“SugarPulp” Festival

L'evento...

“SugarPulp” Festival

“Territori Noir”

“Perché il Nordest, la Bassa, la grande Pianura Padana non sono più – da oggi – un Paese per vecchi.”
(Matteo Righetto)

«Un festival che nasce con l'intento di raccontare il territorio attraverso la narrativa! »

Torna dal 28 al 30 settembre il “SugarPulp” Festival, rassegna che indaga i “Territori Noir”.

Per il secondo anno consecutivo, a Padova, il festival della letteratura noir correrà ai ritmi frenetici della “narrazione dolceamaracondita dallo “zucchero di barbabietola”.

Il Festival vuole, infatti, dare bene l’idea che le sue storie, i suoi autori, i suoi talenti sono come girandole impazzite che raccontano storie di tradimenti, devianze, rabbia e dolore segnando una nuova linea di demarcazione di uno scrivere che vuole descrivere appieno una realtà – vera o presunta – tipica del nordest.

Infatti il nome “Sugarpulp” si rifà alla “polpa di zucchero” delle barbabietole, prodotto tipico del territorio Veneto.
Già dal manifesto si capisce subito l’accostamento che gli autori vogliono dare alla manifestazione.

La loro filosofia è non è basata su storie di riflessione, solipsismi o contemplazioni improbabili.

Organizzato dall’associazione “SugarPulp” e con la direzione artistica di Matteo Righetto, fondatore di “Scuola Twain”, e Matteo Strukul,  dopo i numeri della precedente edizione, il festival si ripresenta quest’anno con un programma ancora più ampio, che si diverte a mescolare laboratori-workshop - i “SugarLab” , che spazieranno anche oltre i territori della “scrittura” -, conferenze e una miriade di incontri con artisti, scrittori e talenti emergenti in ambito noir, “territorio” la cui esplorazione varcherà i confini della narrativa, coinvolgendo il mondo dei comics – sezione che ospiterà anche opere provenienti da paesi di grandissima tradizione del “genere”, come Giappone e Stati Uniti - e della cinematografia.


(fonte: http://lollenzo.giovani.it/tags/pista+cilabile+padova+notte+2009/)

Tra le varie proposte spuntano progetti artistici come “Arcane Shadow”: un progetto nato dalla collaborazione tra Giorgio Finamore ed Eye. Si tratta di un “work in progress” con l’obiettivo di rappresentare miti, eroi e dei della mitologia classica combinando illustrazione e fotografia.

Anche per gli amanti del fotoritocco, il festival ha dato vita al progetto “Common Jedi”: un set fotografico in continua evoluzione, dove persone comuni, con più o meno passione per l'universo di “Guerre Stellari” si mettono in posa con la nostra arma preferita.

(fonte: http://lollenzo.giovani.it/tags/pista+cilabile+padova+notte+2009/)Il festival vuole far “scoppiare”, a suon di fuochi artificiali, la scrittura creativa prendendo a modello grandi autori americani che hanno profondamente lasciato il segno come McCarthy e Lansdale.

L’ambizione è ardita: creare una giovane narrativa che sappia di fresco, ma che contenga anche humor (magari nero) con rabbia, odio e dolore. Insomma, in alcuni casi la vita vera e propria. In tal senso, l’attenzione sarà sempre puntata agli scrittori e ad i nuovi talenti emergenti, che il festival premierà con la riedizione del “SugarPRIZE”), riconoscimento assegnato alla persona e all'artista che ha influenzato e influenza, con opere di particolare rilievo, il movimento letterario “Sugarpulp”.

Il Premio, che nella scorsa edizione fu assegnato al “mitico” - per gli amanti del noir - Joe Lansdale, consiste in un'opera d'arte appositamente creata per l'evento.

L’opera-premio, che verrà consegnata quest’anno, nella cerimonia che avverrà nell’ultima giornata del Festival, è stata realizzata dall'artista Alessio B.

Molteplici le interviste del festival che si diversificano per la quantità e la qualità dei protagonisti affiancati dalla molteplicità dei laboratori che il festival propone.

