“Franca Rame Project” 8 Marzo 2013

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > gruppi di letture/reading > happening > incontri letterari > manifestazioni a tema
Questo evento si è tenuto il 8 marzo 2013 presso la sede del Consiglio Metropolitano Romano, Via Giolitti 231 (adiacente alla Stazione Termini) (Roma), alle 19:00.
L'evento...

“Franca Rame Project” 8 Marzo 2013

Un 8 Marzo all'insegna del teatro di denuncia sociale di Dale Zaccaria, quello previsto alla sede del Consiglio Metropolitano Romano (a partire dalle 19.00).

Franca Rame alla palazzina liberty di Milano sede negli anni 70 del collettivo teatrale 'La comune' di Dario Fo per i loro spettacoli teatraliUn invito alle donne di tutti i tempi, a godere della meraviglia e della forza che implica esserlo e a resistere con dignità e forza a chi cerca di limitarne la libertà.

A partire dalla vita, dall'opera artistica e dall'impegno politico di Franca Rame, la poliedrica artista romana dedica, infatti, un'appassionato omaggio alle donne e, insieme, le invita a riflettere sulla necessità di continuare a combattere contro le prevaricazioni di un mondo ancora maschio-centrico.

A legare Dale Zaccaria alla figura dell'attrice e drammaturga -che più ha contribuito, con molte delle sue piece e con la costante attenzione al mondo della cronaca e della società italiana, alla causa del femminismo italiano- un progetto -il “Franca Rame Project”- che è, nelle stesse parole dell'artista, un work in progress, un continuo riappropriarsi dei suoi testi, rielaborandoli e riscrivendoli a volte, in un confronto con generi, forme e prospettive diverse,  che approdano di volta in volta ad una visione nuova del proprio mondo e del ruolo di artista.
Un lavoro che attinge all'immenso corpus di opere di Franca Rame e che ha avuto, fino ad ora, come risultati, due spettacoli di cui uno, “Per Maria e per tutte le Marie di questa terra”, messo in scena, lo scorso novembre, in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne.

A pochi mesi di distanza e in una giornata, quella dedicata alle donne che, oggi, rischia di perdere il suo vero significato sotto l'egida del consumo, Dale Zaccaria torna, così, con una performance fatta di e per il coraggio delle donne.

Si partirà dalla ricostruzione del significato storico dell'8 marzo, data in cui, se di caso si può parlare per gli eventi della Storia, se pure in frangenti temporali e sociali completamente diversi, si sono verificati importanti fatti con protagoniste Donne, dalla protesta nel '17 a San Pietroburgo contro la guerra, all'approvazione nel '45 della prima Carta della donna da parte dell’ONU.

Il tutto per arrivare, attraverso la forza dell'arte teatrale, ad un'analisi lucida della condizione femminile in un Italia, quella del 2013, in cui poco cose sembrano essere cambiate, nonostante almeno trent'anni di lotta per l'emancipazione e per l'uguaglianza dei diritti nel mondo del lavoro, della politica, della sfera pubblica.

In mezzo tutto quello che ha fatto la storia e la carriera di Franca Rame e, con lei, di Dario Fo, maestri indiscussi della via italiana all'arte “impegnata” ma senza perdere la leggerezza: dalla militanza nel movimento femminista, allo spettacolo “Fedayn” durante il quale invita il pubblico a donare medicinali e indumenti da inviare nei campi profughi libanesi e i cui incassi delle vengono devoluti alla Resistenza palestinese al Fronte Popolare democratico.

Ma anche il monologo “Lo Stupro” (guarda il video) che fa riferimento al vissuto di violenza fisica e psicologica, personalmente sperimentato dalla Rame, quando, nel '73 fu rapita e stuprata da membri un gruppo di estremista di destra e estratti video di “Tutta casa letto e chiesa: la sposina, l’ingegnere, la bambolina di pezza”, piece che insiste sul destino che accomuna le donne, di tutte le epoche e di tutte le classi.

L'arte e l'impegno di una delle più grandi ed apprezzate artiste italiane diventa, così, fil rouge di uno spettacolo che è, in primis, celebrazione di una maestra per aver conosciuto la quale -sottolinea Dale Zaccaria- «non si può che ringraziare il cielo, (perchè) ritrovi tutto il senso, e anche l'ingiustizia, quella subita da Franca Rame, ma anche quelle che ognuno di noi subisce o ha subito, anche la “malafede” di tante persone può diventare un' arma, basta rimandare “il male” ai mittenti, attraverso le parole, l'arte, il teatro, la scrittura, e con quella fede che ti fa ancora muovere e combattere, che ti fa lottare. E' un esempio di vita, di speranza e di coraggio».

ViDa

© 2013 imieilibri.it


L'ingresso allo spettacolo è libero, previa prenotazione.

Maggiori informazioni sono disponibili sulla pagina facebook dell'evento.

 


Evento organizzato da Dale Zaccaria, con la collaborazione di Gualtiero Alunni, di Radio Città Aperta e diversi movimenti romani e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...