“Incroci di Civiltà” – Festival Internazionale di Letteratura a Venezia

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > incontri letterari > incontro con autori > manifestazioni a tema
Questo evento si è tenuto dal 10 aprile 2013 al 13 aprile 2013 presso località varie (vedi dettaglio) di Venezia (Venezia), alle (vedi dettaglio eventi).
L'evento...

“Incroci di Civiltà”
Festival Internazionale di Letteratura

“La civiltà nasce dalle intenzioni, non dai fatti, né dai modi”
(Angelo Fiore)


Anna Maria Guarnieri, “La dinamica delle civiltà”

Dal 10 al 13 aprile torna a Venezia il festival “Incroci di civiltà”, un innovativo laboratorio dove si mescolano le novità più frizzanti del panorama letterario mondiale: confrontando tra loro tematiche ed autori, culture e linguaggi, la splendida città lagunare si rende protagonista di una maratona di incontri “itineranti”.

La contaminazione e la fusione tra tradizioni e apporti differenti costituisce la ricchezza primaria di una rassegna complessa votata allo scambio di idee e conoscenza.


(fonte: bonvivre.liberoreporter.eu)

Venezia come palcoscenico del mondo dunque, dove potranno esprimere le proprie opinioni alcuni tra gli scrittori contemporanei più apprezzati, in un vortice di incontri con il pubblico, letture e approfondimenti. Viaggiando tra le esigenze di un’Europa oggi bersagliata dalle critiche e un’Africa ancora da indagare, spaziando tra il Vicino e l’Estremo Oriente -senza trascurare le istanze di due Americhe, quella latina e quella di Obama, che si muovono a velocità diverse- “Incroci di civiltà” propone una sintesi di lingue e generi, aiutando il lettore a scoprire le nuove voci emergenti e apprezzare ancor di più penne ormai celebri.


Pieter Bruegel, “La Torre di Babele”

La multiculturalità, elemento essenziale per il nostro futuro ed oramai imprescindibile, è perciò il punto di forza di un festival aperto agli scambi e al reciproco avvicinamento, con un intento “didattico”: legato anche quest’anno all’attività di “cafoscariletteratura”, branca dell’ateneo che promuove e sostiene le iniziative connesse al mondo della letteratura, tra gli obbiettivi annovera il coinvolgimento dei giovani, coinvolti in prima persona in un mondo sempre più internazionale.

 
(fonte: www.serviziovolontarioeuropeo.it)

Saranno 22 gli autori presenti in questa sesta edizione della rassegna, a rappresentare ben 30 paesi: spesso infatti le identità possono sovrapporsi e convivere in una medesima persona, fluttuare, venir dimenticate e riaffiorare con le esperienze, come dimostrerà la storia di Yasemin Samdereli, regista tedesca di origini turche.

L’inaugurazione del 10 aprile (ore 18.00, nell’Auditorium S. Margherita Cà Foscari) avrà come protagonisti Adonis, autore -tra altri- di Cento poesie d'amore, Memoria del vento ed Ecco il mio nome, uno tra gli intellettuali siriani più apprezzati per il loro operato, e Marco Nereo Rotelli, architetto interessato alle interrelazioni tra luce e poesia.

Si proseguirà poi, nel corso delle quattro dense giornate, con personalità del calibro di Gonçalo Tavares (in programma per giovedì 11 aprile, alle 9.30), autore de Il signor Calvino, Imparare a pregare nell'era della tecnica e Acqua, cane, cavallo, testa considerato da Josè Saramago come uno tra gli esponenti di maggiore rilievo della nuova generazione di scrittori portoghesi.
Nel pomeriggio (alle 16.00) Ersi Sotiropoulos, autrice eclettica in grado di comporre romanzi (Il sentiero nascosto delle arance e Mexico), di cimentarsi con poesie e produrre una fitta raccolta di racconti, e la poetessa americana Alicia Stallings converseranno con Caterina Carpinato e Gregory Dowling.


(fonte: www.monzagiovani.org)

La complessa analisi sociale ed artistica dell’Africa sarà invece affrontata negli interventi di Muthoni Garland (Kenya) e Lola Shoneyn (Nigeria) venerdì 12 aprile (alle ore 16.00, presso la fondazione Querini Stampalia) la prima ha partecipato alla fondazione del più influente periodico letterario del suo paese, la seconda è divenuta celebre nel 2010, dopo la pubblicazione del suo primo romanzo, “Prudenti come serpenti”.

La chiusura del festival, prevista per sabato 13 aprile (alle ore 18.00), sarà invece affidata a Amitav Ghosh, nato a Calcutta nel 1956 e diviso tra la madrepatria e New-York. I suoi personaggi, viaggiatori spesso inquieti ed in costante ricerca, ben incarnano la prospettiva stessa del festival veneziano, dove partenze e ritorni si rincorrono e le barriere geografiche sono labili e aleatorie. (fonte: pianetastartup.com)

“Incroci di civiltà” propone quindi una lettura ed una interpretazione originale dello scenario mondiale odierno, interrogandosi sulle sfide del domani: solo approfondendo i legami che ci uniscono, infatti, riusciremo a vincerle.

Caterina M

© 2013 imieilibri.it


Le splendide location veneziane, coinvolte nella rassegna sono: l'Ateneo Veneto, la Fondazione Querini Stampalia, il Palazzo Pesaro Papafava, l'Auditorium Santa Margherita, Palazzo Grassi, la Multisala Giorgione, il Teatro Carlo Goldoni (il dettaglio degli indirizzi è disponibile qui).

Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso libero con prenotazione obbligatoria (è possibile effettuare la prenotazione online: www.incrocidicivilta.org). Gli eeventi presso la Multisala Giorgione hanno un costo di 5€.

Potete consultare il programma dettagliato della manifestazione qui.

Torna all'inizio

 


Evento organizzato da Università Ca' Foscari, Cafoscriletteratura e Comune di Venezia e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...