Parolario 2012: “Leggere il futuro”

redazione imieilibri.it Postato da redazione imieilibri.it in Eventi > gruppi di letture/reading > happening > incontri letterari > incontro con autori > manifestazioni a tema > scuole, corsi e laboratori
Questo evento si è tenuto dal 30 agosto 2012 al 9 settembre 2012 presso Villa Olmo, Villa del Grumello, la Fondazione Antonio Ratti, il Teatro Sociale e la Biblioteca Comunale di Como (Como), alle (vedi dettaglio eventi).
L'evento...

Parolario 2012: “Leggere il futuro”

L’associazione culturale “Parolario” organizza da dodici anni a Como l’omonimo festival letterario, dedicato ad autori, scrittori, filosofi, poeti, artisti, pensatori, scienziati, cantautori e registi provenienti da tutto il mondo.

Sullo sfondo del Lario, meglio conosciuto come Lago di Como, gli uomini di cultura si incontrano per raccontare e raccontarsi.

Il tema centrale di questa edizione sarà “Leggere il futuro”: non certo attraverso la sfera di cristallo di una chiromante, ma con un’attenta analisi e una profonda riflessione sui possibili punti di vista che l’uomo può applicare al proprio divenire.

Il Festival sarà inaugurato giovedì 30 agosto e proseguirà fino a domenica 9 settembre, con un calendario fitto d’incontri nei luoghi più belli del capoluogo comasco: Villa Olmo, Villa del Grumello, la Fondazione Antonio Ratti, il Teatro Sociale e la Biblioteca Comunale.

Dopo la cerimonia di apertura giovedì 30 agosto (alle 17.30, a Villa Olmo), Giorgia Cafiero e Alberto del Prete, dell’eXcomo ballett, uniranno ginnastica ritmica ed espressività per creare una performance di danza incentrata sull’individuo e il futuro dell’umanità.

Di seguito, l’incontro “Il futuro imprevedibile di Homo sapiens” con il filosofo Telmo Pievani, una riflessione sull’imprevedibilità del ruolo umano nel mondo.

In serata, la scrittrice Graziella Bernabò presenterà il suo ultimo libro “La fiaba estrema. Elsa Morante tra vita e scrittura” (Carocci) e, per rimanere in tema, verrà proiettato il film-documentario “Elsa Morante” diretto da Francesca Comenicini.

torna all'inizio

In apertura, venerdì 31agosto, l’incontro “Argonauti nelle Alpi. Narratori in viaggio”, dal titolo dell’omonimo libro (E.CH.I.) con Enrico Camanni e Marco Albino Ferrari, una testimonianza partecipante sulle culture, le comunità e i riti delle Alpi italiane.

Seguirà un altro incontro con protagonista la cultura, questa volta quella asiatica: “Giappone, Cina e India nel futuro dell'Occidente”, Giuliano Boccali, Gian Carlo Calza e Alessandra Lavagnino dialogheranno sul cammino che l’Asia sta compiendo, da luogo di conquista coloniale a centro nevralgico per l’economia.


Scenderà poi in campo la scienza; la formatrice Laura Maestri parlerà di “Programmazione NeuroLinguistica: l’orientamento verso il futuro”.

In serata l’incontro “Vecchia Persia e nuovo Iran” con l’autore iraniano Kader Abdolah, che presenterà il suo ultimo libro “Il Re” (Iperborea) in cui istruisce divertendo, come da tradizione persiana. A chiudere la serata sarà la proiezione in lingua originale di “I gatti persiani”, film di Bahman Ghobadi.

torna all'inizio

Il giornalista Antonio Marino aprirà la giornata di sabato 1 settembre con “Como, dal passato una lezione per il futuro” presentazione del saggio storico “Como al tempo del decoro e dell’orgoglio” (Alessandro Dominioni Editore).
Un secondo incontro con l’autore, nel pomeriggio: l’autrice televisiva e scrittrice Rosa Teruzzi presenterà “Il segreto del giardiniere” (Rusconi), romanzo in cui la protagonista è una rara donna detective.

Alle 18.00 un nuovo incontro con la filosofia: “Improbabilità e speranza”, Salvatore Natoli rifletterà sulle polarità della cultura, tra rischio, speranza e improbabilità.

