La Passione per il Delitto – Giornata di apertura

paola Postato da paola in Speciali > reportage
Questo reportage è relativo all'evento La Passione per Il Delitto - Libri e Autori tra Giallo e Noir
Il reportage...

Microfoni scomparsi, l'inaspettata assenza di Carlo Flamigni (autore) che avrebbe dovuto presentare il suo libro.

Il Festival dedicato al mondo del giallo e del mistero non poteva cominciare in maniera più coerente. Ma per amore del lieto fine i microfoni ricompaiono in tempo utile e Flamigni ci fa sapere tramite una lettera che non potrà esserci causa malattia. Una piccola parentesi di sana suspense e la nona edizione de "La Passione per il Delitto" può cominciare.

A colpirmi è la parola Passione. Certo il giallo è un genere che appassiona molte persone, ma la mia domanda è "perchè intitolare un festival del noir e del mistero con una parola così, tutto sommato, docile"? Si poteva pensare a qualcosa di più "cattivo".

Mi siedo, mi metto comoda e attendo le mie risposte.

un'istantanea del pubblico presente all'intervento di apertura de "La Passione per il Delitto"Un primo indizio mi arriva dall'osservazione dei due autori sul palco che attendono di parlare delle loro nuove fatiche (Marco Malvaldi e Gian Mauro Costa).

Sono radiosi e frizzanti, come se fosse la loro prima presentazione; e invece sono professionisti già affermati nel campo. Per il resto dell'intervista (moderata da Nicoletta Sipos), i due ci spiegano come sia nata l'idea della storia che hanno raccontato. Ci aprono letteralmente finestre sui loro mondi, sulle loro città.

Termina la prima parte del programma della giornata di apertura e faccio qualche passo per sgranchire le gambe.

Ecco arrivarmi incontro il secondo indizio: l'ambientazione.

un'immagine di Villa Greppi, sede de "La Passione per il Delitto"E' una villa del XVIII secolo (Villa Greppi) imponente e invitante con un giardino arioso e una veduta spettacolare sul verde della Brianza. "E' il set ideale per un libro giallo" penso, ma non ho il tempo per rifletterci troppo perchè la mia attenzione viene richiamata dall'evento che chiude la giornata: Aperitivo con l'Autore.

Qui il clima di convivialità è alle stelle.

Mentre Hans Tuzzi ci parla del suo ultimo libro, L'ora incerta tra il cane e il lupo, ci viene servito un aperitivo a base di tartine e vino biologici.

E la presentazione si trasforma in una piacevole chiacchierata tra amici.

La prima giornata del Festival volge al termine, ma prima di andare via visito l'esposizione di opere trasversali che diversi artisti hanno dedicato al tema del noir e del mistero. C'è davvero di tutto: dalle fotografie alle sculture. Non solo scrittori quindi, il giallo e il mistero appassionano l'arte in tutte le sue espressioni.

Salgo in macchina soddisfatta del bel pomeriggio trascorso e come un flash mi accorgo che mi sono lasciata trascinare dall'atmosfera del Festival, accantonando il quesito iniziale: perchè Passione? Ho dimenticato di cercare altri indizi. Ma non c'è più tempo, sto già guidando verso casa.

Ed è proprio a casa che mi aspetta la prova decisiva. La trovo su treccani.it che definisce la Passione:

"Qualsiasi sentimento, impressione, sensazione che agisce sull'animo, a cui l'animo soggiace"

(fonte: treccani.it)

"Già, è vero!". E' quello che è successo. Abbiamo riso, parlato e ascoltato di misteri. Ed è l'anima che ne ha tratto maggiore beneficio.

Come per il più abile dei detective, la risposta l'ho avuta tutto il tempo davanti agli occhi e l'ho capita soltanto alla fine!

Paola

(28 settembre 2010)

 


Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...
  • admin

    Lucia dice,

    Questa recensione è bellissima, complimenti a Paola.

  • admin

    Lucia dice,

    Questo reportage è bellissimo. Brava Paola.


Scrivi la tua opinione su questo post...