“Festival del Racconto” 2012 – Premio Chiara

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > EventiPrimoPiano > concorsi e premi letterari > gruppi di letture/reading > happening > incontri letterari > manifestazioni a tema > mostre tematiche > scuole, corsi e laboratori
Questo evento si è tenuto dal 28 settembre 2012 al 24 novembre 2012 presso località varie di Varese, Azzate, Leggiuno, Lugano, Luino, Milano (Varese), alle (vedi dettaglio eventi).
L'evento...

“Festival del Racconto” 2012 | Premio Chiara

Anche quest’anno Varese si mobilita e diventa fulcro e teatro principale dell’ormai consueto appuntamento autunnale con il “Festival del Racconto” che costituisce la naturale estensione del più famoso Premio Chiara, concorso nazionale fortemente voluto dall’associazione “Amici di Piero Chiara”.

Nel 1989 il Premio nasce con l’intento di premiare e portare al grande pubblico gli scrittori italiani, esordienti e non, ma soprattutto giovani, che si sono confrontati con il genere del racconto, così caro allo scrittore luinese.

Questa edizione del Festival presenta un programma densissimo e ricco di incontri con personalità di rilievo all’interno del panorama culturale italiano.

Un percorso tematico che si snoda tra filosofia, cinema, fotografia, scrittura e non solo, ma alla base del quale è possibile individuare un fil rouge che pone al centro di ogni riflessione la parola e l’immagine che sempre si fanno narrazione per cercare di descrivere la nostra attualità.

Piero Chiara (di cui potete leggere un brevissimo “approfondimento” in fondo a questo post) è lo scrittore che più di ogni altro ha saputo raccontare la vita quotidiana, le miserie e le nobiltà della sua terra, quel territorio insubrico, che forse a causa della sue essenza “di confine” con la Svizzera, è stato spesso dimenticato e messo in ombra rispetto alla vicina, grande Milano.

L'autore dedicò la sua vita alla cultura, partendo dal giornalismo, passando per il cinema, sempre alla ricerca di quella libertà profonda di pensiero che fu lo stendardo sotto il quale trascorse tutta la sua esistenza.


(fonte: http://www.visual-italy.it/IT/lombardia/varese/villa-recalcati/)

Come nell’edizioni precedenti, sono tantissimi gli incontri, nel calendario del Festival, cui si affiancano anche le mostre e i seminari in programma del Festival,  che si svolgono tra Italia e Canton Ticino, nelle città di Varese, Azzate, Leggiuno, Luino, Lugano e Milano.

Dando una veloce “occhiata” agli incontri previsti, tra i più interessanti segnaliamo la lectio magistralis di Carlo Sini, che aprirà la rassegna venerdì 28 settembre presso l’Aula Magna dell’Università dell’Insubria di Varese (alle 21.00).

Sini, accademico dei Lincei e autorevole filosofo italiano rifletterà sul vivere bene, e soprattutto su come oggi sia necessario reinterpretarne l’essenza stessa, facendo i conti con un’economia imprevedibile dalla quale dipendiamo.

Nella giornata successiva, sabato 29 settembre (dalle ore 9.15 alle ore 16.00) si terrà il seminario di fotografia (a numero chiuso e con prenotazione obbligatoria): “Leggere la Fotografia: storie di fotografia” con Angela Madesani e Ester Crimella, presso Villa Recalcati (piazza Libertà I) a Varese.

Nello stesso giorno, presso la Galleria Ghiggini di via Albuzzi 17 a Varese verrà inaugurata la mostra dedicata a Riccardo Prina e sarà premiato il vincitore del Premio “Prina”, presenta Mauro Gervasini.

Si parla ancora di fotografia domenica 30 settembre a Villa Recalcati dove Rudi Bianchi presenta l’incontro “Affinare lo sguardo. Quattro riflessioni sulla fotografia” in cui interverranno per parlare del loro lavoro i fotografi Mario Chiodetti, Marco Introini, Giorgio Lotti e Sabrina Ragucci.

Mercoledì 3 ottobre sarà una giornata dedicata a “Un giro in bici”, con Gianni Mura che a verrà intervistato da Francesco Pierantozzi su biciclette, ciclisti, doping, storie, canzoni e letture dal mondo del ciclismo, con la partecipazione canora di Claudio Sanfilippo (a Villa Recalcati di Varese, ore 21.00).

La situazione culturale italiana sarà invece il tema dell’intervista di Andrea Giacometti a Ilaria Borletti Buitoni a partire dal suo libro: “Per un’Italia possibile. La cultura salverà il nostro Paese” (Mondadori), giovedì 4 ottobre (alle 21.00) a Villa Recalcati (Varese).