Di seguito Federico Grom e Guido Martinetti presenteranno “Grom. Storia di un’amicizia, qualche gelato e molti fiori” (Bompiani), libro che racconta l’ambizioso progetto per la realizzazione del gelato più buono del mondo.

Alle 20.30 “L'eterno Peter Pan”, incontro con il comico Flavio Insinna e il suo primo libro “Neanche un morso all’orecchio” (Mondadori) che parla del suo rapporto con il padre.

Chiuderà la serata la proiezione di “Big Fish”, film di Tim Burton sulla maturità e la relazione padre-figlio.

torna all'inizio

Domenica 2 settembre il festival sarà aperto con altri incontri con l’autore: Licia Granello, food editor, presenta il suo ultimo libro “Il gusto delle donne” (Rizzoli) e, nel pomeriggio, il giornalista Marcello Foa introdurrà “Il bambino invisibile. Una sensazionale storia vera” (Piemme), che narra di Manuel Antonio Bragonzi, il bambino invisibile diventato grande tra i boschi del Cile.

Alle 18.00 l’avvocato milanese appassionato di astrologia Leandro Cantamessa si interrogherà sul tema “Leggere il futuro?”.

Di seguito, Alberto Patrucco in “Chi non la pensa come noi: lapidario, tra parole e musica (da Brassens)” con Daniele Caldarini (pianoforte) e Francesco Gaffuri (contrabbasso) una moderna “Antologia di Spoon River” tra comicità, musica e parole.

In serata un importante incontro con l’autore: la scrittrice, poetessa, saggista, drammaturga e sceneggiatrice italiana Dacia Maraini dialoga con Katia Trinca Colonel.

A chiudere la serata “La voce di Pasolini” film-documentario di Mario Sesti e Matteo Cerami con i testi del poeta, regista e scrittore, letti da Toni Servillo.

torna all'inizio

Nel pomeriggio di lunedì 3 settembre l’esperto di comunicazione Giuseppe Bresciani presenterà il suo nuovo libro “L'inferno chiamato Afghanistan. Storie del Paese dei talebani” (Lampi di Stampa).

Di seguito Paola Violani, Carlo Pagani, Mimma Pallavicini e Giustino Ballato parleranno di “Il futuro del nostro verde: l'esempio dell'edible landscaping. Un paesaggio bello da vedere e buono da mangiare”, in collaborazione con Orticolario.

Alle 18.30 la docente di Letteratura francese presenterà il suo libro “Scritti galeotti. Narratori in catene dal Settecento a oggi” (Sellerio): Casanova, Dostoevskij, Flaubert, Zola, Campana, Guareschi, Semprún e Malaparte tra scrittura e galera.

«è necessario guardare al futuro. Lo dico io che ho 90 anni. Certo, non posso più fare molte cose. Ho sciato fino a 75 anni e nuotato fino a poco tempo fa. Oggi, dopo che mi sono rotta il femore e non posso più muovere bene la gamba, mi devo limitare a fare il morto in piscina. Bisogna accontentarsi. Ogni età ha le sue bellezze. Dobbiamo cercarle. Ma io credo di averle trovate».
Queste parole sono tratte dal libro di Giovanna Caldara e Mauro Colombo “Tanto tu torni sempre” (Melampo), storia di Ines Figini, comasca deportata nel 1944.
L’incontro con questo libro sarà a cura del Teatro di Noi.
Concluderà la serata la proiezione del film “Il labirinto della passione” di Alfred Hitchcock.

Nell’ambito di Parolario i ragazzi del Liceo Classico “Alessandro Volta” di Como presentano due spettacoli preparati nel corso di lezioni di teatro antico e dei laboratori propedeutici.

Nella corte del Liceo andranno in scena: Medea” tratto da “Medea” di Euripide e “Umbrella”, commedia noir ambientata a Chicago, patria del proibizionismo e della malavita durante l'età del jazz.

torna all'inizio

Martedì 4 settembre gli appuntamenti saranno inaugurati da Norbert Lantschner uno dei più rinomati esperti internazionali di sostenibilità con l’incontro “Il futuro che vogliamo”: una riflessione sul progettare il proprio futuro.

Di seguito Giovanna D’Amia e Lucia Tenconi introdurranno il libro “Ico Parisi. Architettura, fotografia e design. L'immagine come progetto” (Enzo Pifferi Editore), e - alle 18.00 - la performance multimediale: “Radionde d’avanguardia: Ubaldo Serbo” con Andrea Alpini e Gabriele Carù, incontro dedicato al poeta futurista Ubaldo Serbo.

