dal titolo, oltre che dalla grafica, a “Mangia, prega, ama”, il libro di Elizabet Gilbert (da cui è stato tratto l'omonimo film con Julia Roberts, in parte girato in Toscana e di cui potete leggere un commento qui!) e a Carlo Cassola, autore italiano vissuto ed oggi sepolto a Montecarlo. Ad abbinare eccellenze enogastronomiche e letteratura ci penseranno i ristoratori locali che, martedì, ad ogni tavolo assoceranno un libro con cui omaggiare gli ospiti arrivati per pranzi e cene durante i quali saranno promossi i vini di Montecarlo e le tipicità gastronomiche del territorio lucchese.

Tantissime altre le mostre, i seminari, le conferenze, le letture e gli incontri con gli autori previste nelle biblioteche del territorio nazionale per una giornata che fa della lettura protagonista desiderabile della vita associata.

ViDa

© 2013 imieilibri.it

 


L'evento è pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...