“Biblioteche fra crisi ed e-book”

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > scuole, corsi e laboratori
Questo evento si è tenuto il 14 novembre 2012 presso la Biblioteca della Libera Università di Bolzano (Bolzano), alle 9.00.
L'evento...

“Biblioteche fra crisi ed e-book”

Che ne sarà delle biblioteche nell'era degli e-book?

Scompariranno definitivamente, come nella peggiore delle profezie degli apocalittici, alla Eco?

O sopravviveranno per adattamento?

Di queste e di altre sfide imposte dal digitale si discuterà durante il seminario “Biblioteche fra crisi ed e-book” che si terrà nella giornata del 14 Novembre presso la Biblioteca della Libera Università di Bolzano.

Obiettivo delle sette ore di dibattito e formazione, sarà quello di analizzare, con professionisti del settore, il ruolo di mediatore sociale che la biblioteca può assumere.

Se è vero, infatti, che siamo entrati, per definizione del Censis, nell'era biomediatica e che il numero di “connessi” alla rete ha di fatto superato il 62% della popolazione italiana, è vero anche che tra gli ultra-cinquantenni sono in netta minoranza quelli che sanno muoversi con abilità nel magma del web: è nel facilitare l'accesso alle sue risorse da parte anche dei meno esperti che le biblioteche trovano, dunque, spazio vitale.

Parola d'ordine, quindi, “reinventarsi”: niente di diverso da quello che la crisi e i tempi chiedono ad ogni realtà.

Il seminario si inserisce, tra l'altro, nell'ambito di una campagna condotta dall'Associazione Italiana Biblioteche, significativamente intitolata “Biblioteche e bibliotecari nel 21. secolo”, che partendo dalla situazione di crisi che il settore editoriale deve affrontare, a cui si aggiungono politiche pubbliche che tutto fanno tranne che promuovere veramente cultura e saperi, analizza con occhio critico lo stato di salute delle biblioteche italiane, spesso vittime di una cattiva gestione che rischia di svilire e appiattire il lavoro del bibliotecario, una volta davvero scrigno (come il thèke dell'etimologia indicherebbe; vedi anche il precedente evento “bibliopride”, promosso dall’AIB) di sapienti e utili consigli, cercando di offrire rimedi, soluzioni e best practices.

In un tempo in cui ogni informazione è accessibile a tutti e velocemente, le reti sociali si espandono a dismisura senza più tenere conto di limiti e contesti geografici, anche quelle agenzie che funzionavano da gatekeeper nei nostri consumi culturali (scuola, famiglia e, perchè no, biblioteca), hanno perso il loro ruolo.

La facilità con cui è possibile scaricare (o come da web-slang: “downloadare”) e condividiamo (il dizionario della web-people dice: “sharing”) un ebook, la “leggerezza” stessa del supporto che possiamo portarci ovunque e comunque, dà l'illusione di risolvere quel secolare scarto tra lo scritto, lo scibile, e quella parte veramente infinitesimale di esso che ci è dato conoscere.


(fonte: http://comune-info.net/2012/10/salviamo-le-biblioteche-granai-di-civilta/)

Ma cosa c'è di vero in un'idea così seducente? È in pochi giga di memoria che si può ridurre il nostro piacere di lettura?

O si dovrebbe ritrovare il piacere vero di una condivisione che non può prescindere da relazioni e trame interpersonali? E, se è così, che ruolo possono avere le biblioteche nel facilitarne la costruzione?

Con queste domande si potrebbe iniziare il tipo di riflessione proposta dal seminario.

Per ulteriori informazioni su contatti e quote d’iscrizione visitate la pagina web ufficiale.

ViDa

© 2012 imieilibri.it

 


Evento organizzato da A.I.B. - Associazione Italiana Biblioteche e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...