Più tardi, un nuovo incontro con la filosofia: Silvano Petrosino parlerà di “Il denaro: da mero strumento a fantasma vorace”, una folgorante analisi sul denaro tratta dal suo ultimo libro “Soggettività e denaro” (Jaca Book).

Alle 19.30 Davide Van De Sfroos incontrerà l’autrice e conduttrice televisiva Ilaria D'Amico per presentare il suo primo libro “Dove io non sono” (Bompiani).

Di seguito sarà la poesia la protagonista grazie a “Alda Merini, nostra madre” con Ambrogio Borsani ed Emanuela Carniti, 
Le letture saranno a cura di Rosanna Pirovano, accompagnata dalle musiche interpretate da Pietro Boscacci.

Infine, il consueto appuntamento con il cinema: “Séraphine” di Martin Provost.

torna all'inizio

Ancora fitto il programma per mercoledì 5 settembre: Filippo Zanoli e Andrea Peduzzi parleranno di videogames nell’incontro “Il coraggioso nuovo mondo. I videogames e le nuove frontiere della narrazione”.

scultura di libri di Guy LarameeInvece, l’architetto e artista Fabio Fornasari si soffermerà su “Lo spazio del libro: uno spazio per gli occhi, le mani e la mente”, una riflessione sulla lettura ch abita nuovi spazi.

Contemporaneamente Gualtiero Marchesi e Marco Bolasco parleranno di “Disegnare il futuro della ristorazione”, in prospettiva creativa.

Alle 18.30 l’incontro “La primavera araba e il futuro del Medioriente”, con Younis Tawfik autore del racconto “La ragazza di Piazza Tahrir” (Barbera), porterà in primo piano il futuro del Medioriente.

Di seguito, un altro autore sarà protagonista: Mauro Corona scrittore, scultore ligneo e alpinista, presenterà il suo ultimo libro “La casa dei sette ponti” (Feltrinelli).

Nell’incerta prospettiva umana e nel pieno della crisi spirituale, Sherazade Hushmand, David Sciunnach e Marco Roncalli si soffermeranno su “Il futuro delle religioni”, che necessitano tutte di una riforma del linguaggio.
A chiudere la serata l’incontro cinematografico. Sarà proiettato “Kundun” di Martin Scorsese.

torna all'inizio

Felice Cappa aprirà gli appuntamenti di giovedì 6 settembre con “La rivoluzione di Gianni Rodari” (vedi anche il nostro precedente “approfondimento” sull'autore:  http://www.imieilibri.it/?p=8429), un ritratto inedito che ripercorre le tappe della formazione di Gianni Rodari e l’evoluzione del suo pensiero poetico, con letture a cura di Fata Morgana.

Alle 17.00 un incontro con l’autore: Piercarlo Grimaldi parlerà del cibo della tradizione in “Nutrire il futuro. Cibo e rito”; contemporaneamente, nelle librerie della città si terrà un Omaggio a Dickens”, persone comuni e attori leggeranno brani del grande autore inglese nel bicentenario dalla nascita (anche sul grande Dickens potete leggere un precedente “approfondimento” su “imieilibri.it”: http://www.imieilibri.it/?p=9157).

Alle 18.00 un dialogo tra Domenico Quaranta e Elena Di Raddo: “Il futuro è già qui. Nuove tecnologie e arte: media, new media, postmedia”, una lunga riflessione sul rapporto tra arte contemporanea e nuovi media, una storia lunga ormai più di mezzo secolo.

Subito dopo, si terranno “I paradigmi del futuro. Lo scenario dei trend”, discussione sulle tendenze di consumo tratto dall’omonimo libro (Nomos Edizioni) di Francesco Morace e l’appuntamento con Ginevra Bompiani per la presentazione del suo ultimo libro “La stazione termale” (Sellerio).

Alle 20.30 un nuovo incontro con la filosofia: Giulio Giorello parlerà di “Tradimento. In politica, in amore e non solo” (dello stesso autore, vedi anche la presentazione di “Senza Dio” su “imieilibri.it”: http://www.imieilibri.it/?p=6587).
Per concludere la serata, un incontro musicale, intorno a “I Capuleti e i Montecchi” di Vincenzo Bellini con i cantanti dell'AsLiCo e Federica Falasconi al pianoforte.