Sempre focalizzando l’attenzione su temi che riguardano il sociale oggi in Italia il Festival presenta venerdì 5 ottobre (alle 21.00, sempre a Villa Recalcati a Varese) l’interessante confronto tra Fulvio Ervas (autore di “Se ti abbraccio non avere paura” – Marcos y Marcos) e Massimiliano Verga (autore di “Zigulì” – Mondadori), due padri che con due stili diversi ma personalissimi, raccontano cosa significhi essere genitori di un figlio disabile oggi.
Conduce l’incontro Marco Giovannelli e con la partecipazione di Cesarina del Vecchio, presidentessa della Fondazione “Piatti” di Varese.

Sabato 6 ottobre, nelle sale di Villa Recalcati a Varese (Piazza Libertà, alle 18.00), Sveva Casati Modignani, in colloquio con il bellanese Andrea Vitali, racconta di sé a partire dalla sua autobiografia Léonie” (Sperling & Kupfer, 2012) e arrivando a presentare il suo ultimo libro Il diavolo e la rossumata”.

Nel mattino della stessa giornata (sempre nella Villa Recalcati), la rassegna propone anche un interessante seminario di filosofia (gratuito, ma a numero chiuso, è necessaria la prenotazione) dal titolo “Le scritture della filosofia”: autobiografia, testo argomentativo, rapporto oralità-scrittura, poesia filosofia. Il workshop è condotto da Fabio Minazzi, con interventi di Paolo Giannitrapani, Marina Lazzari, Anna Maroni e Veronica Ponzellini.

Ancora Fabio Minazzi, in compagnia di Carlo Meazza e, con le letture di Claudia Donadoni parlano di poesia durante l’incontro di mercoledì 10 ottobre dal titolo: Luoghi di un’amicizia. Antonia Pozzi – Vittorio Sereni. 1933  - 1938”, alle ore 21.00 a Varese presso Villa Recalcati.

Il Festival del Racconto non dimentica certo di parlare anche di teatro e invita a Varese, presso il Teatrino “Santuccio” (via Sacco 10), Valentina Cortese che in “Quanti sono i domani passati” racconta storie del suo passato di attrice acclamata in dialogo con Antonio Zanoletti e Mario Chiodetti. L’incontro sarà per giovedì 11 ottobre (alle 21.00).

Ospite di Villa Recalcati a Varese, venerdì 12 ottobre (alle 21.00) Luca Telese, intervistato da Matteo Inzaghi, presenta l’idea per il suo nuovo quotidiano che si chiamerà “Pubblico”.

“C’era una volta il futuro. L’Italia della Dolce Vita” è il titolo dell’incontro, di sabato 13 ottobre (sempre nella Villa Recalcati di Varese, alle 18.00), con Oscar Iarussi, autore del libro “C’era una volta il futuro. L’Italia della Dolce vita” (ed. Il Mulino), che, intervistato da Mauro Gervasini, parlerà di «Come il capolavoro di Federico Fellini ci descrisse quarant’anni fa: non “come eravamo” ma come saremmo diventati, dalc inema alla politica e alla società.»
(fonte: http://www.ilfestivaldelracconto.it/pdf/Calendario_FestivalDelRacconto2012.pdf)

Durante l’incontro saranno proiettate e commentate sequenze del film “La dolce vita” di Federico Fellini.

Nella mattinata dello stesso giorno, presso il Palazzo Verbania di Luino (lungolago, 6), si terrà un seminario di poesia, dal titolo “Mario Santagostini. Il ‘900 lombardo”, che vedrà l’intervento di Patrizia Valduga (in questo caso, la partecipazione è gratuita, ma a numero chiuso, è necessaria la prenotazione)

Dopo la poesia e le oniriche visioni felliniane, domenica 14, al Teatro Castellani di Azzate,  sarà la volta del “pugilato letterario”: due personaggi pubblici, uno scrittore (Gianni Biondillo) e un conduttore radiofonico (Luca Crovi), si sfidano a suon di parole e opinione su uno dei maggiori casi editoriali degli ultimi anni - “Uomini che odiano le donne”, di Stieg Larsson da cui sono già stati tratti due film.

Mercoledì 17 ottobre, invece un evento “speciale”: si celebra il centenario della nascita dello scrittore Guido Morselli.

«A distanza di cento anni dalla nascita, ricordare a Milano lo scrittore Guido Morselli è parso significativo e importante. Nel capoluogo lombardo, Morselli ha vissuto gran parte dei suoi anni: glistudi e i divertimenti, prima di decidere di isolarsi nell’eremo di Gavirate. L’industria editoriale Milanese non lo ha mai accolto, eppure Morselli – pubblicato interamente postumo - oggi ha un suo posto più che meritato nell’Olimpo dei grandi scrittori del Novecento.»
(fonte: http://www.ilfestivaldelracconto.it/pdf/Calendario_FestivalDelRacconto2012.pdf)

L’incontro, condotto da Romano Oldrini e organizzato in collaborazione con la Unione Lettori Italiani di Milano, vedrà l’intervento di Valentina Fortichiari e Giulio Giorello si terrà presso la Sala del Grechetto di Palazzo Sormani (via Francesco Sforza 7) a Milano.

