Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne 2012

extra-letture... Postato da extra-letture... in Eventi > EventiPrimoPiano > gruppi di letture/reading > happening > manifestazioni a tema
Questo evento si è tenuto il 25 novembre 2012 in tutta Italia (tutta la giornata).
L'evento...

Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne

(breve excursus sugli eventi dedicati in giornata in Italia
da “Per Maria e per tutte le Marie di questa terra” e oltre)

“Buttiamo via le bende del pudore!
gettiamo per una volta il dio del sacrificio
nell'immondizia e guardiamoci negli occhi
impauriti e viziosi per troppa servitù, donne mie amate”

(Donne mie, Dacia Maraini)

Una data simbolica, quella del 25 novembre, scelta per ricordare ciò che dovrebbe essere un modello di comportamento radicato, una scelta di coscienza piuttosto che un'isolata e formale commemorazione: dire no alla violenza sulle donne. Rifiutarla. Combatterla. Denunciarla.

Istituita nel 1999 dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, la Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne ricorre il 25 novembre in ricordo del brutale omicidio delle tre sorelle Mirabal, attiviste della Repubblica Dominicana uccise nel 1960 per il loro impegno nel contrastare il regime del dittatore Rafael Leónidas Trujillo.

Guardando allo scenario italiano, allarmanti i dati diffusi da Telefono Rosa, che registrano un incremento di episodi di violenza e reati che colpiscono le donne, con 71 omicidi solo nei primi sei mesi del 2012.

Ancor più grave poi è il fatto che ben l'87% delle violenze si consumano fra le mura domestiche, ad opera di familiari, ex compagni o comunque persone inserite nella cerchia affettiva.

Un grido di denuncia, con l'impegno e la riflessione che incontrano le più diverse forme d'arte, viene dai tanti eventi organizzati in tutta Italia per la giornata di domenica 25 novembre: abbiamo già dedicato un post all'originale contaminazione scenica a cura di Dale Zaccaria Per Maria e per tutte le Marie di questa terra, che a Trani mescola le voci di Franca Rame e Dario Fo con materiale giornalistico; ora vi offriamo una sintetica carrellata, di altri appuntamenti, in un viaggio da Nord a Sud.

A Trento, presso il foyer del Teatro Auditorium Santa Chiara, alle ore 18 va in scena il recital di e con Lella Costa, promosso dalla Commissione Pari Opportunità della Provincia autonoma di Trento. L'ingresso è gratuito, fino a esaurimento posti: si può ritirare il biglietto presso il punto informativo dello stesso teatro, a partire dalle ore 17. 

Ricco il calendario degli eventi milanesi, fra i quali segnaliamo il reading medievale Il tempo ci sarà sorella, che propone un viaggio nella storia di Milano con la guida del caporedattore de L'Europeo Valeria Palumbo (Cripta di San Giovanni in Conca, ore 15 e 16:15. Ingresso libero su prenotazione al 840.88.88.02); e poi lo spettacolo Home Sweet Home della compagnia Quelli di Grock (Teatro Leonardo Da Vinci, ore 16. Ingresso € 15), seguito dal dibattito sul tema Sarò come mio padre?.

La rassegna Siamo Pari! La parola alle donne al Teatro Litta, con tavole rotonde e proiezioni cinematografiche; e a Writers #0 i due incontri con Alba Donati, che parlerà dell'ironia al femminile che mette in moto una rivoluzione (Sala Galleria, ore 12), e di quel particolare stile di alcune donne della poesia, nel reading collettivo su Wislawa Szymborska (Sala Carroponte, ore 18).

Proseguendo a Nord-Est, facciamo tappa al Salone delle Feste del Comune di Pianezza (provincia di Torino), dove alle 15 si svolge la cerimonia di premiazione del concorso artistico-letterario La donna che non si vede, con aperitivo a seguire.

La casa è davvero il luogo più sicuro per le donne? Se ne discute a Bologna nella VII edizione del festival La violenza illustrata che, partito lo scorso 8 novembre, prosegue fino al 5 dicembre fra dibattiti, proiezioni e mostre sul tema degli abusi che vedono vittime le donne. Fra gli eventi di domenica 25 da segnalare il dibattito Io non resto in silenzio (Sala Silentium del Quartiere San Vitale, ore 16), mentre lunedì 26 è l'ultimo giorno utile per visitare la mostra Segni di un altro genere, che espone opere di autrici e autori operanti nel campo del fumetto e dell'illustrazione, qui chiamati a reinterpretare artisticamente il tema della violenza sulle donne (Sala ex refettorio dell'Istituto storico Parri, dalle 15:30 alle 18:30).

La mostra Presenze, con sagome bianche che rappresentano le vittime delle violenze, e poi lunedì 26 il reading Ombre di Alessandra Aricò sono invece il modo che la Biblioteca delle Oblate di Firenze sceglie per denunciare la violenza.

Ampia e diffusa la mobilitazione nella Capitale, con la Casa Internazionale delle Donne che resterà aperta per tutta la giornata proponendo eventi a ciclo continuo (il programma completo qui): da non perdere, in particolare, le ultime due repliche (alle 9:30 e alle 11) della mostra-spettacolo Crudeli sono i giorni miei. Superbo è il genio, in un percorso che attraversa diversi linguaggi letterari e artistici per raccontare storie di coraggio e di sopravvivenza a reclusioni di vario tipo (familiare, religiosa, politica, d'alienazione, ecc.). Nel pomeriggio, invece, arriva Cristina Obber con la presentazione del libro Non lo faccio più. La violenza di genere raccontata da chi la subisce e da chi la infligge.  

Ancora a Roma, il Lanificio 159 ospita il festival Female against violence, fra reading, musica, installazioni e teatro; mentre sull'isola pedonale del Pigneto dalle 19 alle 22 microfono aperto per le Parole di rivolta, con la possibilità per tutti di dar voce a un aforisma, una canzone, uno slogan, una pagina di un libro o un proprio scritto.

Spostandoci al Sud, dalla Città del Libro di Campi Salentina (provincia di Lecce) si incontrano straordinarie e coraggiose figure femminili, come quella della “brigantessa per caso” raccontata da Annalisa Bari nel libro Coccarde rosse (Sala Nostra Signora dei Turchi, ore 18).

Chiudiamo con Palermo, dove la Chiesa Daedalum in Sant'Aniano alle 20:30 diventa teatro dello spettacolo di Rosalia Billeci Di donne... di idee: da Persefone a Franca Viola, una storia da riscrivere.


youtube download
Artwork and Music by Paul Lachine


Sulla condizione femminile ripercorsa attraverso alcune figure di donne nella letteratura contemporanea vi consigliamo la lettura del precedente approfondimento La mano amica e la realtà del liocorno.

 


Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...