“bibliopride” – Giornata Nazionale delle Biblioteche

L'evento...

“bibliopride” 2012

Giornata Nazionale delle Biblioteche

La parola “biblioteca” è composta da due parole greche: βιβλίον (biblíon), che significa “libro” (o “opera”) e θήκη (théke) che vuol dire “scrigno(o “ripostiglio”).

Dunque, già la semplice etimologia della parola lascia facilmente comprendere come, praticamente da sempre, le biblioteche siano state il “luogo” deputato per eccellenza alla conservazione del “sapere”, dell'umana conoscenza e dell'attività sociale.

La presenza di biblioteche nelle piú antiche civiltà è attestata sia dai reperti archeologici che dalle notizie giunte fino a noi attraverso le opere degli scrittori antichi.
Nelle ventiduemila tavolette d'argilla rinvenute nell'antica Ninive, coperte di caratteri cuneiformi, si trovano indicazioni di appartenenza a collezioni e a sezioni della biblioteca, la quale sorgeva probabilmente nel palazzo del re assiro-babilonese Assurbanipal (669-626 a.C.).
Le prime biblioteche erano annesse ai templi o ai palazzi reali e avevano funzione di Archivi di Stato.
Altrettanto, nel periodo ellenico, le biblioteche furono fondamentali centri di studio. (fonte: http://www.bibliotecabelsitana.it/mix/storia_biblioteche.html)
Tra di esse, la celebre e leggendaria la Biblioteca di Alessandria d'Egitto, creata nel III secolo a.c., nella quale si conservavano circa 700 000 volumi.


Ma non è solo per motivi “storici” che sabato 13 ottobre, a Napoli e in moltissime altre città di tutta l'Italia, si celebrerà il “bibliopride”, la prima Giornata Nazionale delle Biblioteche.

«Le biblioteche costituiscono un’infrastruttura della conoscenza che raccoglie, organizza e rende disponibili i prodotti della creatività e dell’ingegno, fornisce accesso ad una pluralità di saperi e d’ informazioni, agevola l’attività dei ricercatori e degli studiosi, tutela la memoria culturale della nazione, offre a tutti i cittadini occasioni di crescita personale e culturale, favorendo l’acquisizione di competenze che possono essere spese nella vita sociale e lavorativa. Ma le biblioteche sono oggi anche luoghi di scoperta e di partecipazione, ambienti di apprendimento dove le persone possono imparare a dominare le tecnologie e a muoversi nel mondo sempre più esteso dell’informazione e dei saperi. Luoghi aperti, gratuiti, alla portata di tutti, che attendono solo di essere scoperti e valorizzati.»
(fonte: http://www.aib.it/attivita/bibliopride2012/)

La giornata del “bibliopride” vuole, quindi, ricordare e ribadire con “orgoglio” il ruolo culturale e la funzione sociale ed educativa che le biblioteche hanno nell'ambito di una collettività, che voglia definirsi “civile”, oltre che per ribadire l’importanza del sistema bibliotecario nazionale per la crescita del nostro Paese.

L'evento è promosso dall’AIB - Associazione Italiana Biblioteche, che già lo scorso anno aveva lanciato “la notte delle biblioteche”.

Si attende una giornata piena di sorprese e di scoperte per tutti gli italiani, lettori e non lettori, frequentatori di biblioteche e non, che costituisca anche una ri-affermazione della centralità del ruolo dei bibliotecari, che vogliono ribadire pubblicamente l’amore per la loro professione e chiedere maggiore attenzione da parte delle istituzioni.

Abitata da studenti, bambini, signori che ascoltano musica e signore che leggono il quotidiano, la biblioteca è anche una “casa”. Una casa con pareti  formate di libri.

Padroni di casa i bibliotecari. Spesso confusi con i signori severi nel far rispettare il silenzio, indulgenti nelle scadenze delle consegne dei libri a prestito.

I bibliotecari sono invece i custodi di questa casa, senza i quali nessun servizio al cittadino sarebbe possibile.

“Mamma... vado a studiare in biblioteca. Ciao!”

Quante volte abbiamo pronunciato questa frase? Tante volte!
Che poi andare a studiare in biblioteca voleva dire studiare con gli amici ma anche fare pausa raccontandosi  amori, difficoltà, paure, gioie o sciocchezze. Era condividere si lo studio ma anche la vita.

Attualmente, le biblioteche italiane sono minacciate dai tagli ai bilanci e - spesso - dal disinteresse delle istituzioni, che rispetto ad altre priorità contingenti non riesco a vedere, in maniera lungimirante, la grande importanza che il preservare e far evolvere ulteriormente questa fondamentale istituzione sociale abbia per il futuro comune.

Spesso, le biblioteche italiane sono bellissime, romantiche, emozionanti ma poco funzionali, ed avrebbero bisogno di trasformarsi, tenendosi  al passo con i tempi e offrendo una migliore fruizione, oltre che avere il prezioso ruolo di luogo della memoria.

Molti sono i bellissimi esempi di servizi evoluti, per una fruizione versatile ed un'accessibilità migliore e multimediale.

Ma ancora di più si potrebbe - e si deve - fare. Incrementando le risorse disponibili: computer, reti wi-fi, catologhi on line, servizi per disabili visivi e motori.

Tornando a questa prima bella giornata celebrativa del “bibliopride”, che ci auguriamo sia un'occasione che andrà a ripetersi, diamo uno sguardo a quanto accadrà a Napoli, e nel resto d'Italia, il prossimo 13 ottobre.

