Droga, perché ci sono strade in cui ti puoi perdere di Le Iene

Il commento...

Le Iene
“Droga, perché ci sono strade in cui ti puoi perdere”

Acquista su laFeltrinelli.it
Acquista su laFeltrinelli - IBS

“Comprare droga è come comprare un biglietto per un mondo fantastico, ma il prezzo di questo biglietto è la vita.”
(Jim Morrison)

“Droga, perché ci sono strade in cui ci ti puoi perdere” (edizioni Fivestore-RTI; disponibile online laFeltrinelli e IBS) è il risultato di sedici anni di inchieste de Le Iene.

Perché, tra tanti fenomeni, parlare della droga? E perché utilizzare la forma del manuale?

Partiamo da alcuni dati: innanzitutto, il mercato di sostanze illecite frutta capitali all’altezza delle più grandi industrie mondiali, come le armi ed il petrolio.
Inoltre, secondo la statistica redatta per quest’indagine, ne fa uso 1 persona su 30, indipendentemente dall’età o dall’estrazione sociale.

Una trasversalità simile è tanto più pericolosa perché non “ghettizza” i suoi consumatori, ma può colpire chiunque e con relativa facilità (come denuncia il volume infatti, reperire queste sostanze non è poi un'impresa molto ardua).

Questa “guida al mondo degli stupefacenti” è stata ideata da Davide Parenti (responsabile del programma sin dalla prima puntata) e Andrea Bempensante (uno storico, anch’egli autore del programma): i due hanno organizzato e selezionato i contenuti emersi nel corso di un’esperienza televisiva durata ben 16 anni su Italia1, provvedendo poi ad integrarli con informazioni storico/scientifiche fornite dagli esperti consultati.
Al meticoloso lavoro di sbobinamento dei servizi è seguita perciò la parte documentaristica.

Un’ultima integrazione è stata dettata dalla recente letteratura in materia: essendo un fenomeno in così larga espansione, diversi specialisti si sono confrontati per spiegare il perché di questa mortale richiesta.


(foto di Isabella Balena)

Il libro è poi articolato secondo un serrato ritmo-intervista (seguendo insomma lo stile che ha reso celebre il format da cui è scaturito): saggi, ricerche e testimonianze di ragazzi coinvolti si intrecciano così a comporre un quadro decisamente variegato.

E' affidata anche a medici, tossicodipendenti, poliziotti il racconto degli effetti e dei pericoli delle droghe; questi spaccati di vita quotidiana contribuiscono a contestualizzare il fenomeno e scongiurano il rischio di “estraniamento”.


(fonte: skuola.net)

Alle domande poste si forniscono delle risposte pragmatiche; ad esempio, gli effetti della droga sul cervello e sul buon funzionamento dei neuroni vengono analizzati secondo una divisione per sostanze, e per ognuna se ne descrivono gli effetti collaterali. Grande è anche l’interesse “storico”: sin dalla preistoria infatti l’essere umano ha fatto ricorso a sostanze eccitanti.

Ancora, il lettore avrà le coordinate base per riconoscere una persona sotto effetti di stupefacenti, capirà come funziona un test antidroga, cosa impone la legge (gli ufficiali della Guardia di Finanza di Malpensa spiegano ad esempio le misure adottate in aeroporto), quali sono i primi passi da compiere per smettere.

Caterina M

© 2013 imieilibri.it



The Doors - “Roadhouse Blues”

 

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...