Di seguito, passiamo ad una sintetica “carrellata”, dell’ampissimo programma “day-by-day” del Festival - che si svolge presso il Centro Civico d'Arte e Cultura Altinate/San Gaetano, in Via Altinate 71 - che come si evidenzia  già dal manifesto/programma “Una narrazione a duecento all’ora, scrittura montata in modo ipercinetico,  dialogo-azione-dialogo-azione cercando di mescolare narrazione cartacea con quella cinematografica.” - vuole imprimere alla manifestazione un ritmo iperbolico.

Già nel primo giorno, venerdì 28 settembre, si parte subito in quarta, con un’ampia tavola rotonda sul fumetto con ospiti dal calibro di Faraci, Duju e Vitti per poi passare ad una carrellata in versione moderna de “Editori e scrittori tra e-book, libri, audiolibri e Apps”: un approfondimento sull’evoluzione - recente - degli scrittori degli ultimissimi tempi.

La giornata termina con la presentazione ufficiale di “Trilogie tra Storia e Noir”, racconti al limite del grottesco che spiegano la nascita di questo stile affiancato da due celebri figure dell’ambiente: Pulixi e Rossi interverranno nella spiegazione di “Una brutta storia” e “Sinistri”.

Il programma di sabato 29, è incentrato sul respiro internazionale; un volo tra il Giappone e gli Stati Uniti nella loro storia del fumetto con Tamiazzo e Storai.

Si continua con presentazioni di mostri sacri come Cèline ne “Viaggio al termine della notte” e “Nelle mani dell'uomo corvo” rispettivamente di Corona e Santarossa.

Il pomeriggio è scandito da un confronto tra autori moderato da Ervas collegato alla presentazione della “Scuola Twain”, partner del festival.

Termina il secondo giorno con deejay che tentano di iscriversi nel mondo dell’editoria con “alta infedeltà”. (evento promosso da radio deejay).

L’ultima giornata della rassegna, domenica 30 settembre, sarà dedicata all’“eroismo” classico che apre la manifestazione con “Mytico: i supereroi dell'epoca classica” – un approfondimento tematico sugli stili, i modi e le epoche che hanno caratterizzato gli eroi dai greci ad oggi.

A seguire un importante incontro – uno tra i basilari di questa edizione – curato da Pasquale Ruju: “Da Tex a Diabolik, da Dylan Dog Nathan Never. Il ruolo della sceneggiatura nel fumetto”.

Ma, come detto, sono tantissimi gli incontri e  le interviste che il festival propone e che si diversificano per la quantità e la qualità dei protagonisti, affiancati dalla molteplicità dei laboratori, tra cui vi segnaliamo alcuni eventi speciali, come: “La 501a Legione”, il più grande club al mondo di costumi imperiali della saga cinematografica “Star Wars”, oppure uno scorcio tra i fatti più sanguinosi della storia del Veneto, o ancora “The Purple Elven Connection”: una storia che si muove in maniera sotterranea e clandestina soltanto durante il Festival.

Per chi volesse provare l’esperienza diretta di un vero scrittore, Tim Willocks  e venti altri autori creeranno una storia nuova lì in diretta sul posto.
Un’esperienza creativa piena di decisioni, di impegno e di rischio che solamente in quell’occasione si potrà giudicare. Potrebbe finire per essere un fallimento disastroso, ma se non ci fosse questo rischio non sarebbe nemmeno un’avventura.

Da non dimenticare anche il workshop sul self-publishing. Il self-publishing è senza dubbio la sfida più rischiosa per il mondo dell’editoria. Ma scrivere un libro e metterlo online è sufficiente per renderlo disponibile al pubblico? No, non basta. La faccenda è tremendamente più complicata. Ecco un workshop che permetterà di orientarvi tra i formati di conversione: auto-pubblicare un ebook o un libro è qualcosa di molto più complesso di quanto si possa credere ed è indispensabile conoscere tutti i passaggi e i trucchi del mestiere per arrivare ad avere un prodotto di qualità.

In chiusura della manifestazione vi sarà la presentazione del cortometraggio “Mara non gioca a dadi”, trattato dall’omonimo libro di Luciano Modica, e dall’attesissima premiazione del “SugarPRIZE” che chiude il festival con la proclamazione e la consegna del premio al neo-vincitore. 

Potete visualizzare il programma completo del “SugarPulp” Festival qui

Magentino

© 2012 imieilibri.it



“Pulp Fiction”, theme by Dick Dale

 

 


Evento organizzato da Associazione Culturale “SugarPulp” e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...