“Festivalfilosofia” 2012

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > gruppi di letture/reading > happening > incontri letterari > manifestazioni a tema > scuole, corsi e laboratori
Questo evento si è tenuto dal 14 settembre 2012 al 16 settembre 2012 presso località varie di Modena, Carpi, Sassuolo (Modena), alle (vedi dettaglio eventi).
L'evento...
il day-by-day di Festivalfilosofia”, per location:

“Festivalfilosofia”

XII edizione

Lectio magistralis, dibattiti, mostre, spettacoli e laboratori saranno anche quest'anno il cuore pulsante di Festivalfilosofia”, con circa duecento eventi – tutti a ingresso gratuito – in programma a Modena, Carpi e Sassuolo dal 14 al 16 settembre.

La XII edizione del festival dà la parola alle “cose”, spostando la riflessione sulla natura degli oggetti che ci circondano e nei quali siamo immersi, oggetti d'arte e del quotidiano, della tecnologia e della tradizione, forme capaci di plasmare il nostro immaginario e i modelli interpretativi del reale, incidendo sulla sfera del desiderio in un'epoca schiava del consumismo.

Dalle analisi filosofiche sullo statuto della “cosa in sé” - ripercorso attraverso gli apporti di grandi classici del pensiero occidentale-, si passerà dunque a osservare come gli oggetti vengono prodotti e consumati, come nascono e come scompaiono, come si trasformano non di rado in feticci

Un articolato scambio di idee che coinvolgerà anche i più piccoli – con laboratori e letture pensati per loro –, le buone forchette e chi ama fare le ore piccole: infatti, in oltre settanta ristoranti ed enoteche sparsi fra le tre città che ospitano il festival sarà possibile degustare pranzi e cene filosofici, mentre sabato 15 settembre è previsto il “Tiratardi”, con musei e gallerie che resteranno aperti fino a notte fonda.

Ma passiamo a una sintetica panoramica sul “day by day” degli eventi del festival, suddivisa per città.

Modena

Per tutta la durata della manifestazione (dalle ore 9 alle 23), al Palazzo Santa Margherita sarà allestita la “Piccola fiera del libro filosofico”, una mostra mercato in cui trovare testi nuovi, rari e d'occasione.

Bambini e ragazzi dai 7 anni in su potranno poi scoprire “La seconda vita della carta riciclata”, nel laboratorio in programma all'orto botanico venerdì 14 settembre (ore 17) e poi in replica domenica 16 (ore 11 e 17:30).

Ancora per i giovanissimi, sabato 15 (ore 21) il Museo Casa Enzo Ferrari si apre a “Una piccola cosa, un grande sogno”, laboratorio di collage e immaginazione dedicato a bambini dai 6 ai 10 anni.

Nel programma generale del festival, venerdì 14 si comincia con “Le lezioni dei classici”: alle 10 (Piazza XX Settembre) Roberta De Monticelli ripercorre le ricerche logiche di Edmund Husserl, mentre alle 11:30 (Piazza Grande) il pensiero di Martin Heiddeger ritorna nella lectio “La questione della cosa”, tenuta da Adriano Fabris.

Nel pomeriggio in Piazza Grande arrivano Anne Cheng, che riflette sulla ragione delle cose dal punto di vista del confucianesimo (ore 15).

Alle 16.30, Zygmunt Bauman, sarà impegnato a scandagliare il teorema del “Consumo, dunque sono” (su Zygmunt Bauman, considerato il teorico della post-modernità, potete leggere un nostro precedente reportage, relativo ad una lectio magistralis, tenuta nell'ambito dell'edizione 2010 di “Festivalfilosofia”: http://www.imieilibri.it/?p=996).

A seguire la  lectio magistralis di Remo Bodei: “La vita delle cose” (ore 18). 

In serata, al Centro Alberione (ore 21) va in scena invece il recital “Io ho quel che ho donato”, ispirato a “Il Piacere” di Gabriele D'Annunzio (in replica sabato alle ore 21). 

Sabato 15 settembre si prosegue con Emanuele Coccia e il suo intervento su “La merce come oggetto morale” (Piazza XX Settembre, ore 10), ma non si dimenticano neppure i classici con Fabrizio Desideri che – ancora in Piazza XX Settembre, alle 15 – rispolvera l'attualità di Walter Benjamin e del saggio “L'opera d'arte nell'epoca della riproducibilità tecnica”.

Per gli amanti della poesia, il pomeriggio riserva anche l'incontro in versi (e musica) con Umberto Piersanti (Laboratorio di poesia, ore 15), mentre ha un sapore nostalgico l'appuntamento delle 16:30 (Piazza Grande) con Silvia Vegetti Finzi che parlerà della “Sparizione dei giocattoli e il disincanto della nostra vita”.

In serata (ore 22) arriva in Piazza Grande anche Alessandro Bergonzoni, che stupirà il pubblico con le “acrobazie linguistiche” della lectio “Cosa dolce cosa” (qualche info in più sull'autore in un nostro precedente post).
 

L'ultima giornata del festival – domenica 16 settembre – porta a Modena Jean Searle, che esplora natura e potere degli oggetti sociali (Piazza XX Settembre, ore 10); Umberto Curi, con la domanda su “Che «cosa» è la verità” (Piazza Grande, ore 16:30); e Serge Latouche, che discute di opulenza e frugalità (Piazza Grande, ore 18).