Si parte alle 10.00, con “Fatti, non promesse. Un'agenda per le biblioteche italiane”, un incontro dibattito sulla situazione delle biblioteche italiane, che si terrà presso la Basilica di San Giovanni Maggiore (Vico Santa Maria dell’Aiuto, 14).
Potete trovare maggiori informazioni sulla scaletta di interventi in calendario qui!

In contemporanea, per chi volesse scoprire l'inestimabile patrimonio di libri custodito nelle biblioteche e per conoscere i palazzi storici in cui sono ospitate, può partecipare alle “Visite alle biblioteche napoletane di pregio storico”.

Nel piacevole tour artistico e culturale sono comprese le tappe presso le biblioteche e istituzioni che hanno già aderito all'iniziativa: la Biblioteca Nazionale “Vittorio Emanuele III”, la Biblioteca di Castel Capuano “Alfredo De Marsico”, l’Accademia di Belle Arti, l’Archivio di Stato, il Conservatorio di Musica San Pietro a Majella, la Mediateca Santa Sofia.

E, ancora, la Biblioteca di Castel Capuano (dove sarà anche possibile visitare la mostra “L'oppressione dell'Avvocatura dall'inquisizione a oggi: 800 anni di resistenza scritta dal Foro napoletano”), la Biblioteca “Landolfo Caracciolo” (Convento di San Lorenzo Maggiore, che effettuerà un’apertura straordinaria con visita alla biblioteca e percorso espositivo-didattico sulla storia della scrittura).

Le visite guidate proseguiranno anche nel pomeriggio: alle 15.00, appuntamento presso la sede della “Società  Napoletana di Storia Patria”, in Piazza Municipio Maschio Angioino, per “La Società Napoletana di Storia Patria e i suoi tesori”, alla scoperta della ricca biblioteca e delle sue collezioni storiche.

Nel pomeriggio, presso il PAN (Palazzo Arti Napoli, Via dei Mille, 60), dalle 16.00 alle 19.00 si terrà “Milleunastoria”  - Storie sconfinate per bambini di tutte le età, con Nati per Leggere.

Mentre, dalle 17.00, ancora presso la Basilica di San Giovanni Maggiore (ma dall'ingresso di Largo San Giovanni Maggiore, 29) si terrà “BiblioFest”, festa finale aperta a tutta la cittadinanza, che si aprirà con un videomessaggio di Andrea Camilleri, e vedrà l'intervento di scrittori e giornalisti che racconteranno “ la biblioteca che vorrebbero”.

L'evento, condotto da Loredana Lipperini (autrice di “Non è un paese per vecchie” e curatrice del blog “Lipperatura”), sarà allietato da letture e da intermezzi musicali del “Border Jazz Trio”.

Verrà inoltre presentato il volume “Alzando da terra il sole, Parole per l'Emilia”, edito da Mondadori con il patrocinio dell’AIB. 

Si tratta di 46 racconti di grandi voci della letteratura, della musica, del giornalismo che hanno deciso di regalare la loro fama e le loro parole per contribuire alla ricostruzione della Biblioteca di Mirandola distrutta dal terremoto.

Vi sarà, inoltre, un collegamento “speciale” con Fordongianus, in Sardegna, per salutare gli editori, i librai, i bibliotecari e gli scrittori che si sono riuniti attorno all’associazione “Lìberos” per dare vita a “Facciamo stile LIBEROS”, il primo incontro-festa della comunità dei lettori sardi. 

A questo ideale gemellaggio parteciperanno anche Michela Murgia e Marcello Fois, per condividere uno sforzo e una prospettiva comune:

«dare un futuro alle biblioteche, alle librerie e ai libri di tutti e per tutti, fare acquisire a chi legge libri e frequenta biblioteche e librerie la consapevolezza di essere già oggi la maggioranza silenziosa del nostro Paese».
(fonte: http://www.aib.it/attivita/2012/27697-bibliopride-e-liberos-fanno-rete/)

Tantissime, e distribuite tra i quattro angoli dello stivale, le iniziative collegate alla giornata del bibliopride, che in molti casi si estenderanno al weekend e, anche, oltre!

Si va da Palermo (con “Liberi di condividere un libro... è la vita!”, una manifestazione che offre possibilità a chi partecipa di “liberare” un libro già letto e scambiarlo con altri libri), a Milano (dove le Biblioteche Comunali hanno organizzato la IV edizione de “La forma e l'aspetto”), da Roma (in biblioteca con “Cinemameli”, l’incredibile storia di Winter il delfino), a Reggio Emilia (dove, alla Biblioteca “Panizzi”, si terrà “Siamo nati per camminare”)

E ancora da Bologna (dove a S. Giovanni in Persiceto, negli orari di apertura della biblioteca, si terrà “PrideJunior”), a Genova (con “Biblioteche civiche di Genova”, la Biblioteca Saffi aderirà con un'apertura straordinaria), Brindisi (dove la Biblioteca di Latiano organizza degli “Incontri con Autore”), passando per Pisa (dove, presso la Biblioteca Comunale “Adrio Puccini” di Santa Croce sull'Arno, si terrà “Voltapagina in ottobre”), ed Ancona (nel comune di Maiolati Spontini, presso la Biblioteca “LaFornace” , si terrà “Chi trova un libro trova un tesoro”). 

E in tanti altri piccoli comuni che hanno parteciperanno a questa iniziativa tenendo le biblioteche aperte fino a tarda sera. 

Praticamente impossibile elencarle tutte, ma… è possibile trovare l’elenco completo delle iniziative qui!

AlessandraB & Claudio

© 2012 imieilibri.it

 

 


Evento organizzato da AIB - Associazione Italiana Biblioteche e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...