Sabato 20 ottobre, presso la Sala Montanari (ex cinema Rivoli, alle 21.00) a Varese, Andrea Scalzi presenta Gaber se fosse Gaber”, un omaggio al grande cantautore scomparso fatto di parole, video e musica. 

Come già accennato, parallelamente agli incontri organizzati per il Festival avrà luogo la premiazione delle varie categorie del Premio “Chiara”.

La giuria del concorso, costituita da 150 lettori italiani e ticinesi e da un comitato d’onore,  presenterà i finalisti di questa edizione 2012.

Il tema del Premio Chiara Giovani di quest’anno  è Keep in touch - teniamoci in contatto. I racconti inediti di questa sezione, riservata ad aspiranti scrittori nati tra il 1987 e il 1997, verranno presentati da Bambi Lazzati e Andrea Giacometti domenica 30 settembre (alle 16.00), presso la Libreria Feltrinelli di Varese (Corso Moro 3).

Andrea Gosetti presenta la premiazione finale della categoria Giovani, che avrà luogo domenica 21 ottobre a Villa Recalcati di Varese (alle 15.30).

Martedì 16 ottobre (alle 18.00), presso la Libreria del Corso di Varese (Corso Matteotti), Andrea Fazioli presenta il vincitore della categoria Premio Chiara “Inediti”: Andrea Moccetti.

Sarà compito della giuria popolare di lettori, assegnare il Premio Chiara a uno dei tre finalisti della categoria, selezionati da una giuria di grandi lettori composta da Romano Oldrini (Presidente), Ambrogio Borsani,Vittorio Colombo, Luca Crovi, Robertino Ghiringhelli, Luigi Mascheroni, Mauro Novelli, Ermanno Paccagnini, Gerardo Rigozzi, Luca Saltini, Gianni Spartà, Andrea Vitali.

Gli autori candidati al premio di questa edizione 2012 sono:


Niccolò Ammaniti
, con il suoIl momento è delicato (Einaudi Stile Libero), Pino Cacucci, autore di Nessuno può portarti un fiore (Feltrinelli) e Sandro Veronesi, con Baci Scagliati Altrove (Fandango Libri).

La manifestazione finale di premiazione avrà luogo, con spoglio delle schede in diretta, domenica 28 ottobre (a partire  dalle 17.15), nella Sala Napoleonica di Ville Ponti (piazzale Litta 2, Varese) conduce Claudia Donadoni.

Ricordiamo il Premio Chiara alla Carriera, che negli anni è stato conferito tra gli altri a personalità del calibro di Franca Valeri (2011), Andrea Camilleri (2010), Carlo Fruttero (2007), nel marzo di quest’anno è stato assegnato a Paolo Villaggio, volto fuori dal coro del cinema italiano che, intervistato da Massimo Boldi,  ha raccontato la sua vita e i suoi personaggi sempre in bilico tra grottesco e malinconia.

E' possibile scaricare il programma completo del Festival (in formato pdf) qui!

Viola

© 2012 imieilibri.it


Piero Chiara (Luino, 1913 – Varese, 1986)  fu un intellettuale a tutto tondo, che dedicò la sua vita alla cultura, partendo dal giornalismo, passando per il cinema, sempre alla ricerca di quella libertà profonda di pensiero che fu lo stendardo sotto il quale trascorse tutta la sua esistenza.

Accanito giocatore e rappresentante a pieno titolo di una certa “bohème” tutta italiana, lascia emergere potentemente in ogni sua opera – tra cui ricordiamo Il piatto piange” (Mondadori, 1962), Le corna del diavolo e altri racconti” (Mondadori, 1977), Il cappotto di Astrakan” (Mondadori, 1978) – la sua incredibile abilità di narratore, che si realizza donando agli altri il suo punto di vista sul mondo, e lo fa con parole semplici, con immagini, più che con elaborate costruzioni filosofiche.

L’importanza della sua produzione letteraria, seppur considerata di nicchia, è da sempre riconosciuta, ed è proprio per questo che il Premio che porta il suo nome, inizialmente nato dall’affetto e dalla voglia di ricordare episodi di vita insieme di un gruppo di amici che lo aveva conosciuto, negli anni è diventato sempre più importante e ha attirato l’attenzione di associazioni, istituzioni, comitati, italiani e svizzeri, che contribuiscono ogni anno alla sua creazione.

Moltissimi i sostenitori del Premio, ma qui vogliamo sottolineare come, tra i tanti, grande parte abbiamo le istituzioni che in questo modo si impegnano in “prima linea” nel far cultura sul territorio, supportando un’iniziativa culturalmente fondamentale che richiede grande impegno economico e organizzato per migliorare sempre più di anno, in anno.

Torna all'inizio

 

 


Evento organizzato da Associazione “Amici di Piero Chiara" e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...