Poesie e altre poesie di Valerio Magrelli

Il commento...

Un prezioso volume che raccoglie finalmente le prime tre raccolte di Valerio Magrelli.

rn

 

rn

Lette di fila, sembrano quasi un macrotesto, una raccolta unitaria.

rn

 

rn

Di Magrelli possiamo ammirare il suo studio sull’osservazione che precede la scrittura: ogni poesia è una piccola macchinetta di senso, di logica e sentimento, di amore per la scrittura.

rn

 

rn

La prima raccolta, Ora serrata retinae, è una presa diretta della sua stessa scrittura: leggere Magrelli rende l’effetto che si può avere entrando in una sala piena di specchi; l’immagine del pensiero, la sua cerebralità mai sapienziale, il suo occhio attento che scruta il sonno, la scrittura, l’amore, le forme delle cose, lo rendono un poeta di cui l’Italia deve andare fiera.

rn

 

rn

Se in Nature e venature il discorso è frammentato, in Esercizi di tiptologia ci sono anche degli inserti di prosa.

rn

 

rn

Leggendo Magrelli si ha spesso la sensazione di vivere rinchiusi in una stanza. Se vogliamo, queste tre raccolte di poesia, sono tre tentativi di uscire da questa stanza, cercano (riuscendoci) di dare delle coordinate, delle tracce per ritrovarsi.

rn

 

rn

Non a caso, l’ultima tranche del libro accoglie questa prosa frammentata, intitolata "Il viaggetto".

rn

Possiamo solo abbandonarci adesso al gusto di una citazione:

rn

 

rn

 "Io cammino fumando

rn

e dopo ogni boccata

rn

attraverso il mio fumo

rn

e sto dove non stavo

rn

dove prima soffiavo".

rn

 

rn

Il resto al lettore. < ?xml:namespace prefix = o ns = "urn:schemas-microsoft-com:office:office" />

 

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...