Ancora, alle ore 21 presso la chiesa di San Carlo di grande interesse il dibattito che coinvolgerà Alberto Clementi, Carla Di Francesco, Arturo Lanzani e Gian Carlo Muzzarelli sul tema “Modelli e paesaggi post-sisma”.

Torna all'inizio

Carpi

Bancarelle di libri filosofici riempiranno Piazza Garibaldi per tutta la durata della manifestazione (orari: venerdì e sabato ore 9-23; domenica ore 9-21), mentre la giornata di venerdì 14 si divide fra classici e attualità: alle 11:30 (Piazzale Re Astolfo), Giovanni Reale rilegge la “Settima lettera” di Platone, e alle 16:30 (Piazza Garibaldi) Elena Esposito pone l'attenzione sulla transitorietà degli oggetti nel mondo della moda.

Si resta ancora in Piazza Garibaldi per incontrare le donne oggetto di possesso o d'amore protagoniste della lectio magistralis di Michela Marzano (ore 18), e Giobbe Covatta, alle prese con una riflessione sul futuro delle cose (ore 22).

Sabato 15 settembre attenzione puntata sul linguaggio e il cammino delle parole, nell'intervento di Carlo Sini (Piazzale Re Astolfo, ore 11:30); e sull'economia, con la riproposizione de “Il Capitale” di Karl Marx ad opera di Diego Fusaro (Piazzale Re Astolfo, ore 15).

Nella stessa giornata (in Piazza Martiri) anche le lectio di Massimo Cacciari, “Della cosa ultima” (ore 16:30); e Marc Augé, “Il dio oggetto” (ore 18); oltre alla conversazione con Francesco Guccini che presenta il suo “Dizionario delle cose perdute” (ore 22).

“Balletto meccanico” - Fortunato DeperoDomenica 16 a Carpi la chiusura del festival è sotto il segno dell'idolatria e del feticismo contemporaneo, con due appuntamenti in Piazza Martiri
Il primo sarà con la lectio di Salvatore Natoli (ore 15).

La serata, che concluderà gli appuntamenti carpigiani di Festivalfilosofia”, sarà incentrata sul tema “Il balletto meccanico e la donna oggetto”, fra musica e proiezione delle pellicole “Ballet mechanique” e “I racconti di Hoffmann” (ore 21).

Torna all'inizio

Sassuolo

Anche Sassuolo si prepara a esporre le sue bancarelle di libri filosofici, che aspettano i lettori in Piazza Garibaldi (venerdì e sabato dalle 9 alle 23; domenica dalle 9 alle 21).

“Oggetti in transito” intercetteranno i bambini dai 3 mesi ai 14 anni, nel laboratorio in programma a Piazzale della Rosa sabato 15 (ore 9:30 e 15:30; in replica anche domenica, con gli stessi orari), mentre “Una valigia di libri e altre cose ancora” attendono i piccoli spettatori per la performance teatrale in programma domenica 16 alla Biblioteca Cionini (ore 11).

Uno sguardo al programma generale ci riporta – per venerdì 14 – i temi dell'economia, con Eugenio Lecaldano che ripercorre il pensiero di Adam Smith (Piazzale Avanzini, ore 10); della politica, con Carlo Galli e il rapporto fra democrazia e reificazione (Piazza Garibaldi, ore 18); della scienza e del quotidiano, con Armando Massarenti e gli “oggetti intrattabili”, dalle staminali alle tangenti (Piazzale Avanzini, ore 21).

In serata (ore 21), il palcoscenico del Teatro Carani ospita poi lo spettacolo di Massimiliano Finazzer Flory ispirato al “Pinocchio” di Collodi.

L'economia immateriale e l'industria culturale sono le trame attraverso cui si legge il presente sabato 15, nelle due lectio magistralis che vedranno protagonisti, rispettivamente, Enzo Rullani (Piazzale Avanzini, ore 10) e Scott Lash (Piazza Garibaldi, ore 11:30).

Inoltre, alle 15 (sempre in Piazza Garibaldi) Remo Bodei torna sulla “Fenomenologia dello spirito” di Hegel, mentre alle 21 (al Teatro Carani) Stefano Benni e Fausto Mesolella annunciano che “Ci manca Totò”.

Chiusura – domenica 16 in Piazza Garibaldi – con Marino Niola, che fa luce sul potere magico delle cose (ore 16:30); e Umberto Galimberti, che si sofferma sul feticismo del mercato (ore 18).

Francesca M

© 2012 imieilibri.it

Torna all'inizio


In caso di maltempo, gli incontri all'aperto si terranno in location alternative.
In dettaglio:

- Modena: tensostruttura di Piazza XX Settembre
- Carpi: tensostruttura di Piazzale Re Astolfo
- Sassuolo: tensostruttura di Piazzale Avanzini

Festivalfilosofia” è un evento promosso dai Comuni di Modena, Carpi e Sassuolo, con il sostegno della Provincia di Modena e di diversi sponsor.

Il programma completo della manifestazione è scaricabile qui.

Per restare informati su eventuali modifiche di calendario, visitate il sito ufficiale.

Torna all'inizio



Aretha Franklin - “Chain Of Fools”

 

 


Evento organizzato da Comuni di Modena, Carpi e Sassuolo e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...