Al termine, “Questo amore così violento, così fragile, così tenero, così disperato”, videomontaggio su Romeo e Giulietta nel cinema e nell’opera a cura di Mario Bianchi.

torna all'inizio

Venerdì 7 settembre, saranno le donne le prime protagoniste del festival: Maria Luisa Frosio e Cinzia Palmi dialogheranno intorno a “Le donne: motore del cambiamento e dello sviluppo sostenibile”.

Contemporaneamente si terrà la passeggiata con l’autore “Un viaggio letterario nella storia architettonica della città” con Gianni Biondillo.
L’autore si fermerà poi a Villa Olmo per l’incontro “A Como non sono razionale. Un viaggio letterario nella storia architettonica della città”.

Saranno poi la musica e la poesia ad essere protagoniste: alle 19.30 “Concerto di mandolini e chitarre” con l’Orchestra a plettro Flora 1892.

Alle 20.30, “Per troppa vita che ho nel sangue. Antonia Pozzi e la sua poesia” incontro con Graziella Bernabò e Suor Onorina Dino.

Chiuderà la serata la proiezione di “Poesia che mi guardi” di Marina Spada, basato sulla vita della poetessa Antonia Pozzi.

torna all'inizio

La giornata di sabato 8 settembre si aprirà con un appuntamento per ragazze e famiglie: la caccia al tesoro “Fuori pista! Viaggio tra le architetture razionaliste”.

Alle 11.30 sarà possibile incontrare l’autrice Sandra Bonzi, che presenterà il suo libro “Stress and the City” (Rizzoli).

Nel pomeriggio il consueto incontro con la filosofia vedrà protagonista Andrea Moro con il dibattito “Parlo dunque sono”.

Di seguito due incontri con gli autori: Isabella Bossi Fedrigotti presenterà I vestiti delle donne” (Barbera) e Jón Kalman Stefánsson parlerà del suo “La tristezza degli angeli”
(Iperborea).

Alle 21.00 lo spettacolo “I Promessi Sposi da Alessandro Manzoni”, diretto e interpretato da Massimiliano Finazzer Flory, promette di essere un tributo alla potenza poetica del linguaggio musicale e letterario, grazie alle coreografie di Gilda Gelati sulle musiche di G. Verdi, P. Mascagni, V. Bellini, N. Paganini, L. Berio, N. Rota. Chiuderà la serata un connubio di cinema e danza, con la proiezione di “Ginger e Fred” di Federico Fellini.

torna all'inizio

L’ultimo giorno del festival, domenica 9 settembre, sarà nuovamente aperto dalla caccia al tesoro per famiglie e seguito dalla camminata poetica “Il chilometro della conoscenza e il futuro della poesia” con Matteo Fantuzzi.

Saranno diversi gli incontri con gli autori dell’ultima giornata: Marina Terragni presenterà “Un gioco da ragazze” (Rizzoli), Alessandro Coppola introdurrà il suo “Apocalypse town. Cronache dalla fine della civiltà urbana” (Laterza), Luca Doninelli parlerà di “Cattedrali: lo spirito eterno delle città” (Garzanti) e Gianni Barbacetto e Davide Milosa presenteranno “Le mani sulla città” (Chiarelettere). Infine, il procuratore antimafia Pietro Grasso parlerà di “Liberi tutti. Lettera a un ragazzo che non vuole morire di mafia” (Sperling & Kupfer, 2012).

L’ultimo incontro filosofico sarà con Franca D'Agostini, sul tema “Filosofia e democrazia”.

A chiudere il festival e il ciclo di incontri cinematografici sarà “Bronx” di Robert De Niro.

laMau

© 2012 imieilibri.it

torna all'inizio


Potete consultare il programma completo qui!

 

 


Evento organizzato da Associazione Culturale “Parolario” e pubblicato anche qui!

Ti piace questo post? Segnalalo ai tuoi amici...
o condividilo sul tuo Social Network...  
  • Share/Bookmark
Ti piace “imieilibri.it”? Faccelo sapere...
Sottoscrivi gli aggiornamenti de “imieilibri.it” su Facebook...

Scrivi la tua opinione su questo post...